Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


Gli sculaccioni dello zio Sam

L'ECO INTERNAZIONALE DEL MINISTRO TERZI 16/3/13

INDISCRETO: LA NATO O FINMECCANICA? 8/12/12

DI PAOLA E IL VETO DI LA RUSSA 26/11/11

IL MINISTRO IN MIMETICA E LA FONDAZIONE CUTULI 8/4/2011

UN CONSIGLIERE MILITARE PER FRATTINI 11/2/11

L'UOMO CHE RIDEVA TROPPO E IL CIRCOLO DELLA CACCIA 9/3/10

AFGHANISTAN, LA UE SILURA IL CANDIDATO ITALIANO 23/2/10

GLI IMBARAZZI DI EIKENBERRY 22/11/09

VERSO L'INCORONAZIONE DI KARZAI 6/11/09

FARNESINA, PIANI ALTI SENZA FIRMA 8/10/09

E SE AUNG SAN SUU KYI CHIEDESSE IL VISTO ALL'ITALIA? 15/5/09

PEACEKEEPING, LA MATEMATICA DI SILVIO E QUELLA DI GEORGE 13/6/08

ESTERI/IL VALZER DEI SOTTOSEGRETARI 1/5/08

SE IL BUON ESEMPIO NON E' PIU' UNA VIRTU' 9/4/08

ESTERI/IL VALZER DEI SOTTOSEGRETARI 1/5/08

Mantica, Contini, Provera. Sono questi i papabili ai sottosegretariati agli Esteri. Con Frattini

Giovedi' 1 Maggio 2008

Quando Franco Frattini e il commissario europeo al multilinguismo Leonard Orban parteciperanno giovedì prossimo al seminario internazionale sull'immigrazione all'Università per stranieri di Perugia, le riserve saranno ormai sciolte. Ma se il ministro degli Esteri in pectore è quasi certo, il valzer dei sottosegretari è appena cominciato ma senza ancora grandi certezze. Sono tre i nomi più accreditati: Alfredo Mantica, che ha già ricoperto quest'incarico, Barbara Contini e Fiorello Provera. I nomi girano da un po' alla Farnesina, anche se su Provera (Lega) si argomenta che dovrebbe lasciare la Provincia di Sondrio dov'è presidente. Quanto alla Contini, i boatos la darebbero a capo di un pool di tecnici per l'emergenza rifiuti a Napoli e in Campania, dove è stata eletta senatrice e dove sostituirebbe il commissario straordinario Gianni De Gennaro il cui mandato scade in maggio. Ma Contini è anche responsabile di Forza Italia per gli italiani all’estero e presiede “Azzurri nel Mondo”. Se fosse sottosegretario agli Esteri potrebbe esser questa la sua destinazione naturale. Destinazione naturale per Mantica sarebbe invece la delega all'Africa, al Medio oriente e alla Cooperazione, già avute in passato. Conosce bene entrambe le regioni e, quanto alla Cooperazione, godrebbe, come pochi altri nel suo schieramento, dell'apprezzamento del mondo delle Ong, che tradizionalmente guarda a sinistra ma che non fa mistero di aver apprezzato, durante la XIV legislatura, il senatore eletto a Monza.

nell'immagine, Mantica col presidente del Ruanda, Paul Kagame, all'epoca in cui era sottosegretario con delega per l'Africa

anche su il riformista



Powered by Amisnet.org