Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


Assalto al campo profughi

LA TANGENTE DI CANBERRA SUI MIGRANTI

RICHIEDENTI ASILO, UNO MORTO NEGLI NEL CENTRO DI DETENZIONE DI MANUS 18/2/14

AUSTRALIA: ABORIGENI RICONOSCIUTI COME PRIMI ABITANTI 18/2/13

AUSTRALIA, ARRIVA IL PARTITO WIKILEAKS 14/12/12

ILLEGALE L'ACCORDO CON LA MALAYSIA SUI MIGRANTI 31/08/2011

IL SALTO DEL CANGURO / AUSTRALIA TRA EST E OVEST 13/6/08

G20: SCONTRI NELLA PRIMA GIORNATA DEL VERTICE 19/11/06

CANBERRA, UNO SCERIFFO IN ASIA 27/6/06

MODELLI IN CRISI. SE LA BIRRA DIVENTA MOLOTOV 14/12/05

LA GUERRA PERSA E QUELLA VINTA DI JOHN HOWARD 12/10/04

IL 20 MARZO IN AUSTRALIA 19/13/04

SE I MARINE USA SBARCANO IN AUSTRALIA 28/5/03

SE IN AUSTRALIA SCOPPIA LA SINDORME DEL GOLFO 15/2/03

L'AUSTRALIA APRE LA DANZA DELLA PACE 15/2/2003

LA GUERRA PERSA E QUELLA VINTA DI JOHN HOWARD 12/10/04

I laburisti australiani avevano giocato la carta dell'Iraq. Ma non e' bastata a far perdere i conservatori (nell'immagine una caricatura di Howard che tiene in braccio Bush)

E. G.

Martedi' 12 Ottobre 2004

L’equazione secondo cui, se la guerra va male va male anche il governo che la combatte, non è sempre vera. Non è detto che lo sia nel caso americano, e questo resta da vedere, non lo è stato sicuramente nel caso australiano, dove l’opposizione laburista aveva giocato le sue carte sul ritiro del contingente dalla palude irachena entro Natale. La coalizione guidata dal primo ministro John Howard, che si è così guadagnato il suo quarto mandato diventando il più longevo uomo politico dell’isola-continente, ha vinto senza grandi difficoltà le elezioni di sabato. E Howard non ha avuto difficoltà, nella sua prima conferenza stampa dopo il voto, a dire che nella sua agenda economia e sicurezza restano le priorità. Così la guerra in Iraq, che era un po’ passata in secondo piano negli ultimi mesi, si è riaffacciata prepotente. I 900 uomini che gli australiani hanno mandato nel Golfo, primo paese a farlo dopo Usa e Gb, resteranno dove sono.
E’ pur vero che l’Iraq è lontano, che l’Australia non ospita una grossa comunità araba e che gli australiani, militari o civili, non hanno conosciuto la stessa barbara epopea attraversata da altri membri della coalizione, a cominciare dagli italiani. E sarà bene ricordare che i soldati erano duemila, che le polemiche non sono mancate e che Howard deve aver temuto più volte che la sua fede incrollabile nell’alleanza con Blair e Bush avrebbe potuto danneggiarlo. Ma il vecchio conservatore ha tenuto duro e rintuzzato le accuse, provenienti anche dalla sua stessa amministrazione, secondo cui la guerra in Iraq, osteggiata da buona parte dell’opinione pubblica giovanile e urbana delle grandi città, aveva reso l’Australia più insicura. Forse questo è stato il punto vincente. In realtà l’Australia è un paese sicuro e il problema è semmai oltre le sue frontiere, come insegna la bomba di Bali o quella più recente all’ambasciata di Giacarta.
L’altra carta vincente è stata, come spesso accade, l’economia. Mentre il mondo ha conosciuto rallentamenti e recessioni, l’Australia è riuscita a cavarsela bene, tanto che Howard intende andare avanti col suo programma di privatizzazioni e di allargamento del commercio, accanto al varo di alcune leggi che devono favorire le imprese e che giacciono ferme in Parlamento. Accordi commerciali Howard li ha già firmati con Usa, Singapore e Thailandia. Adesso dovrebbe esser la volta di Cina e Malaysia, a sottolineare la vocazione pacifica (nel senso geopolitico) di Canberra.
Quanto ai laburisti è il momento del mea culpa. Parlar male della guerra può non bastare e la parola d’ordine “tutti a casa” può non funzionare per chiunque. Ma Mark Latham, detto Biff, ha già fatto sapere che non si dimetterà. Nemmeno per lui la guerra è finita.



Powered by Amisnet.org