Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


ISRAELE DISTINGUE TRA ARABI MUSULMANI E ARABI CRISTIANI 26/2/14

ISRAELE, IL CASO DEL PROFESSOR VERETE 4/2/14

ELEZIONI IN ISRAELE. MENO STELLETTE, PIU' CIVILI 24/1/13

VIGILIA ELETTORALE IN ISRAELE. NETANYAHU FAVORITO 21/01/13

LE CASE IN ISRAELE COSTANO TROPPO. I GIOVANI PIANTANO LE TENDE 26/07/11

PORTE GIREVOLI: LAVORATORI MIGRANTI IN ISRAELE 10/11/09

A PROPOSITO DI COLONI 31/03/2010

OGGI A GERUSALEMME 17/12/09

TSAHAL AVVERTE: I COLONI PRONTI AD ATTACCARE I PALESTINESI 4/12/09

HAARETZ: «L'UE PRONTA A RICONOSCERE LO STATO PALESTINESE» 1/12/09

HAARETZ: «L'UE PRONTA A RICONOSCERE LO STATO PALESTINESE» 1/12/09

Martedi' 1 Dicembre 2009
Il quotidiano israeliano Haaretz pubblica in esclusiva sul suo sito web un documento della presidenza svedese dell’Ue. Secondo il quotidiano, «la bozza di documento chiede la divisione di Gerusalemme tra Israele e un futuro stato palestinese e implica che l’Ue riconoscerebbe la dichiarazione unilaterale palestinese di nascita dello stato».
Il documento recita al punto numero 1:
«Il Consiglio dell’Unione europea è seriamente preoccupato per lo stallo del processo di pace in Medio Oriente. L’Unione europea chiede l’urgente ripresa dei negoziati che conducano, in una cornice temporale concordata, alla soluzione di due stati, con un indipendente, democratico, contiguo e sostenibile stato di Palestina che comprenda la Cisgiordania e Gaza e con Gerusalemme est come capitale, accanto, in pace e sicurezza, allo Stato di Israele. Una pace complessiva, che è fondamentale interesse dell’Ue e delle altri parti della regione, deve essere raggiunto sulla base delle rilevanti risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell’Onu, dei principi di Madrid, compreso terra in cambio di pace, la Roadmap, degli accordi precedenti raggiunti tra le parti e dell’Iniziativa di pace araba».
http://www.haaretz.com/hasen/spages/1131988.html



Powered by Amisnet.org