Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


TUNISIA, PARLA (SU LEFT) IL COMUNISTA HAMMAMI 14/1/11

REPORTAGE, IN LIBRERIA IL SECONDO NUMERO 17/4/10

IL TERZO NUMERO DI "INTERPRETE INTERNAZIONALE 1/4/10

IL SECONDO NUMERO DI "INTERPRETE INTERNAZIONALE" 4/3/10

NASCE "CAPOSUD", PRESENTAZIONE A ROMA IL 19/2/10

L'ULTIMO NUMERO DE "LO STRANIERO" 24/1/10

CHIUDE IL DIARIO. DEFINTIVAMENTE 6/11/09

LO STRANIERO IN LIBRERIA 18/4/09

CRISI FINANZIARIA E AMBIENTE 17/4/09

I ROMENI DI GAZA (Osservatorio balcani) 15/1/09

OBAMA, CUORE NERO DEL 2008 18/12/08

L'OBAMA DI MICROMEGA 15/12/08

E LI CHIAMANO ROM, UN'INCHIESTA DEL MENSILE "GEO" 16/5/08

DIARIO (DELLE DUE SETTIMANE) TORNA IN EDICOLA 4/2/08

IL LAVORO NON RENDE LIBERI, IL NUOVO NUMERO DE "LA DIFFERENZA" 29/1/08

EMERGENCY, L'AVVENTURA NEL DIARIO 17/5/07

Il Diario n. 11

Giovedi' 17 Maggio 2007


Ha senso tirare le orecchie a un “giornale amico” (per cui collaboriamo dal n.2) e a un bravo giornalista come Mario Portanova? E ha senso farlo, in un momento delicato e difficile per Emergency, in cui è sacrosanto difendere a spada tratta le ragioni della Ong fondata da Gino Strada? Si ne ha se si prende in mano il Diario in edicola ancora sino ad oggi e intitolato “Emergency avventura in Sudan”. Nel reportage al centro del settimanale diretto da Enrico Deaglio si parla diffusamente del nuovo centro ospedaliero creato in Sudan dalla Ong milanese. Ma il bel racconto avrebbe meritato che si desse conto delle non poche critiche che quel progetto si è attirato. Critiche, per dirla tutta, spesso a bassa voce perché, come si fa ad attaccare Gino Strada proprio adesso? Ma in molti si chiedono a cosa serva l'alta tecnologia dove si muore perché l'acqua è infetta e tanti si chiedono chi usufruirà realmente delle strutture che sono pubbliche per un micron e dipendenti da una Ong straniera per il massimo dell'esposizione. E ancora cosa accadrà il giorno che Gino Strada, magari perché giustamente in rotta di collisione con un governo di massacratori, deciderà di chiudere la porta del suo centro di eccellenza sudanese? Domande legittime anche se Strada ha le sue ragioni ben spiegate dall'articolo in cui non sarebbe però stato male leggere anche i tanti dubbi sollevati sulla grande operazione nel cuore dell'Africa



Powered by Amisnet.org