Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


LA CROCE DELLA DISCORDIA ARRIVA ALLA CORTE SUPREMA

ELEZIONI USA,PERCHE'NESSUNO HA VINTO

LA FLORIDA ESPERIMENTA IL REDDITO DI BASE

USA-IL BLACK FRIDAY NON HA PERSO IL SUO SAPORE

IL SILENZIO DI TRUMP SULLE ARMI

I 100 giorni di Trump e l’ansia dei repubblicani

I SONDAGGI GIUDICANO TRUMP

Trump, si fa presto a dire Impeachment

Dal lavoro luce verde per la Fed

OTTO ESECUZIONI IN DIECI GIORNI 9/3/17

VIOLENZA SESSUALE SOTTO IL TAPPETO NEI CAMPUS USA

DOPO ORLANDO, LA PIAGA AMERICANA DELLE SMALL ARMS

LA LUNGA STRADA DI HILLARY

I CANDIDATI IN CORSA

ALL'ONU SERVE TRASPARENZA

LOS ANGELES-ADESSO I BAMBINI RESPIRANO

La California ha lanciato un seria battaglia contro l'inquinamento. E in vent'anni le malattie respiratorie dei piccoli sono diminuite

Gianna Pontecorboli

Mercoledi' 12 Marzo 2014
I bambini di Los Angeles sono molto piu' sani di quanto non fossero vent'anni fa, respirano meglio, soffrono meno di asma e sviluppano polmoni piu' grandi. E a essere direttamente responsabile dell'inatteso miglioramento e' la guerra che la metropoli californiana ha dichiarato all'inquinamento atmosferico.

La straordinaria scoperta che lega per la prima volta , dati e cifre alla mano, lo smog e le capacita' respiratorie dei preadolescenti,e' stata fatta dalla University of Southern California e resa nota pochi giorni fa in un articolo pubblicato dal New England Journal of Medicine.

Tra le grandi citta' americane, Los Angeles e' sicuramente la piu' colpita dalla piaga dello smog. Fino a pochi anni fa, il cielo era spesso grigio anche nelle giornate piu' serene e le sagoma delle montagne di San Benardino sullo sfondo era impossibile scorgere. E l'aumento della popolazione e delle auto sulle strade non faceva sperare in niente di buono.

Negli ultimi vent'anni, pero', la situazione e' migliorata. Il Congresso ha dato allo stato il permesso di imporre delle misure anti inquinamento piu' severe di quelle degli altri stati e la California ne ha approfittato. Le strettissime norme contro gli scarichi inquinanti hanno contribuito a far eliminare vecchie automobili e vecchi camion , le raffinerie e le industrie sono state obbligate a ripulire gli impianti, gli anziani autobus sono stati sostituiti grazie a una serie di incentivi. Lo sforzo e” costato molti miliardi di dollari, ma i risultati hanno cominciato a vedersi. Nei quartieri cittadini piu' colpiti, la percentuale di nitrogeno diossido e di particelle lasciate dagli scarichi dei motori diesel sono diminuite del 50 per cento in vent'anni.

Adesso, la ricerca della University della Southern California ha dimostrato che a beneficiarne sono stati soprattutto i bambini. Gli studiosi hanno seguito per anni circa 2000 preadolescenti tra gli 11 e i 15 anni abitanti nei cinque quartieri piu' rischiosi della citta' e hanno scoperto che gia' dal 1994 al 1998 la percentuale di piccoli affetti da disturbi respiratori e' diminuita dell'8 per cento. Negli anni successivi, il calo e' continuato, anche se a un ritmo piu' lento, e e' stato del 3,6 per cento tra il 2007 e il 2011. Il miglioramento, ovunque, e' risultato corrispondente al contemporaneo miglioramento della qualita' dell'aria e non influenzato da altri fattori come la razza, la situazione familiare o l'esposizione al fumo di sigarette.

''La ridotta funzionalita' dei polmoni e' stata associata per gli adulti con un aumento dei rischi di malattie respiratorie e cardiovascolari e con la morte precoce'', ha spiegato James Gauderman, professore alla Keck School of Medicine dell'Universita' californiana e direttore della ricerca

''Questo studio dimostra scientificamente che combattere l'inquinamento serve a migliorare la salute dei bambini'', ha aggiunto a sua volta Frank Gilliland, professore di scienze biomediche e biologiche nello stesso ateneo,''e' un messaggio importante, soprattutto per i paesi in via di sviluppo. Il problema si puo' risolvere e i risultati si vedono''.

''Questo e' il piu' grosso successo in salute ambientale nell'America moderna'', hanno esultato alcuni dei ricercatori,'' si tratta di uno dei piu' importanti cambiamenti di tendenza che abbiamo mai visto''.

Altri studiosi, pero' , hanno messo in guardia contro gli entusiasmi prematuri. A Los Angeles, infatti, il livello di ozono nell'aria continua a rimanere uno dei piu' alti di tutti gli Stati Uniti e la siccita' degli ultimi anni, dovuta ai cambiamenti climatici, ha fatto mancare l'aiuto prezioso della pioggia per diminuire lo smog. E per di piu' ,la popolazione dell'area metropolitana e' raddoppiata dagli anni '90 .

''Non possiamo sederci sugli allori, ''ha ammesso Gauderman,''perche' il numero dei veicoli sulle strade continua a aumentare e ci si aspetta un aumento delle attivita' del porto, che sono una delle maggiori fonti di inquinamento ''.

''L'importante e' far sapere che la riduzione dell'inquinamento ha beneficiato molto i bambini della California anche se ne abbiamo troppo e bisogna fare di piu','' ha spiegato Gilliland.


anche su Corriere del Ticino



Powered by Amisnet.org