Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


IL PUGNO DI CHERNOBYL E GLI SCATTI DI PAUL FUSCO 19/11/13

GIPI RACCONTA LA SUA ULTIMA GRAPHIC NOVEL, UNASTORIA

LA QUATRIEME IMAGE/UN SALONE E DUE SORPRESE A PARIGI 1/11/13

dOCUMENTA, DA KASSEL A KABUL 23/8/12

SE dOCUMENTA VA DA KASSEL A KABUL 24/6/12

GINA PANE ATTRICE E MARTIRE 5/6/12

NEL REGNO DI JOAN MIRO' 5/6/12

LE AURE DI MONIKA BULAJ A ROMA 8/2/12

VIVERE E' DIVENTATO PIU'ALLEGRO! LE RUSSIE DI CA'FOSCARI

KAMAITACHI: HOSOE, HIJIKATA E LA RICERCA DI SE' 23/1/10

DAGLI ARCHIVI DEL DOPOGUERRA DI UNA GUERRA CHE NON FINISCE MAI 27/04/09

ALLISON SCHULNIK, L'URLO E LA MATERIA 20/04/09

Il NONO PIANO DI JESSICA DIMMOCK 8/4/09

LE CITTA' INVISIBILI DI PRIMOZ BIZJAK 23/03/09

DE CHIRICO TORNA IN FRANCIA DOPO OLTRE 25 ANNI 16/2/09

IL NON-OGGETTO DEL DESIDERIO BY FRANCESCO VEZZOLI 10/2/09

Taroccando Duchamp, Francesco Vezzoli, enfant prodige del mainstream artistico internazionale, espone un profumo (con annessa campagna di marketing) destinato a esistere solo virtualmente. E ottiene la fotografia di una fotografia dove l'arte è la stanca celebrazione del definitivo trionfo dei media. Alla galleria Gagosian di Roma (nella foto, il ritratto di Tamara De Lempicka, una delle immagini esposte alla mostra)

Attilio Scarpellini

Martedi' 10 Febbraio 2009

Dura appena un minuto, Greed a New Fragrance by Francesco Vezzoli, il video diretto da Roman Polansky che introduce il percorso espositivo attorno al readymade dell’artista bresciano alla Gagosian Gallery di Roma. Ma condensa una tale congerie di clichè pubblicitari – dalla patinatura dell’immagine alla microstoria che racconta – che non si sa bene come considerarlo: glamour e ammiccante, è degno degli spot del peggior Campari, ma bisognerà anche riconoscere in questo l’unico vero segno di intelligenza dell’intera operazione concettuale di Vezzoli. Trattandosi di un non-prodotto, preso a prestito e taroccato dalla Belle Haleine di Marcel Duchamp – un cortocircuito originario tra l’arte e il sistema della moda – Greed, l’eau de larmes che sulla maxiboccetta espone l’immagine dello stesso Vezzoli non ha nulla di nuovo, anche perché l’unica fragranza che ha solleticato il naso dei visitatori il giorno dell’inaugaurazione è stata quella, volutamente nauseabonda che un qualche buontempone ha sprigionato nella affollata Main Exhibition Room dello spazio romano lanciando una bomba puzzolente. Blanda provocazione, che a fatica può essere registrata come una notizia, visto che, a dispetto dell’apparato che introduce e circonda Greed, che lo sostiene e lo legittima, siamo decisamente nel campo dell’aneddoto. E’ sufficiente leggere le poche righe di presentazione che accompagnano il progetto per rendersene conto : “Francesco Vezzoli – si legge sul comunicato stampa – indaga l’ambiguità del concetto di verità, la potenza seduttiva della comunicazione e l’instabilità dell’uomo (sic!) attraverso l’indubbio potere dei media nella cultura contemporanea.” Questo potere è talmente indubbio ( e tale deve restare) che Greed può essere considerato la sua celebrazione inerziale, la resa definitiva dell’immaginario dell’arte a quello dei media, dove l’unico richiamo alla diversità (della bellezza, dell’arte e della stessa icona femminile) è trattato in modo giustamente funerario dalla galleria di testimonial involontarie che, affisse alle pareti della sala, presiedono all’epifania del bottiglione di cristallo ambrato by Francesco Vezzoli. Da Frida Khalo a Leonor Fini, da Tina Modotti a Giorgia O’Keefe, dieci rappresentanti d’eccellenza (anche nelle sue performance dal vivo, Vezzoli ha un debole per lo star-system) dell’arte al femminile e del femminismo artistico novecentesco, appaiono tirate in Inkjet su fondi di broccato finemente ricamati. Le uniche lacrime sopravvissute dell’eau de larmes di Rose Sélavy sono quelle che pendono dai loro occhi sporgenti, cristallizzate in pietre da bigiotteria o condensate in piccole strisce di stoffa come sbavature di rimmel. La verità, come recita il comunicato, non potrebbe essere più ambigua: dobbiamo credere al volto severo della O’Keefe, forgiato dal vento caldo del deserto del New Mexico in cui scelse di ritirarsi a dipingere, o a quella “fotografia di una fotografia”, per citare Don DeLillo, a quello “spot degli spot” girato da Polansky dove Natalie Portman e Micelle Williams si litigano con aggressive (quanto fittizie) movenze lesbiche una confezione della “brama” (greedbrand vi è perfettamente esemplificato: non vendiamo un profumo, ma per l’appunto l’illusoria fragranza di un desiderio che appartiene e a tutti e a nessuno. Più esattamente: l’avidità della merce è l’accchiappasogni in cui si impiglia qualunque desiderio, poiché, come pensava Debord – ed era il 1967 – la sua accumulazione totalizza l’intero immaginario. Lo spettacolo è il “capitale a un tale grado di accumulazione che diventa immagine”. Bisognerà allora congratularsi con Vezzoli per aver mostrato, per l’ennesima volta, il grado sempre più estremo di vaporizzazione a cui è giunto il valore d’uso nel momento in cui la merce assurge a fantasma del desiderio e il desiderio non può che investire, nel suo tragitto, la merce? No, perché Greed non è che il rispecchiamento anestetico (ripeto l’aggettivo: inerziale) di questo processo e dunque la sua celebrazione attraverso il sistema dell’arte che, da parte sua, continua ad essere puntato sulla realtà come un cannocchiale rovesciato. Varcate le colonnine della Gagosian Gallery, in realtà, nessuna critica è possibile, ma solo una ricaduta su se stesso del mondo così com’è. L’arte contemporanea è un treno fermo su cui indugia un passeggero ancora indeciso se credere alle indicazioni del capostazione, che si ostina a non fischiare la fine del viaggio, o alla mancanza di autorità della propria percezione.

Questo articolo è uscito sull’ultimo numero della rivista on-line La differenza (www.differenza.org)



Powered by Amisnet.org