Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


Scommessa ecologista compassionevole

ALLARME IN MARE

UN 118 NELL'ALVEARE

IL CONTAGOCCE RUSSO CON GREENPEACE 20/11/13

INDONESIA, EMERGENZA VULCANO 13/11/13

TEMPESTA NEL PUNTLAND, CENTO MORTI 12/11/13

MUOS, IL TAR DA' TORTO AL MINISTERO 10/7/13

IN ATTESA DI SENTENZA. UNA STORIA RADIOATTIVA 29/6/13

INQUINAMENTO DA PETROLIO. INADEGUATE LE LINEE GUIDA DEL CONSIGLIO ARTICO 06/02/13

ILVA, AMBIENTALISTI E VERDI CONTRO IL "BLUFF" DELL'AIA 18/10/12

DOPO RIO, L'OPINIONE DI SUSAN GEORGE 1/7/12

GEEN ECONOMY: NEW DISGUISE FOR OLD TRICKS? 30/05/12

SEMPLIFICAZIONI, SALTA LA DEPENALIZZAZIONE DEGLI ABUSI 28/3/12

AMBIENTE, UNA "SEMPLIFICAZIONE" APRE LA STRADA A NUOVI ABUSI 24/3/12

DECRETO SEMPLIFICAZIONI, LE PREOCCUPAZIONI DI UN MAGISTRATO DI RANGO 24/3/12

IL CONTAGOCCE RUSSO CON GREENPEACE 20/11/13

Anche stamane due nuovi rilasci su cauzione per gli arrestati dopo la manifestazione all'impianto offshore. Il peso della diplomazia e della pressione internazionale. Raccolta di firme sul sito dell'organizzazione ambientalista

Nella foto Miguel Orsi, liberato ieri

Lettera22

Giovedi' 20 Novembre 2014

Sono Alexandra Harris (GB) e l'olandese Faiza Oulahsen gli ulitmi due casi esaminati dalla corte russa che ha sentenziato il loro rilascio su cauzione stamattina.

Col contagocce ma liberi. Col contagocce e anche grazie al peso della diplomazia. Un po' alla volta infatti il tribunale di San Pietroburgo, che ha in mano il caso dei trenta attivisti di Greenpeace arrestati nell'Artico per la protesta contro una piattaforma offshore, li sta lasciando andare. Tra questi si aprirà la porta della cella anche per Christian D'Alessandro, l'unico italiano del gruppo.

Dopo il rilascio lunedi di tre attivisti russi (il fotografo freelance Denis Sinyakov e i russi Andrey Allakhverdov Yekaterina Zaspa, rispettivamente giornalista radiofonico esperto di temi ambientali e medico), il tribunale ha concesso ieri la liberazione, oltre a Christian D'Alessandro, a Sini Saarela (Finlandia) Francesco Pisanu (Francia) Miguel Orsi e Camila Speziale (Argentina), Ana Paula Maciel (Brasile), David Haussman (Nuova Zelanda) e Tomasz Dziemianczuk (Polonia). Per tutti la cifra da pagare è fissata in due milioni di rubli (circa 45mila euro) che Greenpeace ha già detto di essere disposta a pagare. Un'altra corte aveva invece esteso la custodia cautelare di un attivista australiano, Colin Russell, per altri tre mesi. Quanto alla nave, la “Artic Sunrise” resta invece per ora sequestrata e sotto fermo militare.

La somma per la liberazione va versata entro il 27 novembre e per D'Alessandro potrebbe essere anticipata dalla nostra ambasciata a Mosca. Gli attivisti potranno lasciare la Russia in attesa del processo, ma saranno obbligati dalla legge a ritornare se dovessero essere convocati, ha spiegato alla Reuters Alexander Mukhortov, legale di alcuni di loro tra cui D'Alessandro. La famiglia lo ha saputo prima dalla sorella di Christian e poi direttamente dal premier Enrico Letta. Il padre dell'attivista ha detto all'Ansa che sta preparando le valige per andare a prenderlo.

La diplomazia e la pressione internazionale non sono probabilmente estranei alla decisione del tribunale: Greenpeace ha promosso una campagna (attiva sul sito dell'organizzazione internazionale) e i governi si sono mossi abbastanza rapidamente. E non è forse un caso se la prima sulla quale ieri mattina si è decisa la liberazione su cauzione è proprio la brasiliana Ana Paula Alminhana Maciel: domani infatti arriva a Mosca Luiz Alberto Figueiredo, ministro degli Esteri del Brasile. E' il suo primo viaggio ufficiale a Mosca dove incontrerà il suo omologo Sergei Lavrov. In agenda, dice la stampa brasiliana, Figueredo aveva il dossier Greenpeace. I ministri dei due Paesi - che fanno parte dei Brics, con India, Cina e Sudafrica - devono tra l'altro discutere del patto di partenariato strategico che Brasilia e Mosca hanno siglato nel 2002. La liberazione di Maciel è stata sicuramente accelerata anche per levare una possibile spina dal colloquio.



Powered by Amisnet.org