Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


LA CROCE DELLA DISCORDIA ARRIVA ALLA CORTE SUPREMA

ELEZIONI USA,PERCHE'NESSUNO HA VINTO

LA FLORIDA ESPERIMENTA IL REDDITO DI BASE

USA-IL BLACK FRIDAY NON HA PERSO IL SUO SAPORE

IL SILENZIO DI TRUMP SULLE ARMI

I 100 giorni di Trump e l’ansia dei repubblicani

I SONDAGGI GIUDICANO TRUMP

Trump, si fa presto a dire Impeachment

Dal lavoro luce verde per la Fed

OTTO ESECUZIONI IN DIECI GIORNI 9/3/17

VIOLENZA SESSUALE SOTTO IL TAPPETO NEI CAMPUS USA

DOPO ORLANDO, LA PIAGA AMERICANA DELLE SMALL ARMS

LA LUNGA STRADA DI HILLARY

I CANDIDATI IN CORSA

ALL'ONU SERVE TRASPARENZA

LA RIVOLTA DEI MORMONI

La decisione di non battezzare i figli delle coppie gay fa inferocire i fedeli della chiesa mormona

Gianna Pontecorboli

Venerdi' 20 Novembre 2015
E' giusto considerare apostati due coniugi dello stesso sesso? E soprattutto e' giusto rifiutarsi di battezzare I bambini che vivono con loro, figli naturali o adottati?

Con 6 milioni di fedeli solo negli Stati Uniti e 85.000 missionari in tutto il mondo, la Church of Jesus Christ of Latter-day, la chiesa mormona , e' sicuramente una potenza nel mondo religioso americano. Quando pero' sabato scorso centinaia di persone si sono messe pazientemente in fila per ore a Salt Lake City per firmare la loro lettera di dimissioni, e' apparso chiaro che, per la prima volta da quando Joseph Smith l'ha creata nel 1820, la potente chiesa va ora incontro a una drammatica spaccatura.

La storia e' cominciata quando, a giugno di quest'anno, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha legalizzato il matrimonio gay. Sull'argomento, come molte altre confessioni religiose, la chiesa mormona non ha mai avuto dubbi e ha manifestato spesso con energia la sua contrarieta' .

Al tempo stesso, pero', molti dei suoi leader avevano avuto in passato un atteggiamento di relativa apertura nei confronti dei gay, purche' non adottassero apertamente comportamenti omosessuali. Per di piu' l' Utah , lo stato in cui la Church Of Jesus Christ of Latter Day ha il suo quartier generale, ha una tradizione di tolleranza. Una legge appoggiata proprio dai mormoni vieta la discriminazione per motivi religiosi o di orientamento sessuale, il matrimonio tra persone dello stesso sesso viene celebrato dal 2013 e una donna dichiaratamente lesbica , Jackie Biskupsi, e' stata eletta sindaco della capitale Salt Lake, City.

Quando pero' la Corte Suprema ha emesso la sua sentenza, i dirigenti della chiesa si sono allarmati.

''C'era bisogno di fare una distinzione tra quello che e' legale e quella che e' la legge della chiesa e la legge di Dio'', ha spiegato Todd Christofferson, uno degli assistenti del presidente della chiesa''.

Il risultato e' stato un volumetto contenente le nuove norme e che e' stato distributo a 30.000 congregazioni in tutto il mondo. L'opuscolo, che apparentemente doveva rimanere riservato, specifica che i membri di una coppia omossessuale potranno essere considerati apostati, al pari di un assassini, e scomunicati . E che i bambini che vivono con loro non potranno essere battezzati, non potranno frequentare le attivita' religiose e diventare sacerdoti o missionari.

''Non vogliamo che i bambini debbano confrontarsi coi problemi che possono sorgere quando i genitori hanno certe idee e le aspettative della chiesa sono ben diverse'', ha dichiarato Christofferson.

Quando le nuove norme sono trapelate, pero', all'interno della comunita' dei fedeli e' scoppiata la rivolta.

A dissociarsi per primi sono stati alcuni religiosi. ''Sento che molti esprimono delle serie preoccupazioni e dei dubbi'', ha raccontato al New York Times Benjamin Hertzberg, consigliere del vescovo mormone di Atlanta, ''mi sembra molto ingiusto mettere delle barriere al coinvolgimento dei bambini, che non sono responsabili delle scelte dei genitori''.

Poi, e' arrivata la manifestazione per le dimissioni.

''Ho dato tanto a questa chiesa e questo e' il ringraziamento'', ha spiegato in un'intervista alla CNN il padre di una ragazza lesbica,''aumentano il pregiudizio e la discriminazione per mia figlia che non ha mai scelto il suo orientamento sessuale e vuole solo la salvezza come tutti gli altri. E'un pugno nello stomaco.''

''Il fatto che colpisca i bambini ha veramente irritato la gente, tanti erano gia' disillusi e questo e' stato il colpo finale'' , ha spiegato l'organizzatore della protesta, Mark Naugle.

Di fronte alla rivolta dei fedeli, la chiesa ha fatto un piccolo passo indietro e ha spiegato che i bambini non saranno esclusi dal battesimo e dalle attivita' religiose, ma solo se non vivranno con i genitori gay. E a diciott'anni, poi , potranno ricongiungersi alla chiesa, ma solo a certe condizioni.

La polemica, tuttavia, non si e' quietata. Mentre si studiano nuove manifestazioni, una petizione diffusa online ha invitato i musicisti a non suonare al concerto di Natale


Anche sul Corriere del Ticino






Powered by Amisnet.org