Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


Il Nord della Cina è al freddo

Tencent vale più di Facebook

Terremoto nel capitalismo cinese

La Cina censura Peppa Pig

Bruxelles pronta a difendere l'acciaio europeo

TIBET, LA SPAGNA VUOLE ARRESTARE JIANG ZEMIN 11/2/14

CINA, LE SCUSE DELLA GUARDIA ROSSA 17/1/14

SHANGHAI AVVOLTA DALLO SMOG 6/12/13

CINA, ABOLITI I CAMPI DI RIEDUCAZIONE E PIÙ FLESSIBILITÀ SUL FIGLIO UNICO 16/11/13

CINA, AL VIA IL TERZO PLENUM DELL'ERA XI 9/11/13

CINA, QUANTO COSTA IL 120 ANNIVERSARIO DELLA NASCITA DI MAO 25/10/13

CINA, VERSO UNA CRESCITA DI QUALITÀ 11/10/13

SHANGHAI MINACCIA IL RUOLO ECONOMICO DI HONG KONG 20/9/13

CINA, LA FAZIONE DEI PETROLIERI ALLE STRETTE 2/9/13

CINA, DOPO BO È IL TURNO DI ZHOU YONGKANG? 30/8/13

CINA, VERSO UNA CRESCITA DI QUALITÀ 11/10/13

Da Bali il presidente Xi Jinping traccia le riforme che la Pechino intraprenderà da novembre.

An. P.

Venerdi' 11 Ottobre 2013

Il discorso del presidente cinese Xi Jinping in occasione del 21esimo vertice dell'Apec a Bali, in Indonesia, ha delineato “il programma complessivo delle riforme” di cui si discuterà a novembre durante i lavori dell'annuale sessione plenaria del comitato centrale del Partito comunista, scrive Caixin.

Il capo di stato cinese ha parlato della necessità di rafforzare la fiducia nelle riforme e nell'apertura; di favorire “la liberazione delle forze sociali produttive”; di riformare il sistema amministrativo; di proteggere l'ambiente; di sviluppare il sistema di mercato e di eliminare gli ostacoli economici e istituzionali a uno sviluppo sano e sostenibile. Per molti osservatori si tratta di favorire la qualità della crescita alla quantità. Le riforme saranno una profonda rivoluzione ha detto Xi.

Per la direttrice del settimanale Hu Shulin, non si può tuttavia parlare di un piano di riforma completo. “Ci sono diversi contenuti, ma anche molte lacune”, ha scritto su Weibo, versione cinese di Twitter.



Anche su Internazionale



Powered by Amisnet.org