Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


LA CROCE DELLA DISCORDIA ARRIVA ALLA CORTE SUPREMA

ELEZIONI USA,PERCHE'NESSUNO HA VINTO

LA FLORIDA ESPERIMENTA IL REDDITO DI BASE

USA-IL BLACK FRIDAY NON HA PERSO IL SUO SAPORE

IL SILENZIO DI TRUMP SULLE ARMI

I 100 giorni di Trump e l’ansia dei repubblicani

I SONDAGGI GIUDICANO TRUMP

Trump, si fa presto a dire Impeachment

Dal lavoro luce verde per la Fed

OTTO ESECUZIONI IN DIECI GIORNI 9/3/17

VIOLENZA SESSUALE SOTTO IL TAPPETO NEI CAMPUS USA

DOPO ORLANDO, LA PIAGA AMERICANA DELLE SMALL ARMS

LA LUNGA STRADA DI HILLARY

I CANDIDATI IN CORSA

ALL'ONU SERVE TRASPARENZA

LE DONNE AMERICANE PREFERISCONO IL BARBONCINO

Il calo della natalita' e' un fenomeno comune in tutti i paesi industralizzati. Due nuovi studi confermano che le giovani hanno abbandonato il sogno del bebe' a favore del cagnolino

Gianna Pontecorboli

Giovedi' 24 Aprile 2014
In una qualsiasi giorno della settimana, il parco giochi per bambini aperto sulle rive dell'East River, a New York, e' semideserto. In compenso, a poca distanza , il parco giochi per i cani e' pieno di piccoli frequentatori a quattro zampe , tutti impegnati a divertirsi sotto gli occhi attenti dei loro padroni, e piu' spesso delle padroncine.

La scena, comune in tutte le grandi citta' americane, non rappresenta pero' soltanto un divertente fatto di costume. Due recenti studi, uno realizzato dai Centers for Desease Control, l'agenzia federale statunitense che si occupa della salute pubblica e l'altro da un'associazione che riunisce i fabbricanti di prodotti per animali domestici hanno infatti messo in luce un trend che potrebbe finire per modificare seriamente l'intero sviluppo demografico della societa' americana. A favore, inaspettatamente, di quei cagnolini di piccole dimensioni che un tempo solo le dive del cinema esibivano agli ammiratori con civetteria e su cui ora molte giovani donne americane riversano il loro affetto.

Negli ultimi cinque anni, ha rivelato il CDC, il tasso delle nascite negli Stati Uniti e' sceso da 70 nascite ogni mille donne a 63 , con una diminuzione di oltre il 10 per cento. Lo scorso anno, in tutto il paese, sono nati 400.000 bambini in meno rispetto al 2007.

Il fenomeno, ovviamente, non e' tutto negativo. L' intensa campagna fatta negli ultimi anni per convincere le adolescenti, soprattutto di colore, ad evitare le gravidanze indesiderate ha infatti avuto un effetto e la percentuale delle nascite per le ragazze tra i 15 e i 19 anni e' crollata. Il calo, pero' e' avvenuto anche in tutte le altre fasce d'eta', con la sola eccezione del gruppo tra i 35 e i 39 anni.

A un fenomeno comune a gran parte dei paesi occidentali, tuttavia, le americane hanno reagito a modo loro.. Nella vita delle giovani ''single'' di New York o di Chicago, spesso impegnate in una carriera difficile e impegnativa costrette a vivere in appartamenti minuscoli , e' ovvio, non c'e' spazio per un neonato e neppure per un cane ingombrante e rumoroso. Cosi' le esigenze affettive finiscono per trovare una risposta nel bassotto disposto a guardare la sua padroncina con un amore senza limiti.

Mentre le culle sono rimaste vuote, ha calcolato la American Pet Products Association, il numero dei cagnolini di peso inferiore ai nove chili e' passato da 34 a 40 milioni dal 2008 al 2012. Contemporaneamente, e' diventato florido e vivacissimo il mercato dei prodotti specializzati, dalle palestre ai gabbiotti dei venditori di gelati per soli cani.

''Tra i dati c'e' di sicuro una correlazione ''ha spiegato l'esperto di ricerche di mercato Damian Shore alla rivista Quartz, una pubblicazione online specializzata nella nuova economia globale '' ci sono piu' donne non sposate tra le ventenni e le trentenni e questo e' anche il gruppo demografico che compra piu' cani di piccole dimensioni''.

'Un cagnolino e' molto meglio di un bambino'' hanno confermato al New York Post alcune giovani donne newyorkesi,'' da' meno lavoro, ci lascia tempo per fare altre cose e non abbiamo neppure bisogno di una baby-sitter''.

Che non si tratti soltanto di una moda o di un capriccio passeggero, tra l'altro, lo ha dimostrato anche l'acceso dibattito che lo studio del CDC ha provocato su internet.

“ Questo e' uno scenario in cui tutte le donne in eta' feconda si possono riconoscere, '' ha scritto nel sito web del New York Post uno degli intervenuti,'' La maggioranza delle donne vorrebbe avere una famiglia, ma la realta' economica e' che avere una famiglia non e' un obbiettivo raggiungibile come lo era per le generazioni precedenti''. Meglio, insomma, accontentarsi di un minuscolo Fido, anche se l'istituto di bellezza specializzato puo’ costare una fortuna.

anche sul Corriere del Ticino




Powered by Amisnet.org