Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


Presidio contro la guerra a Milano

VIGILIA DIFFICILE PER IL WARGAME DELLA NATO

A TRIESTE DIVISI DA UNA DATA, 1 MAGGIO O 12 GIUGNO?

21 OKTOOBAR, I MISTERI DI MOGADISCIO

CASO BOSIO, LA FARNESINA LO SOSPENDE 8/4/14

MADEINITALY/RANAPLAZA, IL SENATO CHIEDE CONTO 4/4/14

CARO SINDACO TI SCRIVO. I DUBBI SULLA NUOVA MOSCHEA DI MILANO 17/2/14

AL VIA IL "SISTEMA PAESE IN MOVIMENTO" 17/11/13

LA GRANDE MUTAZIONE. AL VIA IL QUINTO SALONE DELL'EDITORIA SOCIALE 31/10/13

ALLA SAPIENZA ASPETTANDO IL 19 OTTOBRE 16/10/13

AMNESTY: DIRITTI AL CENTRO DEL DIBATTITO PARLAMENTARE, MA TRA VECCHI VIZI E TABÙ 27/9/13

MANCONI SUL GIALLO DEL CABLO SHALABAYEVA 21/7/13

ITALIA/KAZAKISTAN, ASPETTANDO ALMA 14/7/13

KAZAKISTAN, MARCIA INDIETRO DEL GOVERNO 13/7/13

ESPULSIONE O RENDITION? LA TRAMA OSCURA DIETRO LA STORIA DI ALMA 11/7/13

"BASTA ARMI ITALIANE AL PAKISTAN", CHIEDE LA RID 10/12/07

Roma continua a fornire armi a Musharraf. "Occorre sospendere le concessioni, la legge lo autorizza", dice la Rete Italiana Disarmo

Luciano Bertozzi

Lunedi' 10 Dicembre 2007
"Sospendere le vendite di armi al Pakistan". E' la richiesta al Governo italiano della Rete Italiana Disarmo (RID), che in questo modo chiede un segnale forte all'Italia di fronte alla proclamazione dello stato di emergenza ed alla sospensione della Costituzione attuata nei giorni scorsi dal generale (ora ex generale) pakistano Pervez Musharraf.
Per la legge italiana sul commercio delle armi (n.185/1990) la sospensione delle autorizzazioni concesse è possibile. Altri Paesi non sono stati a guardare "Il governo olandese ha deciso di bloccare gli aiuti al Pakistan, sottolinea Vignarca. coordinatore della Rete Disarmo, in quanto considera la proclamazione dello stato di emergenza una sorta di colpo di stato" -
La citata legge vieta le esportazioni di armi ai "paesi in stato di conflitto" e "i cui Governi siano responsabili di accertate violazioni da parte ONU, UE e Consiglio d'Europa" . E' quindi singolare che il Pakistan, retto dal regime del generale Musharraf giunto al potere nel 1999 con un golpe militare, sia diventato nell'ultimo quinquennio uno dei principali acquirenti di armi italiane. Non solo mentre l'Iran che in base all'intelligence USA è ben lontano dall'atomica è sottoposto a sanzioni, mentre il Pakistan che il nucleare lo possiede non deve dar conto a nessuno. Del resto il Paese asiatico è un partner fondamentale per Washington nella lotta al terrorismo.
"Nel 2006 sono state consegnate a Islamabad armi, secondo i dati ufficiali, per quasi 40 milioni di euro e sono state autorizzate vendite per 23 milioni di euro, relativi a componentistica aerea, navale e terrestre, nonché forniture di servizi militari per 5 milioni di euro. Nel 2005 sono state autorizzate vendite per oltre 50 milioni di euro per sistemi di direzione di tiro per veicoli blindati e consegne pari a 13 milioni di euro" - evidenzia Maurizio Simoncelli di Archivio Disarmo, aderente alla Rete Disarmo. "In particolare l'Italia ha venduto al Pakistan i radar aerei per i Mirage che possono essere utilizzati anche per trasportare armamenti atomici" - aggiunge lo studioso di temi militari.
Il Pakistan, inoltre, è una potenza atomica non dichiarata in spregio del diritto internazionale. "Islamabad è dotata di ben 60 testate nucleari, realizzate al di fuori del Trattato di Non Proliferazione nucleare (come anche l'India e Israele), rappresentando un ulteriore motivo di tensione nell'area" - sottolineano con preoccupazione i ricercatori di Archivio Disarmo.
Come se tutto quanto sopra evidenziato non bastasse, il Pakistan da oltre un decennio è in stato di tensione con l'India per i territori del Kashmir dove - come segnala un rapporto del Parlamento Europeo del maggio scorso - il governo di Islamabad "non sta tutelando con azioni adeguate i diritti delle libertà fondamentali e i diritti delle donne, dei bambini e delle minoranze. L'ultimo rapporto di Amnesty International evidenzia inoltre per quanto riguarda il Pakistan "detenzioni arbitrarie e sparizioni forzate", "uso eccessivo della forza e uccisioni illegali avvenute nella completa impunità", "mancata protezione delle minoranze", violenza sulle donne vittime di "delitti d'onore" e il perdurare della pena di morte.
"Una situazione ulteriormente peggiorata dalla dichiarazione dello stato d'emergenza, il 3 novembre, che ha determinato centinaia di arresti arbitrari e colpito duramente la comunità locale degli attivisti per i diritti umani" - ha dichiarato Riccardo Noury, portavoce della Sezione Italiana di Amnesty International.
"Nonostante le recenti Relazioni del Ministeri degli Esteri segnalino un 'cauto alleggerimento" delle "rigide restrizioni applicate in passato verso India e Pakistan", le esportazioni di armi italiane verso Islamabad sono in costante incremento fin dal 2000 e, con oltre 210 milioni di euro di autorizzazioni e 175 milioni di consegne, il regime del generale Musharraf è diventato uno dei dieci principali clienti dell'industria militare italiana degli ultimi anni" - aggiunge Giorgio Beretta che per l'Osservatorio sul commercio di armi (Os.C.Ar. di Ires Toscana) ha svolto un'analisi sull'esportazione quindicennale di armi italiane.
Infine va aggiunto che il Pakistan è un importante cliente dell'industria bellica italiana anche in altri settori: secondo le analisi di Archivio Disarmo nel solo 2005 ha acquistato una mole significativa di armi piccole e leggere ad uso civile dall'Italia per 3,8 milioni di euro di cui la quasi totalità pistole, mentre negli anni precedenti (tra il 1999 e il 2003) aveva acquistato armi piccole e leggere per 3,4 milioni di euro. Nella situazione attuale vi è il grave rischio che le forniture di armi piccole e leggere contribuiscano direttamente alle violazioni dei diritti umani e delle libertà fondamentali .
Sul delicato argomento alcuni senatori della “cosa rossa”, Martone, Pisa ed altri hanno chiesto al Governo se nel mese di dicembre in cui l'Italia presiede il Consiglio di sicurezza ONU intende porre il problema di eventuali sanzioni al Pakistan, nonché il blocco della cooperazione militare e il blocco alle vendite di armi. A quando una risposta governativa coerente con la nostra normativa e con il Trattato sul commercio delle armi che anche l'Italia ha sottoscritto all'ONU e con il patto elettorale dell'Unione?



Powered by Amisnet.org