Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


L'Italia risponde "Signorsì"

Il rifugio sicuro della guerra permanente

AFGHANISTAN, GUERRA INFINITA

TALEBANI A KABUL

Icc, Usa e talebani alla sbarra

Il piano Trump per l'Afghanistan? Più soldati e più vittime

VECCHIA RETORICA NEL NUOVO PIANO AFGANO

DA RAQQA CON FURORE

Italiani a Farah: assistere o combattere?

UN VICERE’ AMERICANO A KABUL

La nuova guerra afgana

Surge americano

STRAGE AL FUNERALE

Kabul, strage senza fine

KABUL IL GIORNO DOPO

SI DELLA LOYA JIRGA AL BSA 24/11/13

Ma Karzai ribadisce: lo firmerà un nuovo presidente. Intanto in Pakistan viene bloccata la strada al passo di Khyber dopo l'ultimo raid di droni. La foto è tratta dal sito di Pajhwok

Domenica 24 Novembre 2013

Per i 2500 delegati della Loya Jirga, l'Afghanistan deve dare la sua approvazione al Security and Defense Cooperation agreement between the United States of America and the Islamic Republic of Afghanistan, il patto bilaterale strategico, poltico e militare che legherà per almeno dieci anni Kabul a Washingotn. Così, riferisce l'agenzia Pajhwok si stanno esprimendo le cinquanta commissioni che hanno studiato e dibattuto l'accordo nei giorni scorsi. Diverse le sfumature, i distinguo, gli approfondimenti. E diversa l'attitudine sui tempi: entro sei settimane (cioè entro al fine dell'anno) o più in là, come vorrebbe il presidente Karzai secondo cui il Bsa, una volta approvata anche dal parlamento,deve essere sottoscritto dopo aprile, ossia dopo l'elezione presidenziale prevista tra cinque mesi.

Con un twitt, la giornalista della Bbc Karen Allen dice che il discorso finale di Karzai ha fissato un paletto: il patto sarà nullo se gli americani lo dovessero tradire entrando nella case degli afgani. Quanto alla tempistica, Karzai insiste: il patto deve essere firmato dal nuovo presidente eletto in aprile

Su un altro fronte intanto, la delegazione dell'Alto consiglio di pace afgano, incaricato dal governo del negoziato coi talebani, ha incontrato nella capitale pachistana mullah Baradar, ex numero due di mullah Omar - volato da Karachi a Islamabad - che ha consegnato a Rabbani (capo delegazione) un messaggio della shura di Quetta di cui per ora non si sa altro. Intanto, sempre in Pakistan, il partito di Imran Khan (alla guida del governo della provincia) ha convocato suoi sostenitori a Peshawar per protestare contro l'ultimo raid di droni che hanno bloccato la strada che dalla capitale del Pakhtunkhwa porta al passo di Khyber attraverso cui passa la logistica della Nato.

Da Great Game il blog di Emanuele Giordana



Powered by Amisnet.org