Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


DAL 30/7 AL 2/8 IL FESTIVAL DEL CORTO ALL'ELBA 22/7/13

IL CORTO DI ZIAEE VINCE L'ELBA FILM FESTIVAL 4/8/12

AFGHANISTAN GIOVANI AUTORI, UNA SEZIONE SPECIALE A «UNIVERSO CORTO» 30/7/12

IL PREMIO MARENOSTRUM ANTICIPATO AL 8 OTTOBRE 19/9/11

SOLE INGANNATORE 2, ANTEPRIMA AL CREMLINO 18/4/10

IL GIARDINO INCANTATO DI SHIRIN NESHAT 16/04/2010

CRONACHE DI UN MONDO PERDUTO TORNA LA RABBIA DI PASOLINI 19/9/08

LA "PRATICA" DELLA PACE NELLA BOSNIA ERZEGOVINA 18/7/08

IL TRAILER DI "SANGUEPAZZO" DI MARCO TULLIO GIORDANA 26/5/08

«MY LOVE», IL PRIMO AMORE NELLA VECCHIA MOSCA IN CORSA PER L'OSCAR 21/2/2008

RAZLOGOV: IL DOCUMENTARIO RUSSO è VIVO 25/12/07

LA PROVINCIA RUSSA, AL CINEMA 25/12/07

TUTTA L'ASIA (E L'ATTUALITA') MINUTO PER MINUTO 18/11/07

ECO/CINEMA, IL CINECOLOGISTA AL FILMSTUDIO DI ROMA DAL 3 AL 21/11/07

VENEZIA / CINEMA: UN APPELLO PER INVITARE SHOAIB MANSOOR 30/8/07

VENEZIA / CINEMA: UN APPELLO PER INVITARE SHOAIB MANSOOR 30/8/07

Un fil per riflettere sul paese retto da Musharraf

Lettera22

Giovedi' 30 Agosto 2007

 E' stato lanciato dallo studio televisivo di Uno Mattina Estate l’appello del conduttore del programma Duilio giammaria e di tutto lo staff ad accogliere alla Mostra del cinema di Venezia  Shoaib Mansoor, autore del musical “In the name of God” ('Khuda Ke Liye'), colpito da una fatwa emessa dal mullah della moschea rossa di Islamabad, e rilanciata da altri religiosi, che lo ha costretto a lasciare il Pakistan, suo paese d’origine.
 L’appello di uno mattina e’ stato fatto proprio e rilanciato anche dai microfoni di Radio3mondo, la trasmissione radifonica di Radio3 condotta in questi giorni da Emanuele Giordana, al quale si è unito, mentre era in diretta telefonica, Mimmo Candito, inviato de “La Stampa”.
 Il film che sta ottenendo un grande successo di pubblico, racconta con il linguaggio semplice e popolare del musical, la storia di due fratelli schiacciati dall’integralismo da una parte e dalla diffidenza del mondo occidentale dall’altro. Un film per riflettere sulle semplificazioni del nostro tempo e che può dimostrare come in Pakistan vi sia un largo fermento di intellettuali e società civile che nulla hanno a che vedere col pensiero radicale e il terrorismo.



Powered by Amisnet.org