Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


NOI STIAMO CON GLI AFRICANI

SCONFINAMENTI A CERTALDO IL 30 OTTOBRE

I 25 ANNI DI LETTERA22 AL SALONE DELL'EDITORIA SOCIALE 2-3 NOVEMBRE

RICORDO DI DONDERO, A BERGAMO 11 MARZO

Guerra e bambini: un'iniziativa a Milano l'8 giugno

CONOSCERE LA GUERRA. A UDINE IL 20 FEBBRAIO

CONVEGNO DI STUDI SULL’AZERBAIGIAN E LA REGIONE DEL CASPIO

ATLANTE DELLE GUERRE, LA SESTA EDIZIONE

TRENTO: CONVEGNO DI STUDI SULL’AZERBAIGIAN

IL MONDO SCONVOLTO DALL'IS ALL'UCRAINA

DUE GIORNI DI DIALOGO AD ASSISI IL 14 E 15 APRILE

GLI STRANI FIORI DEL PAKISTAN, A ROMA 8 /2/14

COSA NE PENSANO GLI AFGANI, RICERCA DI "AFGANA" A ROMA IL 16/12/13

AFRICA E SOLIDARIETA', A GENOVA 14-16/11/13

A CHE SERVE L'UMANITARIO? UN CONVEGNO A ROMA il 21/11/13

COME CAMBIANO LE FORZE ARMATE, A ROMA IL 14/2/11

Come cambiano le Forze armate in italia
Presentazione del libro di Ritanna Armeni, Emanuele Giordana
Due pacifisti e un generale
A colloquio con Vincenzo Camporini

gli autori ne discutono con
Franco Angioni, Generale dell’Esercito Italiano
Giampaolo Cadalanu, la Repubblica

Roma, lunedì 14 febbraio, ore 17.00
Casa della Memoria e della Storia, via San Francesco di Sales 5 (Trastevere)

Lunedi' 14 Febbraio 2011

Il libro

Ritanna Armeni e Emanuele Giordana
Due pacifisti e un generale
A colloquio con Vincenzo Camporini
Collana Materiali, Formato 14 x 21, Pagine 280, Prezzo 10, Uscita Novembre 2010

Chi erano e chi sono oggi i soldati italiani che vengono mandati all’estero e di cui i nostri giornali si ricordano solo quando saltano su uno IED o vengono uccisi da una pallottola?
Nelle Forze armate italiane c’è stata una rivoluzione. È cominciata dopo la caduta del muro di Berlino e prosegue anche oggi. Tutto è cambiato. Non più soldati di leva, ma professionisti della sicurezza, non più solo uomini, ma anche donne, non più militari ignoranti e inconsapevoli, ma ragazze e ragazzi addestrati, colti e curiosi, esperti di tecnologie, abituati a girare il mondo e a capirlo. La rivoluzione ha riguardato l’idea di pace, di guerra, di disciplina, di gerarchia, di comando, di tempo. Fino al 1989 l’obiettivo del militare era quello di vincere la battaglia o le battaglie. Oggi il suo fine è quello di conseguire un livello di stabilità idoneo allo sviluppo delle attività umane, garantendo condizioni di sicurezza.
Vincenzo Camporini, capo di stato maggiore della Difesa, racconta a due giornalisti che non hanno mai nascosto la propria adesione ai valori del pacifismo, Ritanna Armeni ed Emanuele Giordana, tutte le tappe di questa rivoluzione che non è stata solo organizzativa, ma anche concettuale e ideologica.
In questa lunga intervista si affrontano i grandi temi del nostro presente, dal dibattito su guerrieri o “soldati di pace”, alla stessa idea di pace, di guerra, di discilplina, di gerarchia, di comando. Per la prima volta un militare a capo dello stato maggiore della Difesa affronta senza reticenze i problemi delle nostre missioni internazionali, gli interventi in Iraq e Afghanistan, la relazione non sempre facile con il Palazzo e con i media, la guerra e la pace, le vittime civili, i rapporti con il mondo umanitario e gli altri Paesi, l’esercito europeo e il cosiddetto “approccio italiano” fuori dai patrii confini.
Ne esce il racconto inedito di un mondo in gran parte sconosciuto e anche una sorprendente predisposizione al dialogo che prefigura un nuovo ruolo elle Forze armate nella società italiana. Di cui solo gli addetti ai lavori si erano finora, e solo in parte, accorti.

Ritanna Armeni. Giornalista, scrittrice e conduttrice tv.
Emanuele Giordana. Giornalista, esperto di politica internazionale, cofondatore e direttore di «Lettera 22».



Powered by Amisnet.org