Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


L'Italia risponde "Signorsì"

Il rifugio sicuro della guerra permanente

AFGHANISTAN, GUERRA INFINITA

TALEBANI A KABUL

Icc, Usa e talebani alla sbarra

Il piano Trump per l'Afghanistan? Più soldati e più vittime

VECCHIA RETORICA NEL NUOVO PIANO AFGANO

DA RAQQA CON FURORE

Italiani a Farah: assistere o combattere?

UN VICERE’ AMERICANO A KABUL

La nuova guerra afgana

Surge americano

STRAGE AL FUNERALE

Kabul, strage senza fine

KABUL IL GIORNO DOPO

YAMEEN, "MAOISTA", NUMERO 2419 SULLA LISTA DELLA MORTE

Dopo la pubblicazione da parte della Procura nazionale olandese di una lista "della morte" risalente alla fine degli anni 70, si ricomincia a parlare di come affrontare trent'anni di crimini

Giuliano Battiston

Sabato 12 Ottobre 2013

Kabul

Centinaia di candele accese, disposte in ampi cerchi, uno dentro l’altro. Tutto intorno, lunghe file di uomini e donne, vecchi e bambini. Quasi ognuno ha in mano un ritratto, una foto ingiallita, una cornice che custodisce il volto di un parente scomparso più di trent’anni fa, ucciso o torturato. Alle loro spalle, già inghiottito dal buio, il palazzo Darulaman, fatto costruire negli anni Venti del secolo scorso dal re modernizzatore Amanullah Khan. Un edificio massacrato dalla storia, ridotto a simulacro del passato, in attesa di tornare al suo iniziale splendore.

Al termine di una breve manifestazione, nel tardo pomeriggio di domenica 29 settembre è qui che si sono riunite circa 300 persone. Erano alcuni dei familiari delle vittime del regime comunista filosovietico salito al potere dopo il colpo di stato dell’aprile 1978. Orchestrato dagli ufficiali guidati da Nur Mohammad Taraki, passato per l’omicidio dell’allora presidente Daud Khan, il colpo di stato avrebbe portato al potere, brevemente, le due anime del Partito democratico popolare d’Afghanistan (Pdpa), “Parcham” e “Khalq”. Due gruppi antagonisti, sempre in lotta - prima e dopo il colpo di stato - per rivendicare l’ortodossia marxista-leninista. Epurando i “non allineati”, come spiega bene il ricercatore afghano Niamatullah Ibrahimi nel saggio Ideology Without Leadership. The Rise and Decline of Maoism in Afghanistan, pubblicato dal centro di ricerca di Kabul Afghanistan Analysts Network.

Alle spalle del “castello Darulaman”, come lo chiamano gli afghani, molti erano in silenzio quel giorno, altri ricordavano al microfono i crimini subiti da un padre, un cugino, un fratello, uno zio. Qualcuno piangeva quelli confermati: il 17 settembre la Procura nazionale olandese ha reso pubblica una “lista della morte” stilata dalle autorità afghane dell’epoca (1978-79): quasi 5.000 nomi, vittime delle purghe del regime. La lista è meticolosa: include nome, cognome, professione e ragione dell’uccisione.

Il padre di Mirways Yameen è il numero 2419 su quella lista. Insegnante, accusato di essere un “maoista”, è stato prelevato da casa in un villaggio della provincia di Laghman, portato in una prigione locale per due giorni, poi trasferito in una prigione di Kabul, dove è rimasto altri due giorni. Il terzo è stato giustiziato, “insieme a 120 altre persone, quello stesso giorno”, racconta Mirways Yameen. Lui ha avuto conferma della morte del padre soltanto leggendo la lista: “ho cercato a lungo di sapere cosa gli fosse successo. Ho provato e riprovato. Ho battuto tutte le vie, cercato dappertutto, qui e all’estero, ma niente. Con i miei fratelli, sapevamo che non era vivo, ma era come se lo aspettassimo ancora. Mi è capitato spesso, nel corso degli anni, di immaginare che mio padre fosse un mendicante incontrato per strada, un uomo ridotto alla pazzia, un uomo rimasto solo e senza parenti. Ora so che non è così. Non lo cercheremo più”, mi dice Mirways Yameen.

Secondo le stime dello studioso Olivier Roy – citate nel Conflict Mapping Report pubblicato dalle Nazioni Unite nel 2005 – le vittime del regime comunista sarebbero “in tutto tra le 50.000 e le 100.000”. Mirway Yameen chiede verità e giustizia non solo per suo padre e per quelle vittime, “ma per tutte le vittime degli ultimi 35 anni”. Perché a partire dal colpo di stato dell’aprile 1978, tutti i regimi che si sono succeduti, scrive l’analista Kate Clark dell’Afghanistan Analysts Network, sono stati colpevoli di “esecuzioni sommarie, massacri, bombardamenti indiscriminati, uccisione mirata di civili”. Alcuni dei responsabili di questi crimini, aggiunge Kate Clark, oggi detengono posizioni di potere. Alcuni siedono nel Jihadi council che, su sollecitazione di Karzai, ha dichiarato due giorni di lutto nazionale per le vittime del regime comunista, dopo la pubblicazione della lista. “E’ una cosa assurda, ridicola e spaventosa. Soltanto in Afghanistan può succedere una cosa simile. Farebbero meglio a tapparsi la bocca, quei criminali”, sostiene Mirways Yameen.

anche su il manifesto di sabato 12 ottobre



Powered by Amisnet.org