Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


Presidio contro la guerra a Milano

VIGILIA DIFFICILE PER IL WARGAME DELLA NATO

A TRIESTE DIVISI DA UNA DATA, 1 MAGGIO O 12 GIUGNO?

21 OKTOOBAR, I MISTERI DI MOGADISCIO

CASO BOSIO, LA FARNESINA LO SOSPENDE 8/4/14

MADEINITALY/RANAPLAZA, IL SENATO CHIEDE CONTO 4/4/14

CARO SINDACO TI SCRIVO. I DUBBI SULLA NUOVA MOSCHEA DI MILANO 17/2/14

AL VIA IL "SISTEMA PAESE IN MOVIMENTO" 17/11/13

LA GRANDE MUTAZIONE. AL VIA IL QUINTO SALONE DELL'EDITORIA SOCIALE 31/10/13

ALLA SAPIENZA ASPETTANDO IL 19 OTTOBRE 16/10/13

AMNESTY: DIRITTI AL CENTRO DEL DIBATTITO PARLAMENTARE, MA TRA VECCHI VIZI E TABÙ 27/9/13

MANCONI SUL GIALLO DEL CABLO SHALABAYEVA 21/7/13

ITALIA/KAZAKISTAN, ASPETTANDO ALMA 14/7/13

KAZAKISTAN, MARCIA INDIETRO DEL GOVERNO 13/7/13

ESPULSIONE O RENDITION? LA TRAMA OSCURA DIETRO LA STORIA DI ALMA 11/7/13

WWF:FINANZIARIA DELUDENTE 18/10/07

Una manovra senza qualità ambientale e poco attenta all'innovazione

Junko Terao

Giovedi' 18 Ottobre 2007

La Finanziaria 2008 delude il Wwf, che la definisce “una Manovra senza qualità ambientale”. “Ci saremmo aspettati che si consolidasse e rinnovasse la tendenza all’innovazione in campo energetico, ambientale e dei trasporti abbozzata nel 2007”, commenta Michele Candotti, segretario generale di WWF Italia. Invece nella nuova Finanziaria si dedicano troppe risorse alle infrastrutture strategiche (4.500 milioni di euro destinati in gran parte a strade e autostrade) e alla Tav (1.300 milioni di euro), mentre alla tutela ambientale solo 584 milioni di euro, non più del 3% dell’ammontare dell’intera manovra. Inspiegabile poi la scomparsa dei due Fondi istituiti presso il Ministero dell’Ambiente con la Finanziaria 2007, che avrebbero consentito politiche innovative nell’attuazione del Protocollo di Kyoto e nel campo della mobilità sostenibile: il WWF chiede un allegato ambientale che, anche attraverso una delega al governo, getti le basi per una programmazione strategica anche di medio e lungo periodo.Insomma, per quanto ci sia qualche nota positiva, tra cui la conferma e l’aumento dei fondi previsti già nel 2007 per la tutela della natura, lo stanziamento di nuove risorse per la rete ferroviaria tradizionale e un’attenzione particolare per migliorare il trasporto pubblico e i servizi per i pendolari, le carenze sono tante e non mancano disposizioni discutibili. Per esempio le centrali termoelettriche e a carbone, che vedranno aumentare le loro quote d'allocazione, e avranno cioè maggior rendita a danno dei cittadini e dell’ambiente. O la costruzione dei rigassificatori - per cui non servirà il parere del Consiglio superiore dei lavori pubblici – e che non è supportata da una seria programmazione energetica. Senza contare che mancano incentivi per l’acquisto di apparecchiature energetiche efficienti e un impegno per la tutela e la valorizzazione della biodiversità.




Powered by Amisnet.org