Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


I miissili di Kim mettono sotto pressione la difesa giapponese

I miissili di Kim mettono sotto pressione la difesa giapponese

I miissili di Kim mettono sotto pressione la difesa giapponese

LA BASE USA RESTA A OKINAWA 28/12/13

FUKUSHIMA, SITUAZIONE SI AGGRAVA 29/8/13

"IO E LA YAKUZA", INCONTRO CON JAKE ADELSTEIN 18/9/11

GIAPPONE, IL NUOVO PREMIER E' NODA 30/8/11

MAEHARA PRONTO PER IL DOPO-KAN 25/8/11

DA HIROSHIMA A FUKUSHIMA 10/6/11

DOPO FUKUSHIMA IL GIAPPONE ENTRA IN RECESSIONE 19 MAGGIO 2011

"L'ARROGANZA DEL GIAPPONE NUCLEARE". INTERVISTA ALL'ATTIVISTA TANAKA TERUMI 18/3/11

MOBY DICK E' SALVA (PER ORA) 17/3/11

KYABAJO, L'ARTE DELLA ESCORT 22/5/10

LA CRISI DEL TONNO (E DEL SUSHI) 25/2/10

IL DOPPIO APPUNTAMENTO CON L'ATOMICA DI TSUTOMU YAMAGUCHI 7/1/10

IL MISTERO SHINZO ABE 4/8/06

Se sarà lui il prossimo premier, cosa farà con la Cina?

C. L.

Venerdi' 4 Agosto 2006

Shinzo Abe, attuale capo di gabinetto del governo di Tokio, ormai non dovrebbe più avere rivali in grado di impensierirlo nella corsa alla successione del primo ministro J. Koizumi. Il ritiro del suo avversario più importante, J. Fukuda, ex capo di gabinetto del governo di Tokio, infatti, gli ha spianato la strada alla successione. Ed ora Abe sembra scoprire alcune carte politiche interessanti: Abe è considerato un esponente importante dell’ala dei ‘falchi’ del Pld, il Partito liberaldemocratico, di destra, al potere a Tokio (come peraltro lo stesso Koizumi). In particolare è considerato seguace di una politica di confronto con la Cina, mentre il suo ex avversario Fukuda era fautore di una strategia di amicizia con Pechino e con i paesi asiatici emergenti. Ora Abe, come dicevamo, inizia a scoprire qualche carta nuova. Lo ha fatto ad esempio con un discorso, importante, a Tokio in un incontro sponsorizzato da China Daily, dall’Università di Pechino e da un think tank giapponese,. Genron Npo.
Abe ha detto, ‘voglio forti legami con la Cina’. Secondo il prossimo primo ministro giapponese, le difficoltà nei rapporti bilaterali sino giapponesi sono dovuti a ‘malintesi’. Nonostante questo orientamento, però, Abe vuole continuare a visitare il controverso santuario Shinto (come Koizumi, secondo cui si tratta di un diritto individuale). Ma la dichiarazione, e la sede della dichiarazione, lascia supporre che il ‘falco’ di Tokio, abbia in testa un approccio politico meno ‘falco’ di quello che ci si poteva aspettare. L’ambasciatore della Cina in Giappone ha espresso a sua volta la speranza in rapporti migliori. La Comunità internazionale e l’Asia nordorientale aspettano e sperano.




Powered by Amisnet.org