Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


L'Italia risponde "Signorsì"

Il rifugio sicuro della guerra permanente

AFGHANISTAN, GUERRA INFINITA

TALEBANI A KABUL

Icc, Usa e talebani alla sbarra

Il piano Trump per l'Afghanistan? Più soldati e più vittime

VECCHIA RETORICA NEL NUOVO PIANO AFGANO

DA RAQQA CON FURORE

Italiani a Farah: assistere o combattere?

UN VICERE’ AMERICANO A KABUL

La nuova guerra afgana

Surge americano

STRAGE AL FUNERALE

Kabul, strage senza fine

KABUL IL GIORNO DOPO

I TALEBANI A CHANTILLY 22/12/12

Riunuione a porte chiuse a un pugno di chilometri da Parigi tra turbanti, governativi, Alleanza dl Nord ed emissari di Hekmatyar. Qualcosa è uscito fuori

Emanuele Giordana

Sabato 22 Dicembre 2012

Una ventina di afgani, tra cui membri importanti del movimento talebano, del governo Karzai, della cosiddetta Alleanza del Nord e della fazione di Gulbuddin Hekmatyar, Si sono riuniti per un paio di giorni, giovedi e venerdi, al castello di la Tour, à Gouvieux, vicino a Chantilly, a 50 chilometri da Parigi. Benché i talebani avessero da subito chiarito che non si trattava di colloqui di pace, qualcosa è uscito dal cappello. Ne fa fede un comunicato dell'emirato, riportato dall'agenzia Pajhwok, dove i turbanti chiedono una nuova Costituzione, reiterano che ogni cosa dipende dall'uscita di scena degli stranieri, ma – questo il fatto rilevante – fanno l'occhiolino alle prossime elezioni. Cui sembrano interessati a partecipare (2014). Secondo il Wsj
L'incontro (il terzo in realtà, ma ai precedenti aveva partecipato solo l'ex talebano Abdul SalamZaef) è stato preparato dal think-tank francese Frs (
Fondation pour la Recherche Stratégique) e dal suo direttore Camille Grand.

Chi c'era. Mettendo assieme le informazioni, Karzai era rappresentato da Haji Din Muhammad, consulente del presidente per gli Affari tribali (il precedente è stato ucciso dai talebani), dall'ex vice presidente Zia Massoud (fratello minore di Shah Massoud, il "leone del Panjshir") e dal nipote Hekmat Karzai. Per l'Alleanza del Nord c'era Yunus Qanooni, già speacker del parlamento. I talebani erano rappresentati da Shahabuddin Dilawar, ex ambasciatore dell'emirato a Riad e Islamabad e da Mohammad Naeem, membro dell'Ufficio aperto in Qatar dai talebani il 3 gennaio del 2012. Per l'Hezb-i-Islami, c'era invece Ghairat Baheer, genero di Gulbuddin Hekmatyar.

I precedenti. Si è già detto delle due conferenze francesi (anche questa è stata definita dai talebani una “conferenza scientifica”). In giugno s'era svolto un incontro simile a Tokyo (prima della conferenza dei donatori), ma assai più vicino a un seminario, tenutosi alla Doshisha University. Infine all'inizo dell'anno in Qatar, Stati uniti e Arabia saudita avevano iniziato un'ipotesi di percorso negoziale coi talebani, subito arenatosi.

Che succederà adesso? Le Nazioni unite, secondo il capo di Unama Jan Kubis, hanno in mente un "intra-Afghan dialog" in Turkmenistan in febbraio. Ma per ora i talebani sembrano freddi. Va inoltre registrata la freddezza dei pachistani già indispettiti, più che dall'iniziativa francese, per il fatto di non essere stati inviatati. E' chiaro che Parigi, avendo ritirato tutte le sue truppe, viene ritenuto dai turbanti un interlocutore possibile come mediatore di altri possibili incontri. Staremo a vedere

Commentalo su Great Game



Powered by Amisnet.org