Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


NOI STIAMO CON GLI AFRICANI

SCONFINAMENTI A CERTALDO IL 30 OTTOBRE

I 25 ANNI DI LETTERA22 AL SALONE DELL'EDITORIA SOCIALE 2-3 NOVEMBRE

RICORDO DI DONDERO, A BERGAMO 11 MARZO

Guerra e bambini: un'iniziativa a Milano l'8 giugno

CONOSCERE LA GUERRA. A UDINE IL 20 FEBBRAIO

CONVEGNO DI STUDI SULL’AZERBAIGIAN E LA REGIONE DEL CASPIO

ATLANTE DELLE GUERRE, LA SESTA EDIZIONE

TRENTO: CONVEGNO DI STUDI SULL’AZERBAIGIAN

IL MONDO SCONVOLTO DALL'IS ALL'UCRAINA

DUE GIORNI DI DIALOGO AD ASSISI IL 14 E 15 APRILE

GLI STRANI FIORI DEL PAKISTAN, A ROMA 8 /2/14

COSA NE PENSANO GLI AFGANI, RICERCA DI "AFGANA" A ROMA IL 16/12/13

AFRICA E SOLIDARIETA', A GENOVA 14-16/11/13

A CHE SERVE L'UMANITARIO? UN CONVEGNO A ROMA il 21/11/13

LE VIE D'USCITA DALLE CRISI, PEOPLE FIRST: IL NUOVO RAPPORTO DEL SOCIAL WATCH 09/02/10

Roma, Caffè Fandango – Piazza della Pietra 32/33

Martedì, 9 febbraio 2009 h. 18.00 – 20.00

Martedi' 9 Febbraio 2010


In occasione della presentazione del Rapporto 2009 “People First”,
la rete internazionale Social Watch organizza la tavola rotonda

“Il ruolo dell’Italia nella governance mondiale: tra delusioni e speranze della società civile”

Roma, Caffè Fandango – Piazza della Pietra 32/33
Martedì, 9 febbraio 2009 h. 18.00 – 20.00

Da Pittsburgh a Copenhagen: il bilancio dei risultati dei recenti vertici internazionali. Quale ruolo può e deve giocare l’Italia in vista degli appuntamenti del 2010? Non più promesse ma urgenti e concreti impegni è la richiesta unanime della società civile italiana. Ne discutono esponenti governativi, parlamentari, rappresentanti di organizzazioni internazionali e della società civile italiana, in occasione della presentazione del 14° rapporto della rete internazionale Social Watch: “L’unica via d’uscita dalle crisi: People First”.

Il rapporto analizza le conseguenze sociali e ambientali delle recenti crisi internazionali e come ogni anno propone, attraverso degli indici alternativi, un’analisi del livello di povertà e uguaglianza tra uomo e donna nel mondo. In accordo con l’approccio adottato dal Social Watch, gli indici sono basati sui diritti umani invece che sul reddito. Con questo rapporto, la coalizione intende offrire un efficace strumento per monitorare il rispetto degli impegni internazionali in materia di politiche sociali e il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio. In tale prospettiva, la crisi offre un'opportunità storica: ripensare i processi decisionali in politica economica attraverso un approccio basato sui diritti umani per costruire un sistema economico e finanziario a servizio delle persone.

PROGRAMMA

Introduce
Jason Nardi, Coordinatore della Coalizione italiana Social Watch

Modera
Emanuele Giordana, Direttore di Lettera22 e conduttore di Radio3 Mondo

Intervengono
Min. Plen. Antonio Bernardini, Consigliere diplomatico del Ministro dell’Ambiente
Dott. Luca Alinovi, Senior Economist FAO
Rappresentante del Ministero degli Esteri *

*invitato in attesa di conferma

Invitati a partecipare al dibattito deputati e senatori delle Commissioni competenti in materia

Il dibattito sarà animato dai rappresentanti della Coalizione Italiana Social Watch:

Sergio Giovagnoli, Responsabile nazionale welfare ARCI
Giulio Marcon, Lunaria
Maria Grazia Midulla, Responsabile Clima ed Energia WWF Italia
Andrea Olivero, Presidente ACLI
Francesco Petrelli, Presidente Ucodep
Sabina Siniscalchi, Senior Advisor Fondazione Culturale Responsabilità Etica, già deputata
Giulio Sensi, Mani Tese
Antonio Tricarico, Direttore Campagna per la Riforma della Banca Mondiale



Il Social Watch è una rete di organizzazioni della società civile che conta membri in più di 60 Paesi. La rete è stata creata nel 1995 come “luogo di incontro” per organizzazioni che lavorano affinché temi quali la lotta alla povertà e la parità di genere siano tenuti in considerazione dai governi nella definizione di politiche per lo sviluppo sociale. Da allora, il Social Watch ha pubblicato 14 rapporti annuali sui progressi e le battute d’arresto registratisi nel mondo, monitorando così l’effettiva rispondenza tra gli impegni assunti dai governi a livello internazionale e le politiche attuate a livello nazionale.

Alla coalizione italiana del Social Watch aderiscono otto organizzazioni della società civile: ACLI, ARCI, Campagna per la Riforma della Banca Mondiale, Fondazione Culturale Responsabilità Etica, Lunaria, Mani Tese, Ucodep, WWF. I rapporti annuali del Social Watch sono la prima iniziativa di monitoraggio sullo sviluppo sociale capace di coniugare la dimensione internazionale e quella locale, rappresentando così un efficace strumento di sensibilizzazione.



Powered by Amisnet.org