Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


LA CROCE DELLA DISCORDIA ARRIVA ALLA CORTE SUPREMA

ELEZIONI USA,PERCHE'NESSUNO HA VINTO

LA FLORIDA ESPERIMENTA IL REDDITO DI BASE

USA-IL BLACK FRIDAY NON HA PERSO IL SUO SAPORE

IL SILENZIO DI TRUMP SULLE ARMI

I 100 giorni di Trump e l’ansia dei repubblicani

I SONDAGGI GIUDICANO TRUMP

Trump, si fa presto a dire Impeachment

Dal lavoro luce verde per la Fed

OTTO ESECUZIONI IN DIECI GIORNI 9/3/17

VIOLENZA SESSUALE SOTTO IL TAPPETO NEI CAMPUS USA

DOPO ORLANDO, LA PIAGA AMERICANA DELLE SMALL ARMS

LA LUNGA STRADA DI HILLARY

I CANDIDATI IN CORSA

ALL'ONU SERVE TRASPARENZA

A NEW YORK LA ''DONNA UNIVERSALE'' DI LUCIANA CAPRETTI

''Tevere'', il successo editoriale della giornalista della Rai presentato alla Casa Italiana della New York University

Gianhna Pontecorboli

Mercoledi' 26 Novembre 2014
Una conversazione tra vecchi amici, ma anche un'occasione per discutere insieme a piu' livelli uno dei romanzi che hanno avuto piu' successo in Italia quest'anno. L'incontro per la presentazione del libro ''Tevere'', Marsilio Editore, alla Casa Italiana Zerilli-Marimo' della New York University e' certo stato, per l'autrice Luciana Capretti, un ritorno a casa. A New York, infatti, la scrittrice ha abitato per molti anni e costruito, col suo lavoro di corrispondente della Rai, molte strette e profonde amicizie.
Proprio per questo, probabilmente, la presentazione del volume si e' subito trasformata in una discussione vivace e approfondita, che non ha lasciato scoperto nessuno dei temi che la Capretti ha affrontato con coraggio nel suo romanzo. Presentata da Anna Guaita , corrispondente per molti anni del Messaggero e dalla psichiatra Flavia Robotti, Luciana Capretti ha parlato soprattutto della sua '' donna universale'', proprio nei giorni in cui la la lotta alla violenza contro le donne e' all'ordine del giorno al Palazzo di Vetro dell'Onu.
'' La mia e' una storia universale'' ha spiegato l'autrice '', perche' e' la storia di una donna che ha subito violenza e non importa se e' italiana e la storia e' ambientata tra la Seconda Guerra Mondiale e la Roma borghese degli anni settanta. E una storia universale perche' e' una storia di sentimenti, e' il dramma di una donna, Clara, che ha subito violenza e ne paga le conseguenze nel proprio corpo e nella propria psiche, e' il conflitto di chi cerca comunque di ricreare la vita nei figli e di ricominciare ad amare''.
'' Ho amato molto questo libro appunto perche' racconta una storia che conosco bene tra le mie pazienti'', le ha fatto eco Flavia Robotti, che ha raccontato a un pubblico particolarmente commosso il dramma della depressione nelle donne che hanno subito il trauma della violenza, un male infido che spesso arriva con molti anni di ritardo, proprio quando sembrava che la memoria avesse cancellato un doloroso e lontano episodio.
Nel corso di quella che e' stata, appunto, soprattutto una conversazione tra vecchi amici abituati a farsi delle domande, pero', si e' parlato anche degli altri livelli di un romanzo che e' insieme una storia personale, un dramma storico e anche un giallo che tiene il lettore in sospeso fino alle ultime pagine. Luciana Capretti, cosi', ha raccontato di essere partita da un episodio realmente accaduto, quello di una
conoascente misteriosamente scomparsa e di essere risalita, passo dopo passo, ricerca dopo ricerca, proprio come nel suo libro fa un tenace poliziotto, a riscoprire una drammatica vicenda.
A perpetrare la violenza, ha scoperto, non e' stato questa volta un ''alieno'', il marocchino o il nazista descritti nei film del dopoguerra, ma proprio chi fino ad ora e' stato descritto dalla storia come il vincitore dalla parte dei giusti. E la sua vittima, invece , e' una donna che stava, per scelta, per educazione, o forse per caso , dalla parte sbagliata. “”Non e' stato facile scriverlo, c'e' voluto coraggio. In Italia si comincia solo ora e a fatica a parlare di queste cose. '', ha spiegato Luciana Capretti, '' Io ho cercato di raccontare la storia con la s minuscola ''.
Adesso, ha ammesso Luciana Capretti al termine della sua presentazione, la sua speranza e 'che, dopo il successo in Italia, il romanzo possa essere tradotto in altre lingue. Per far capire a tante altre Clara sparse in tutto il mondo che il loro dramma e' purtroppo molto comune. E che I loro aguzzini non sono sempre degli ''alieni''.


anche su La Voce di New York



Powered by Amisnet.org