Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


VEDI ALLA VOCE AMORE 28/12/09

IL SANGUE E LA MASCHERA 15/12/09

FLAGRANT DELIT, IL ROMANZO TEATRALE DI MARCO PALLADINI

HOC (NON) EST CORPUS MEUM, LA CARNE, L'IMMAGINE, IL POTERE 22/11/09

IL COLORE DELLA FOLLIA 24/10/08

Il GIARDINO E LA STORIA 23/10/08

HOC (NON) EST CORPUS MEUM, LA CARNE, L'IMMAGINE, IL POTERE 22/11/09

Prima delle escort di Berlusconi e dei trans di Marrazzo, nel febbraio di quest'anno, la rivista di critica on-line La differenza dedicò un numero ai rapporti tra la prostituzione e il potere. Riproponiamo qui una di quelle riflessioni (nella foto, il quartiere a luci rosse di Amsterdam)

Attilio Scarpellini

Sabato 21 Novembre 2009
Qualche tempo fa, il ministro Mara Carfagna ebbe l’inaudita sfrontatezza di definire “orribile” la vendita del proprio corpo da parte delle donne che ne fanno commercio per strada. Perché quella sfrontatezza era inaudita? Risposta: perché era innocente. C’è una rimozione istintiva, spontanea in questo giudizio che non può non ritorcersi sulla biografia di chi l’ha pronunciato: vittima di quel moralismo che è il supplemento d’anima di tutte le sconfitte politiche, una velina di regime divenuta ministro altro non può fare che rilanciare sul piano (moralistico) al quale stava per essere inchiodata. A moralista, moralista e mezzo – ma anche, a puttana, puttana e mezzo: quelle vere, tragiche, degradate, orribili, non siedono sui banchi del parlamento o del governo, ma sulle latte rovesciate nelle no man’s land tra campagna e città, o sui gradini delle casupole del centro storico di Roma, ormai invecchiate come sepolcri. Quelle "vere" vendono il proprio corpo e non la propria immagine: e con ciò, da una parte si respingevano al mittente i sospetti, le dicerie sulla professione della signora Warren, cioè sulla carriera del ministro in questione (sospetti ormai seppelliti, e giustamente, dalla decisione della magistratura di secretare le intercettazioni che hanno per oggetto i rapporti tra il premier e il suo ministro), dall’altra si poneva fine a una confusione improvvida, ristabilendo un confine tra la prudèrie dell’immaginario e la secca determinazione del referente, mettendo da parte ogni possibile inquietudine del significante. E il referente della prostituzione, dice la signora Carfagna, è indubitabilmente il corpo nel suo osceno scambiarsi con il denaro. Anche se diventa difficile capire cosa risulti più osceno: il potere sovversivo, arcaico, esorbitante (puramente entropico) che la sessualità continua a esercitare sulla potenza del potere e sul prestigio del denaro – ricordate il caso Lapo Elkann? – o la possibilità che, nel commercio sessuale, la natura predatoria di ogni libero mercato possa improvvisamente e brutalmente saltare agli occhi.

A una certa ora della notte, diceva Georges Bernanos, è sempre “il ricco che mangia il povero”. La bassezza ha un gusto e ai piani alti dell’esistenza – quelli in cui la vita è straordinariamente estetica, lieve, frizzante – questo sapore inimitabile, che è quello cannibalico del dominio (che consiste anche nell’esser dominati) rischia, come afferma una nota pubblicità, di non avere prezzo. Che lo si veda dal lato della domanda o da quello dell’offerta, è sempre l’ordine sociale che “va a puttane” nella doppia miseria, nella doppia perdita, in cui cliente e “ragazza” finiscono avvinghiati. Ed è sempre il corpo a trattenere il peso, la lesione, l’offesa di questa transustanziazione dell’astrazione del denaro nella pulsione viva della carne. Nel corpo affonda l’orrore inconfessabile di una mercificazione che al corpo dovrebbe fermarsi, non per pietà, ma perché in esso è costretta a constatare quanto poco glorioso, quanto tristemente mortale, sia il desiderio che ammanta ogni merce e ogni corpo mercificato. Nel corpo della prostituta, ferita sempre aperta, si esibisce l’abiezione che il mondo dei soggetti trasformati in oggetti, e dei corpi ridotti a cose, deve ad ogni costo nascondere a se stesso: è il lato sacrificale del desiderio che l’estetica della merce respinge con un balzo all’indietro – nel perduto ordine della morale – perché tra le tante frasi che può pronunciare, e le fantasmagorie che può promettere, non c’è quella in cui rintocca il suono fatale di ogni caduta nella e della carne: hoc est corpus meum (o per quale motivo crede la credente Carfagna che Cristo si circondasse di pubblicani e di prostitute? come mai nei Vangeli lo sguardo del perdono affranca le donne “che hanno molto amato” e colei che ha offerto spudoratamente se stessa viene portata sull’altare in un’analogia che non può sfuggire con chi tra breve offrirà il suo corpo “in sacrificio per noi”? Perché è probabilmente una prostituta quella a cui spetta il privilegio di riconoscere il Cristo risorto e di essere da lui chiamata per nome? Perché una prostituta - e non, ad esempio, un ministro – ci precede nel regno dei cieli?)

Questo invece non è il mio corpo, ma solo l’immagine in cui l’ho consapevolmente e scientemente alienato, un corpo visivo, costruito (e non di rado ricostruito) secondo i dettami di un’estetica spettacolare che è il punto medio di uno sguardo condiviso, in cui ciascuno vede (e desidera) solo quello che tutti gli altri vedono (e desiderano): questa immagine, separata da me e dal mio corpo vissuto, ma in cui la mia identità risorge e si rinnova, come in un avatar, è invece vendibile a piacere poiché il piacere a cui costantemente allude è in eccesso rispetto a ogni singolo godimento, lo esclude e lo rimette all’ordine del giorno di un desiderio senza fine. Riprodotto e mediatizzato su ogni supporto possibile, il corpo che si offre illimitatamente allo sguardo, si sottrae simultaneamente a ogni altro senso, icona che ammicca a tutti e a nessuno: sguardo che non eiacula, come quello della donna di strada, adescando (bella parola in cui si sente immediatamente la terribile friabilità dell’anima) con la promessa di un segreto, ma che, ripiegando su se stesso, sulla sua irrelata bellezza, seduce con una promessa completamente nuova, quella di un corpo finalmente risolto (e risorto) nella inaccessibile superficie di un’immagine. E’ una prostituzione cool, contemplativa, dove ogni eventuale passaggio all’atto ricade penosamente nella e sulla solitudine di chi lo compie. Universalmente disponibile non è più la carne – la volgarità del referente è respinta nel commercio di strada, tra i prolet orwelliani ancora convinti che per godere bisogna comprare e vendere qualcosa – ma la sua simulazione in una società dove la tonicità del desiderio e la mancanza di appagamento, la velocità e la virtualità di ogni relazione, insomma l’erosione di qualsivoglia valore d’uso, sono i motori di una specie di economia dell’immortalità. Guardare e non toccare, dunque: è la legge che regola la visione nei peep show. Tutto, d’altronde è sempre più da guardare, e sempre meno da toccare, anche nel mondo delle merci: un erotismo glamour avvolge ogni prodotto e lo fa volare alto nell’olimpo in cui i desideri lottano tra loro come divinità e possedere un’ automobile o l’ultimo modello di un telefonino assicura un piacere uguale se non superiore a quello di (possedere) una donna. Soggetto e oggetto si scambiano di posto nell’ordine del desiderio, senza che nessuno trovi niente da eccepire in questo romanticismo che sessualizza la merce, nel mentre banalizza la sessualità. Perché scandalizzarsi se tra le adolescenti del mondo sviluppato si diffonde una prostituzione occasionale che scambia prestazioni sessuali con oggetti di status, per lo più legati alla comunicazione, visto che, secondo molte pubblicità, l’ euforica onnipotenza di questi ultimi è infinitamente più desiderabile di un atto che ci mette tutt’al più all'altezza di uno yoghurt (fate l'amore con il sapore)? No, il ministro Carfagna ha ragione: l’arcaica prostituzione che batte la strada pronta a concedere il segreto del proprio corpo al primo venuto – e in cambio di poche decine di euro – è “orribile”, tanto più nel paese in cui qualunque ragazzina può forgiarsi un corpo da velina e venderne il simulacro al migliore offerente. Come è bestiale il visibile, diceva Tertulliano, che senza posa si corrompe. Come è angelico e innocente, invece, il visivo.

febbraio 2009, estratto dal numero di www.differenza.org On the bitch



Powered by Amisnet.org