Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


L’asse Mosca Ankara

MODELLO GIACARTA

Pesi e misure per un golpe

TURCHIA, VARATA LA CONTROVERSA LEGGE SUL CONSUMO DI ALCOOL 25/5/13

LA GUERRA DEI CURDI 11/1/13

SE ABBIAM PERSO LA TURCHIA 12/11/11

TURCHIA, RICORDANDO HRANT 21/1/10

TURCHIA, AL DTP FUORILEGGE SI SOTITUSICE UN NUOVO PARTITO CURDO 18/12/09

NOME IN CODICE “GABBIA” 30/11/09

SE LA CORTE DECIDE...DI NON DECIDERE 19/11/09

DUE LINGUE, UNA VALIGIA 1/11/09

CURDI TURCHI, IL RITORNO A CASA 23/10/09

ARMENIA/TURCHIA, LA SCOMMESSA DI BURSA 19/10/09

LA TELA SEGRETA DIETRO LA PARTITA TURCHIA-ARMENIA 8/10/09

TURCHI E ARMENI/IL CORAGGIO DI CHIEDERE SCUSA 20/12/08

TURCHIA, FUMATA NERA PER ABDULLAH GUL 20/8/07

Prende 321 voti il candidato del partito islamico Akp. Non sufficienti per diventare presidente


Lettera22

Lunedi' 20 Agosto 2007

Abdullah Gul non è riuscito, come per altro prevedibile, a diventare presidente della Turchia al primo scrutinio. Lo ha appreso Lettera22 da fonti turche.
Si trattava infatti della prima votazione, che richiedeva una maggioranza dei due terzi del parlamento in cui siedono 550 deputati. 341 sono i voti che corrispondono ai seggi guadagnati nell'ultima tornata elettorale dall'Akp, il suo partito. 99 sono i seggi dei repubblicani (Chp), 70 quelli dei nazionalisti (Mhp), 22 seggi sono di parlamentari curdi, 13 dei socialdemocratici (Dsp), 4 gli indipendenti. Alla terza e alla quarta votazione è sufficiente la maggioranza sempilice (276 voti). Anche Mhp e Dsp hanno presentato candidati una mossa che lascia intendere come non intendano boicottare il voto come ha invece annunciato il Chp. I militari restano silenziosi

Nell'immagine, Abdullah Gul. E' la seconda volta che prova a farsi eleggere. La prima volta fu bocciato prima ancora che dal parlamento, dai militari e dalla piazza

Leggi un profilo dell'ex ministro degli esteri



Powered by Amisnet.org