Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


GLI ISLAMISTI BLOCCANO ISLAMABAD

Occhio per occhio, stupro per stupro

Edhi, il benefattore privato con un occhio alla cosa pubblica

PUGNO DI FERRO DOPO LAHORE

PAKISTAN, STRAGE A PASQUA

NUOVA STRAGE A SCUOLA IN PAKISTAN

IL GRANDE GIOCO IN PAKISTAN

LA GUERRA INFINITA DI PAKISTAN E AFGHANISTAN

Seymour Hersh e la morte di bin Laden

Giustizia per Malala ma non per tutti

L'"ERRORE" CHE HA UCCISO GIOVANNI LO PORTO

PESHAWAR, IL GIORNO DOPO

PESHAWAR, CRONACA DI UN MASSACRO

STRAGE DI WAGAH, NUOVI GRUPPI VECCHIE STRATEGIE 3/11/14

DOMENICA DI SANGUE A KARACHI 10/6/14

LA REAZIONE DI ISLAMABAD 2/12/08

Si alzano i toni tra il Pakistan e l'India che accusa il paese di Zardari con una nota ufficiale. I pachistani cercano di buttar acqua sul fuoco chiedendo che Delhi distingua tra terroristi e paese. E anche Obama da una mano. Ma la tensione alimenta lo scontento tra i radicali e rischia di tirare dalla loro parte anche i moderati. Il subcontinente si infiamma

Emanuele Giordana

Martedi' 2 Dicembre 2008

Pare che Obama si sia consultato più volte con Condoleezza Rice prima della sua visita prevista in India e che ieri ha mandato un messaggio chiaro ai pachistani: “cooperate con trasparenza” con Delhi per colpire i responsabili di Mumbai. Gli americani sono forse i più preoccupati di quanto avviene in queste ore in Pakistan dove, nel paese messo sotto accusa, la reazione più forte viene, inevitabilmente, dall'esercito e dai servizi, più o meno direttamente tirati in causa nella vicenda che ha sconvolto la capitale finanziaria dell'Unione. E che minacciano addirittura di sottrarre forze alla guerra al terrore sulla frontiera afgana. In Pakistan la tensione è alta da tempo e la vittoria di Obama non ha mitigato la diffidenza di ampi settori della società civile e, soprattutto, di buona parte degli uomini in divisa verso gli Stati Uniti: rei di aver sottoscritto col grande nemico oltre confine un patto che consente a Delhi di appropriarsi di tecnologia nucleare benché a scopi civili.
La prima e più evidente reazione, testimone della forza dei militari pachistani, è stata la marcia indietro sull'invio del capo dei servizi di sicurezza dell'Isi, Ahmed Pasha, che – nelle intenzioni del premier Gilani e del presidente Zardari – sarebbe dovuto andare a Delhi proprio a dimostrare “trasparenza e cooperazione”. Ma dopo la scoperta della pista Lashkar-e-Toiba, un gruppo nella manica di esercito e servizi (Isi) più o meno deviati (Let fu però messo al bando già da Musharraf), il risentimento nei confronti degli indiani, sempre pronti a indicare nel Pakistan la madre di tutte le malefatte, han fatto tirare il freno ai militari. Infine, dopo le accuse prima indirette poi sempre più specifiche di Delhi a Islamabad e mentre l'Unione elevava la sicurezza nazionale a "livello di guerra", in rappresaglia il ministero della Difesa pachistano ha minacciato di spostare 100mila uomini dalla frontiera Ovest, dove sono impegnati contro talebani e qaedisti – a quella con l'India. Se un effetto i terroristi volevano ottenere, si può dire che il loro obiettivo è stato raggiunto.
Paese a guida civile ma tradizionale ostaggio di uno degli eserciti più potenti del mondo, attraversato dal potere occulto di uno tra i più autonomi e segreti tra i servizi segreti, il Pakistan vive ore di angoscia ma ampiamente annunciate. Ai militari ribolliva il sangue probabilmente già quando Zardari – che anche ieri, come ha fatto pure Washington, ha cercato di gettare acqua sul fuoco - annunciava qualche giorno fa di voler rinunciare al principio del “first strike” (con l'arma nucleare) in caso di minaccia alla sovranità nazionale. E ai servizi non è piaciuto lo smantellamento della sezione politica dell'Isi. Inoltre, ben racconta il clima di sospetto dei militari una mappa che circolerebbe in alcuni ambienti statunitensi - come ha rivelato la stampa americana - in cui si vede una mappa del Pakistan “tagliato” alle ali, con una zona di influenza indiana a Est e afgana a Ovest. Quando la notizia di è diffusa, in Pakistan la reazione è stata furiosa.
E' in questo clima che è scoppiato il caso Mumbai. Che rischia ora di trascinare militari e funzionari moderati dalla parte dei loro omologhi più radicali, islamisti e ultranazionalisti. Pronti a tutto pur di difendere il suolo patrio. Anche alla guerra.



Powered by Amisnet.org