Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


NOI STIAMO CON GLI AFRICANI

SCONFINAMENTI A CERTALDO IL 30 OTTOBRE

I 25 ANNI DI LETTERA22 AL SALONE DELL'EDITORIA SOCIALE 2-3 NOVEMBRE

RICORDO DI DONDERO, A BERGAMO 11 MARZO

Guerra e bambini: un'iniziativa a Milano l'8 giugno

CONOSCERE LA GUERRA. A UDINE IL 20 FEBBRAIO

CONVEGNO DI STUDI SULL’AZERBAIGIAN E LA REGIONE DEL CASPIO

ATLANTE DELLE GUERRE, LA SESTA EDIZIONE

TRENTO: CONVEGNO DI STUDI SULL’AZERBAIGIAN

IL MONDO SCONVOLTO DALL'IS ALL'UCRAINA

DUE GIORNI DI DIALOGO AD ASSISI IL 14 E 15 APRILE

GLI STRANI FIORI DEL PAKISTAN, A ROMA 8 /2/14

COSA NE PENSANO GLI AFGANI, RICERCA DI "AFGANA" A ROMA IL 16/12/13

AFRICA E SOLIDARIETA', A GENOVA 14-16/11/13

A CHE SERVE L'UMANITARIO? UN CONVEGNO A ROMA il 21/11/13

ALLA SALA 1 L'AGGHIACCIANTE MEMORIAL DI CRISTIANO BERTI 3/05/08

Dal 10 maggio per il Festival Fotografia 18 scatti che uniscono l'ostinata presenza dell'obiettivo ai sentieri interrotti della cronaca nera per denunciare una violenza che non ha mai fine: quella sulle donne

Sabato 3 Maggio 2008
Memorial è una esposizione costituita da una serie di 18 grandi fotografie che ritraggono luoghi della provincia di Torino. L’artista Cristiano Berti ha iniziato nei primi mesi del 2001 la sua ricerca: luoghi comuni, anonimi, che a un primo sguardo non presentano nulla in comune. Ma i paesaggi di Berti sono solo in apparenza banali e casuali. Chiedendo ad un fotografo professionista di riprendere i luoghi in cui sono stati rinvenuti i corpi di prostitute brutalmente assassinate, egli riscatta l’apparente banalità dei soggetti ritratti.

Il tema della serie è dunque quello della violenza nei confronti delle donne: 18 luoghi della provincia di Torino nei quali, tra il 1993 e il 2001, sono stati trovati i corpi straziati di 19 donne. L’Italia è il paese europeo dove sono assassinate più donne immigrate, e la maggior parte di queste sono prostitute di strada. Sulle strade italiane ne sono state uccise centinaia. Le indagini su questi casi non hanno quasi mai individuato i colpevoli. La percezione sociale di questi fatti li colloca in un territorio che non è quello della gente comune, quasi come se avvenissero su un altro pianeta.
Nelle fotografie di Berti, questa inquietante consapevolezza viene restituita dall’inquadratura, orientata verso il suolo in modo dichiaratamente antiaccademico, che trova il focus nel luogo di ritrovamento di un cadavere che è ormai assente. Soltanto un indizio che, sia pure proposto in maniera così sottilmente psicologica, sofisticata, minimale, prepara comunque lo spettatore alla rivelazione della ragione per cui questi luoghi sono stati scelti. Un indizio che giunge a questo scopo nel suo ripresentare simbolicamente lo spazio e la posizione della violenza gratuita propria d’ogni omicidio: una violenza che sempre colpisce e sempre domina, che uccide senza appello e con brutalità anche se in silenzio. Da questo punto di vista, “Memorial” risulta essere la rappresentazione esatta di uno degli attivanti della nuova paura, la rappresentazione efficace e densamente significativa di come questa da un territorio corporale si sia trasferita in uno prevalentemente mentale, interiore.

Le caratteristiche della serie Memorial entrano in relazione con il tema scelto per l’edizione 2008 di FotoGrafia: “Vedere la normalità. La fotografia racconta il quotidiano”. Le fotografie di Berti si costruiscono infatti su un doppio registro, dove normalità e banalità sembrano l’altra faccia, ma in realtà ne costituiscono il naturale contesto, della silenziosa tragicità di questi crimini quotidiani.

Cristiano Berti. Memorial

a cura di Emanuela Termine, Gabriele Tinti

Sala 1 - Centro Internazionale d’Arte Contemporanea
Piazza di Porta San Giovanni, 10 – 00185 Roma
Tel. +39(06)7008691
salauno@salauno.com | www.salauno.com

inaugurazione Sala 1 sabato 10 maggio 2008 dalle ore 18.30

orari apertura da martedì a sabato dalle ore 15.30 alle 19.30
fino al 10 giugno2008


in collaborazione con FotoGrafia Festival Internazionale di Roma



Powered by Amisnet.org