Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


LA CROCE DELLA DISCORDIA ARRIVA ALLA CORTE SUPREMA

ELEZIONI USA,PERCHE'NESSUNO HA VINTO

LA FLORIDA ESPERIMENTA IL REDDITO DI BASE

USA-IL BLACK FRIDAY NON HA PERSO IL SUO SAPORE

IL SILENZIO DI TRUMP SULLE ARMI

I 100 giorni di Trump e l’ansia dei repubblicani

I SONDAGGI GIUDICANO TRUMP

Trump, si fa presto a dire Impeachment

Dal lavoro luce verde per la Fed

OTTO ESECUZIONI IN DIECI GIORNI 9/3/17

VIOLENZA SESSUALE SOTTO IL TAPPETO NEI CAMPUS USA

DOPO ORLANDO, LA PIAGA AMERICANA DELLE SMALL ARMS

LA LUNGA STRADA DI HILLARY

I CANDIDATI IN CORSA

ALL'ONU SERVE TRASPARENZA

LA NASA CERCA ASTRONAUTI E 18.000 RISPONDONO

L'agenzia spaziale mericana ha riaperto il concorso e le risposte sono state un diluvio

Gianna Pontecorboli

Mercoledi' 2 Marzo 2016
Per i giovani americani, il sogno di viaggiare lontano non si e' ancora spento. Da quando la Nasa ha annunciato a fine dicembre il suo nuovo concorso per riempire da otto a quattordici posti da astronauta nell'estate del 2017, le risposte hanno raggiunto una cifra record, 18,300. Quattromila nuove domande sono arrivate solo nelle 48 ore che hanno preceduto giovedi scorso la chiusura di termini per la presentazione delle domande .

''Siamo commossi che un cosi' alto numero di persone abbia apprezzato l'opportunita' di poter essere parte di una delle eccitanti missioni della Nasa.'', ha spiegato in un comunicato Brian Kelly, direttore del Johnson Space Center di Houston, in Texas, ''Attendo con gioia di poter incontrare gli uomini e le donne abbastanza dotati da salire ai vertici di quello che e' sempre un incredibile gruppo di candidati''.

In realta', i concorsi della Nasa sono sempre stati popolari tra i giovani americani. Inizialmente, alla fine degli anni '50, gli astronauti venivano scelti tra i piloti militari, ma poi, a poco a poco, le maglie dei requisiti richiesti erano state aperte e gia' nel 1978, al lancio del programma degli shuttle, le risposte degli aspiranti erano state circa 8000.

Adesso, dopo molti anni di tagli di bilancio e di riduzione dei programmi, l'agenzia spaziale americana non ha fatto mistero di volersi impegnare seriamente nei nuovi progetti di esplorazione di Marte e in una serie di altre iniziative. Cosi', dopo una pausa durata cinque anni, ha riaperto le porte per selezionare una nuova generazione di esploratori spaziali e ha messo online i formulari per le domande di ammissione.

''C'e' stato molto piu' interesse perche' rispondere e' facile e perche' le prossime missioni andranno oltre la Stazione Spaziale Internazionale'', ha spiegato Lance Erikson, coordinatore del programma di addestramento spaziale della Embry-Riddle Aeronautical University,''la gente si e' accorta che la Nasa non si e' fermata e va avanti con il suo programma di esplorazione dello spazio'' .

Per gli aspiranti, arrivare in vista del traguardo non sara' facile. La prima selezione, infatti , controllera' soltanto se i candidati sono in possesso della qualificazione minima, la cittadinanza americana e un diploma di college in ingegneria , biologia, fisica o matematica. Inoltre, i possibili futuri astronauti dovranno avere un'esperienza di lavoro di almeno tre anni o aver pilotato un aereo per almeno un migliaio di ore e essere in buone condizioni fisiche.

Chi passera' la prima brutale eliminazione sara' definito ''altamente qualificato'' e tutte le sue referenze saranno controllate da un gruppo che comprendera' personale della Nasa e ex astronauti. Durante l'ultima selezione del 2011, a cui avevano risposto poco piu' di seimila candidati, solo 1300 candidati avevano superato il primo vaglio.
Adesso, la Nasa si attende di selezionare da 400 a 600 nomi e , dopo una nuova severa selezione, di invitarne circa 120 per un'intervista al Johnson Space Center di Houston.

Gli stessi dirigenti della Nasa, pero' sono incerti sui numeri.

''Non abbiamo mai avuto 18.000 risposte e non so se dovremo aumentare i nostri numeri,'' ha raccontato al Washington Post la direttrice del processo di selezione dei candidati, Anne Roemer ,'' decideremo man mano che esaminiamo le domande''.

Anche dopo la selezione finale, le prove per gli aspiranti non saranno finite. I prescelti, infatti, dovranno cominciare un lungo e rigoroso addestramento al Johnson Spacefligth Center di Houston e dovranno imparare non soltanto a lavorare in gruppo e passeggiare nello spazio, ma anche a parlare la lingua russa. Solo dopo due faticosi anni saranno assegnati alla Stazione Spaziale Internazionale, a SpaceX, la compagnia specializzata in trasporti nello spazio, oppure a una dei due velivoli commerciali che la Boeing sta attualmente sviluppando. E per i piu' fortunati, un giorno, ci sara' la navicella Orion, con cui la Nasa progetta di esplorare gli spazi piu' lontani e che vorrebbe mandare su Marte nel 2030.

“C'e molta piu' attenzione e la competizione e' diventata feroce'' ha osservato Erickson.

Come rinunciare a sognare di essere i primi a mettere piede su Marte, quando per farlo basta compilare un formulario online?

anche sul Corriere del Ticino




Powered by Amisnet.org