Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


Scommessa ecologista compassionevole

ALLARME IN MARE

UN 118 NELL'ALVEARE

IL CONTAGOCCE RUSSO CON GREENPEACE 20/11/13

INDONESIA, EMERGENZA VULCANO 13/11/13

TEMPESTA NEL PUNTLAND, CENTO MORTI 12/11/13

MUOS, IL TAR DA' TORTO AL MINISTERO 10/7/13

IN ATTESA DI SENTENZA. UNA STORIA RADIOATTIVA 29/6/13

INQUINAMENTO DA PETROLIO. INADEGUATE LE LINEE GUIDA DEL CONSIGLIO ARTICO 06/02/13

ILVA, AMBIENTALISTI E VERDI CONTRO IL "BLUFF" DELL'AIA 18/10/12

DOPO RIO, L'OPINIONE DI SUSAN GEORGE 1/7/12

GEEN ECONOMY: NEW DISGUISE FOR OLD TRICKS? 30/05/12

SEMPLIFICAZIONI, SALTA LA DEPENALIZZAZIONE DEGLI ABUSI 28/3/12

AMBIENTE, UNA "SEMPLIFICAZIONE" APRE LA STRADA A NUOVI ABUSI 24/3/12

DECRETO SEMPLIFICAZIONI, LE PREOCCUPAZIONI DI UN MAGISTRATO DI RANGO 24/3/12

MUOS, IL TAR DA' TORTO AL MINISTERO 10/7/13

La giustizia amministrativa dà ragione ai NoMuos e a Palazzo d'Orleans

Lettera22

Mercoledi' 10 Luglio 2013

I lavori del Muos in Sicilia non vanno avanti. Il controverso progetto fortemente voluto dagli Stati uniti e dalla Difesa e nell'occhio del ciclone da tempo, resta bloccato da una decisione della giustizia amministrativa che è per il presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta una «grande vittoria. Evidentemente – dice - le nostre motivazioni erano fondate». La reazione a caldo arriva appena si diffonde la notizia che il Tar di Palermo ha respinto le richieste presentate con due ricorsi dal ministero della Difesa contro la Regione che aveva bloccato i lavori per il Mobile user objective system. Questo sistema di comunicazione satellitare, meglio noto alle cronache come Muos, dovrebbe essere realizzato a Niscemi, in provincia di Caltanissetta ma per adesso i cantieri restano sigillati. Palazzo d'Orleans vi si era alla fine opposto spalleggiando centinaia tra associazioni, movimenti e semplici cittadini NoMuos cui ora il Tar ha dato ragione bocciando le richieste di Via XX settembre. «Questo - ha aggiunto Crocetta - mi dà più forza anche in vista dell'incontro previsto con l'ambasciatore americano».

L'avvocato Nicola Giudice, che rappresenta Legambiente e alcuni abitanti della zona spiega che «pur non entrando nel merito, i giudici hanno tenuto in conto il fatto che gli accordi prevedevano la sottoposizione del progetto alla normativa nazionale e regionale di tutela, che la salute dei cittadini va comunque garantita col principio di precauzione e quindi con la certezza assoluta di mancanza di rischi e, terzo argomento dell'ordinanza, che vanno considerati i possibili effetti che si possono avere sul traffico aereo ordinario».

I giudici hanno evidentemente accolto le valutazioni dei periti incaricati dalla giustizia amministrativa secondo cui, tra l'altro, «...il campo elettromagnetico irradiato dal Muos può produrre effetti biologici sulle persone esposte....con effetti sulla biocenosi e sulla fauna del Sito di importanza comunitaria Sughereta di Niscemi». La magistratura amministrativa dovrà ora fissare un'udienza per la discussione del ricorso del ministero che chiede alla Regione un risarcimento di 25 mila euro per ogni giorno di fermo lavori. Il movimento 5 stelle attacca e invita il titolare della Difesa Mario Mauro a lasciar perdere: «Ci aspettiamo – dicono i parlamentari - che ritiri il ricorso . Sarebbe un atto di saggezza».


Questo articolo è uscito oggi su il manifesto. Commentalo su Great Game il blog di Emanuele Giordana



Powered by Amisnet.org