Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


Libia, tutti i rischi della guerra

CAOS LIBICO 12/9/13

LIBIA: RENDITION E TORTURE CIA PER GLI OPPOSITORI DI GHEDDAFI 8/9/12

LIBIA, AMNESTY INTERNATIONAL DENUNCIA: TORTURE E VIOLENZE DA MILIZIE FUORI CONTROLLO 16/02/12

TUTTI GLI INTERROGATIVI SUL FUTURO DELLA LIBIA 24/10/11

"GHEDDAFI? NON FU SOLO UN MOSTRO" 31/9/11

ELISABETTA E I RISCHI DI UN MESTIERE 25/8/11

LE ULTIME ORE DEL REGIME LIBICO 22/08/2011

LIBIA, GLI USA INCONTRANO RAPPRESENTANTI DI GHEDDAFI 19/07/11

L'ACCORDO TRA ROMA E BENGASI FOTOCOPIA DI QUELLO CON TRIPOLI 28/6/11

JABRIL: «RESISTEREMO PIù DI GHEDDAFI» 5 MAGGIO 2011

LIBIA, I FIGLI TENTANO IL NEGOZIATO 4/4/11

ITALIA E LIBIA, IL DISCORSO DI NAPOLITANO ALL'ONU 29/03/11

I DUBBI SULLA NFZ E IL BICCHIERE MEZZO PIENO 20/3/11

ONU IN ALLARME PER LE VIOLENZE SUI MIGRANTI IN LIBIA 09/03/2011

ITALIANI A BENGASI 19/02/06

Il consolato generale d'Italia a Bengasi è l'unica rappresentanza diplomatica nella seconda città della Libia.

Lucia Sgueglia

Domenica 19 Febbraio 2006
Una rappresentanza numericamente piccola ma responsabile di un vasto territorio, quella del Consolato generale d’Italia a Bengasi: comprende tutta la Cirenaica storica, regione della Libia ricca di celebri siti archeologici. Mille chilometri a est di Tripoli, affacciata sul golfo della Sirte, Bengasi è la seconda città libica, un porto economicamente vivace e sede di industrie edili.
Sono sei i dipendenti italiani attualmente in forza nell’ufficio consolare cittadino, alle obbedienze del Console Giovanni Franco Maria Pirrello. A lui si affiancano un vice, un cancelliere e alcuni commissari amministrativi. A supportare il lavoro degli italiani in loco come sempre alcuni contrattisti locali, almeno quattro tra logisti e interpreti. Dopo il violento attacco sferrato alla sede diplomatica nella giornata di venerdì, quattro impiegati sono stati trasferiti in un albergo di Tripoli con le loro famiglie. In tutto una quindicina di persone, compresi alcuni bambini e la moglie del Console. Pirrello ha deciso invece di rimanere a Bengasi – fino a ordine contrario del Ministero - insieme a due collaboratori, in una residenza governativa a qualche chilometro dal centro della città, per vegliare sulla sicurezza dei connazionali che vi abitano e “garantire gli interessi degli italiani”, una ottantina di persone in tutto. Il Consolato generale italiano è l’unica rappresentanza diplomatica straniera della città. A testimoniare gli antichi rapporti tra Italia e Libia c’è l’architettura cittadina, ricca di edifici in stile neoclassico tipico del Ventennio che il regime vi importò. Ma a Bengasi gli italiani arrivano ben prima del fascismo, come ricorda l’unica chiesa cattolica, dedicata a Maria Immacolata, anch’essa purtroppo presa di mira venerdì notte.
Il maggior numero di connazionali residenti in Libia si trova però a Tripoli. Anche se non si sono verificati incidenti nella capitale, gli italiani sono spaventati e preferiscono non uscire dalle proprie abitazioni. Lo conferma un italiano funzionario dell’Onu: “La paura è molta. Anche perché purtroppo le nostre macchine sono riconoscibili da un numero di targa. Pare che ieri ci siano stati molti inseguimenti da parte di strane automobili che hanno pedinato e minacciato i dipendenti dell'Agip. Questi vivono quasi tutti in un compound poco fuori città e l'ambasciata ha ordinato loro di non uscire dalla zona.”
Era il 7 ottobre del 1970 quando il colonnello Gheddafi decise l’espulsione dei 20.000 italiani rimasti dopo il fascismo. Oggi i nostri connazionali ancora residenti in Libia sono poco meno di ottocento. Tra loro, molti i dipendenti delle aziende italiane del settore energetico, Agip ed Eni in testa.

L'articolo è apparso oggi sui quotidiani del gruppo l'Espresso



Powered by Amisnet.org