Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


Condanna a 5 anni per l'erede Samsung

Trump pronto ad armare Seul e Tokyo

VISITA A HANAWON, DOVE SI RIEDUCANO I NORDCOREANI 24/8/2013

IL SALTO NEL VUOTO DI RHO MOO-HYUN 24/5/09

COREA DEL SUD, LA BRUTTA STORIA DI YONGSAN 15/02/09

LEE MYUNG-BAK, DEMOCRAZIA IN STILE IMPERIALE 15/02/09

COREA DEL SUD:SCIOPERI A CATENA 17/06/08

SEOUL:RIVOLTA CONTRO LA CARNE USA,IL GOVERNO CEDE 11/06/08

COREA DEL SUD, LA VITTORIA AI CONSERVATORI 19/12/07

ELEZIONI LOCALI IN COREA DEL SUD 1/6/06

BASI O RISO? LA TERRA CONTESA DI PYONGTAEK 15/09/05

A GUARDIA DI SEOUL: LE BASI USA A SUD DEL 38° PARALLELO 15/09/05

LA VITTORIA DEI PROGRESSISTI 17/4/04

IN COREA DEL SUD VINCE IL PARTITO DELLA "SUNSHINE POLICY" 20/12

A GUARDIA DI SEOUL: LE BASI USA A SUD DEL 38° PARALLELO 15/09/05

Oltre cento basi che occupano 24.280 ettari di suolo sudcoreano. Da più di mezzo secolo, la presenza militare americana in Corea del sud è regolata da accordi speciali con il governo di Seoul e conta attualmente 33mila soldati.

Gabriele Carchella

Giovedi' 15 Settembre 2005
Sono 108, secondo un rapporto del Pentagono, le basi militari americane in Corea del sud: 83 dell’esercito, 19 aeree e sei navali. Nelle istallazioni - che occupano una superficie di oltre 24.280 ettari - sono schierati 33mila soldati dell’Usfk (United states forces Korea). I soldati americani arrivarono nel sud della penisola coreana nel 1945, liberandola dal dominio giapponese. Terminato il secondo conflitto mondiale, il grosso dell’esercito Usa si ritirò. Ma l’assenza fu di breve durata: in seguito allo scoppio della guerra di Corea, nel 1950, Washington dispiegò nuovamente le sue forze nella penisola per non ritirarle più. Nel 1953, anno dell’armistizio che pose fine alla guerra tra nord e sud del paese, sancendone la divisione, gli Stati uniti siglarono un Accordo di mutua difesa con Seoul. Il 1966 è l’anno dell’entrata in vigore del Sofa (Status of forces agreement), che prevede la concessione all’armata americana di aree e servizi. In base ai due accordi, i terreni per le basi sono concessi da Seoul agli Usa gratuitamente e senza limiti di tempo. Nel febbraio 2000, la Corea del sud e l’Usfk hanno cominciato a discutere il cosiddetto “Land partnership plan” (Llp), un piano per la restituzione delle aree non più utili all’esercito Usa e per la riduzione e fusione delle basi americane. Oltre alla restituzione delle aree demilitarizzate, il piano prevede però anche la concessione di nuove porzioni di suolo sudcoreano per l’ampliamento delle basi di Pyongtaek, Euijeongbu, Ichon e Pohang. Una prospettiva che ha scatenato le proteste dei contadini.

Questa scheda è stata pubblicata oggi sulManifesto



Powered by Amisnet.org