Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


I FILO RUSSI VINCONO IN OSSEZIA 1/6/09

LA GEORGIA, L'OSSEZIA E L'OMBRA DEL KOSOVO 15/8/08

GEORGIA-RUSSIA, QUADRO CONFUSO AL FRONTE 15/08/08

GEORGIA-RUSSIA, TEMPO DI VALUTARE I CRIMINI 14/08/08

TBILISI-MOSCA, PROVE (STENTATE) DI DIALOGO 14/08/08

VERSO UNA NUOVA GUERRA FREDDA? 13/8/08

GEORGIA-RUSSIA, ACCUSE AL VETRIOLO 13/08/08

TSKHINVALI, CITTA' FANTASMA. PER I MEDIA. 13/8/08

LA RUSSIA ENTRA IN GEORGIA 12/08/08

QUANDO LA UE CONSIGLIO' PRUDENZA TBILISI 12/8/08

DIETRO LO SCONTRO IL CONTROLLO DELL'ENERGIA 10/8/08

RUSSIA-GEORGIA, CONFLITTO APERTO 10/08/08

OSSEZIA DEL SUD, IL CONTENZIOSO CON TBILISI (Scheda) 9/8/08

OSSEZIA DEL SUD, E' GUERRA 09/08/08

L'ONU PARALIZZATA MENTRE INFURIANO I COMBATTIMENTI 9/8/08

LA GEORGIA, L'OSSEZIA E L'OMBRA DEL KOSOVO 15/8/08

Colloquio con Fabio Mini

A sinistra la copertina del suo ultimo libro

Emanuele Giordana

Venerdi' 15 Agosto 2008


Fabio Mini di faccende militari se ne intende. E non solo perché è stato a capo delle forze Nato in Kosovo o perché il suo ultimo libro, uscito per Einaudi, si intitola appunto “Soldati”. Ma perché è sempre riuscito a coniugare le vicende belliche a quelle più squisitamente politiche. E di politica c'è n'è parecchia nella crisi del Caucaso. “Come andrà a finire? Con una soluzione posticcia, transitoria. Un limbo – dice l'analista - da cui potrebbero uscire molte cose. Quel che è certo è che a rimetterci sarà soprattutto la Georgia”
In queste molte cose c'è anche l'indipendenza dell'Ossezia?
Le ipotesi sono diverse: una dichiarazione di annessione alla Russia, di indipendenza nel quadro della Csi (la comunità degli stati dell'ex Urss ndr) oppure la riunificazione all'Ossezia del Nord... Sono tutte soluzioni che penalizzano la Georgia. E dirò di più. Gli osseti potranno rivendicare il diritto all'autodeterminazione dei popoli con qualche ragione. E certo assai più di quante ne avessero gli albanesi del Kosovo dal momento che uno stato degli albanesi esisteva già. Quello degli osseti no
L'ombra del Kosovo aleggia sulla crisi...
E' il paragone più immediato e adesso siamo davvero in grado di capire quanto pesi e quanto peserà quel precedente che si dimostra oggi assai più grave di quanto non sembrasse al momento della proclamazione d'indipendenza
Il paradosso però è che Mosca ha difeso l'unità della Serbia. Come potranno adesso i russi lasciar scegliere all'Ossezia la secessione?
I russi sono certamente gli ultimi che possono dire una parola su come si amministrano i popoli e le comunità e certo non possono accampare diritti, ma gli osseti vorranno decidere da soli e la Georgia pagherà l'enorme errore di valutazione commesso con una guerra che, evidentemente, i gerogiani hanno fatto anche rassicurati da qualche cattivo consiglio
Americano?
A osservare le prime reazioni del presidente Bush si direbbe che sia rimasto molto stupito di quanto è successo. Ma certo gli americani hanno armato la Georgia e hanno avallato i sogni del suo presidente. Hanno premuto per un ingresso rapido nella Nato. Mi viene in mente Saddam Hussein...
Scusi?
Saddam non invase l'Iraq senza pensarci. Tutti sanno che convocò l'ambasciatrice americana che gli diede una sostanziale luce verde. Fu un'iniziativa che la diplomatica pagò con un richiamo immediato, ma Saddam pensò che poteva andare tranquillo in Kuwait visto che per dieci anni era stato il bastione contro il nemico iraniano
E i georgiani...
Si sono illusi di poter accelerare la storia
La candidtaura alla Nato di Tbilsi salterà?
Molti stati ci rifletteranno sopra prima di dare il via libera. Ci sarà maggior prudenza. Ecco un altro risultato della mossa a sorpresa di Saakashvili

Pubblicato sui quotidiani locali del Gruppo Espresso/Repubblica



Powered by Amisnet.org