Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


TUNISIA, PARLA (SU LEFT) IL COMUNISTA HAMMAMI 14/1/11

REPORTAGE, IN LIBRERIA IL SECONDO NUMERO 17/4/10

IL TERZO NUMERO DI "INTERPRETE INTERNAZIONALE 1/4/10

IL SECONDO NUMERO DI "INTERPRETE INTERNAZIONALE" 4/3/10

NASCE "CAPOSUD", PRESENTAZIONE A ROMA IL 19/2/10

L'ULTIMO NUMERO DE "LO STRANIERO" 24/1/10

CHIUDE IL DIARIO. DEFINTIVAMENTE 6/11/09

LO STRANIERO IN LIBRERIA 18/4/09

CRISI FINANZIARIA E AMBIENTE 17/4/09

I ROMENI DI GAZA (Osservatorio balcani) 15/1/09

OBAMA, CUORE NERO DEL 2008 18/12/08

L'OBAMA DI MICROMEGA 15/12/08

E LI CHIAMANO ROM, UN'INCHIESTA DEL MENSILE "GEO" 16/5/08

DIARIO (DELLE DUE SETTIMANE) TORNA IN EDICOLA 4/2/08

IL LAVORO NON RENDE LIBERI, IL NUOVO NUMERO DE "LA DIFFERENZA" 29/1/08

MERIDIONE SUL "GRANDE MEDIO ORIENTE" 22/2/07

Oltre la democratizzazione (II)
Elezioni, politica e potere nel “Grande Medio Oriente”

a cura di Ottorino Cappelli, Gennaro Gervasio e Andrea Teti

numero speciale di

Meridione. Sud e nord nel mondo

IV, 1, 2006.

Giovedi' 22 Febbraio 2007


Presentazione del volume
Questo volume è il secondo di una serie dedicata all’analisi comparata delle “democratizzazioni” dell’est e del sud del mondo, che Meridione ospita nella forma di numeri speciali monografici. Il primo volume (uscito nel 2005) si occupava dello spazio politico post-comunista. Questo affronta, invece, lo spazio politico islamico, compreso nel cosiddetto “Grande Medio Oriente”, un’area che va dal Marocco al Pakistan, attraversando le sponde sud ed ovest del Mediterraneo.
In tutti questi casi siamo di fronte a regimi normalmente definiti autoritari; eppure i contributi del volume dedicano grande attenzione allo studio delle loro dinamiche elettorali. La scelta non è casuale.
Le scienze sociali, oggi largamente dominate dal “paradigma della transizione democratica”, non studiano volentieri le transizioni nei contesti autoritari perché sono interessate esclusivamente a ciò che definisce e spiega la natura del regime. I saggi qui raccolti intendono andare oltre questo paradigma e restituire dignità scientifica allo studio delle dinamiche elettorali nel ‘Grande Medio Oriente’. Tuttavia, mentre i “transitologi” insistono nel descrivere una traiettoria unilineare che va dall’autoritarismo alla democrazia (liberale), questo volume mostra, invece, come oltre le etichette di democrazia e autoritarismo ci sia la politica, con i suoi luoghi, i suoi attori specifici e le sue peculiari dinamiche.

Indice

1.Introduzione. Metanarrative, paradigmi e ricerca empirica, di Ottorino Cappelli
2.Democrazia, Transitologia e Orientalismo. Riflessioni sulla democratizzazione nel “Grande Medio Oriente”, di Andrea Teti
3.Oltre il “feticismo del voto”. Le elezioni parlamentari in Egitto, di Gennaro Gervasio e Raffaella Rucci
4.Elezioni senza democrazia. Il caso algerino, di Francesco Cavatorta
5.La democrazia “scomoda”. Il processo elettorale 2004-2006 nei Territori Occupati Palestinesi, di Massimo Alone
6.Democratizzazione e instabilità politica. Il caso della Turchia, di Michelangelo Guida
7.Le contraddizioni di una democrazia non democratica. Il caso della repubblica islamica dell’Iran, di Riccardo Redaelli
8.Retorica democratica e manipolazione politica. Il Pakistan di Pervaiz Musharraf, di Elisa Giunchi
9.Islam, costruzioni nazionali e “democrazia”. Le origini storiche del Marocco post-coloniale, di Francesco Correale.

Il volume è dedicato alla memoria del giovane studioso Pino Algieri.



Powered by Amisnet.org