Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


Il Nord della Cina è al freddo

Tencent vale più di Facebook

Terremoto nel capitalismo cinese

La Cina censura Peppa Pig

Bruxelles pronta a difendere l'acciaio europeo

TIBET, LA SPAGNA VUOLE ARRESTARE JIANG ZEMIN 11/2/14

CINA, LE SCUSE DELLA GUARDIA ROSSA 17/1/14

SHANGHAI AVVOLTA DALLO SMOG 6/12/13

CINA, ABOLITI I CAMPI DI RIEDUCAZIONE E PIÙ FLESSIBILITÀ SUL FIGLIO UNICO 16/11/13

CINA, AL VIA IL TERZO PLENUM DELL'ERA XI 9/11/13

CINA, QUANTO COSTA IL 120 ANNIVERSARIO DELLA NASCITA DI MAO 25/10/13

CINA, VERSO UNA CRESCITA DI QUALITÀ 11/10/13

SHANGHAI MINACCIA IL RUOLO ECONOMICO DI HONG KONG 20/9/13

CINA, LA FAZIONE DEI PETROLIERI ALLE STRETTE 2/9/13

CINA, DOPO BO È IL TURNO DI ZHOU YONGKANG? 30/8/13

CINA/SISMA, LO SCONTRO TRA PLACCHE 13/5/08

Le valutazioni dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Em. Gio.

Martedi' 13 Maggio 2008


Il sisma che ha colpito il Sichuan non è un caso isolato. E si ripeterà. Ma la Cina ha anche fatto progressi nel campo del monitoraggio e della prevenzione. Questo il parere degli esperti dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv). L'istituto italiano la scossa l'ha registrata alle 8 e 28 italiane. Una forte scossa di terremoto localizzata in nella provincia del Sichuan a circa 90 chilometri a nord-ovest di Chengdu, capoluogo provinciale.
“Il terremoto – spiega il sismologo dell'Ingv Nicola d'Agostino - si è verificato nella estesa zona di deformazione causata dalla convergenza della placca indiana verso quella euroasiatica che si estende dal fronte himalayano fino al deserto di Gobi, circa duemila chilometri a Nord del fronte himalayano. La zona colpita dall’evento è il bordo occidentale del bacino di Sichuan caratterizzato da forti terremoti anche in periodi recenti con magnitudo comparabile con il terremoto odierno. Non si tratta comunque di un evento isolato. Purtroppo si ripeterà
Era dunque prevedibile?
Prevedibile come possono esserlo i terremoti, solo nel senso che noi sappiamo che questa è una zona ad alto rischio interessata dai movimenti della placca indiana che si sta muovendo verso la placca del grande continente euroasiatico a una velocità di circa 4 cm l'anno, una velocità tale da provocare scontri ovvero terremoti. Si tratta di un'area molto vasta che va dal Pakistan all'India
Dunque anche l'ultimo terremoto nel Kashmir pachistano rientra nella casistica?
Esatto. Tenga conto che stiamo parlando di movimenti che si svolgono nell'arco di milioni di anni e del resto l'ultimo sisma in questa zona della Cina, di magnitudo 7,7, si è verificato nel 1973
C'è una preoccupazione per la famosa diga delle Tre gole che è abbastanza vicina...
Con i dati a disposizione, la diga delle Tre Gole non sembra avere una relazione di causa-effetto con l’evento di oggi
Il terremoto viene seguito da altre repliche?
Si ma di magnitudo massima pari a 6 e in seguito 5, decrescenti
Come sta rispondendo la Cina?
Negli ultimi anni i sistemi di monitoraggio e prevenzione sono molto migliorati e c'è stato dunque un notevole progresso
Parte dell'impianto edilizio però è collassato
E' sempre difficile, come si può immaginare, adeguare l'intero patrimonio urbanistico alle regole di costruzione antisismica, per ovvi motivi. Un problema che abbiamo anche in Italia

Pubblicato sui quotidiani locali del Gruppo Espresso



Powered by Amisnet.org