Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


Presidio contro la guerra a Milano

VIGILIA DIFFICILE PER IL WARGAME DELLA NATO

A TRIESTE DIVISI DA UNA DATA, 1 MAGGIO O 12 GIUGNO?

21 OKTOOBAR, I MISTERI DI MOGADISCIO

CASO BOSIO, LA FARNESINA LO SOSPENDE 8/4/14

MADEINITALY/RANAPLAZA, IL SENATO CHIEDE CONTO 4/4/14

CARO SINDACO TI SCRIVO. I DUBBI SULLA NUOVA MOSCHEA DI MILANO 17/2/14

AL VIA IL "SISTEMA PAESE IN MOVIMENTO" 17/11/13

LA GRANDE MUTAZIONE. AL VIA IL QUINTO SALONE DELL'EDITORIA SOCIALE 31/10/13

ALLA SAPIENZA ASPETTANDO IL 19 OTTOBRE 16/10/13

AMNESTY: DIRITTI AL CENTRO DEL DIBATTITO PARLAMENTARE, MA TRA VECCHI VIZI E TABÙ 27/9/13

MANCONI SUL GIALLO DEL CABLO SHALABAYEVA 21/7/13

ITALIA/KAZAKISTAN, ASPETTANDO ALMA 14/7/13

KAZAKISTAN, MARCIA INDIETRO DEL GOVERNO 13/7/13

ESPULSIONE O RENDITION? LA TRAMA OSCURA DIETRO LA STORIA DI ALMA 11/7/13

TEATRO. L'AMORE PASSIONE SECONDO ROMAEUROPA 18/10/03

"The Powerbook" di Jeanette Winterson, regia di Deborah Warner, all'Argentina di Roma

Attilio Scarpellini

Sabato 18 Ottobre 2003

Quante inconfessabili comunità di amanti si sono succedute da quando il mito dell’amore-passione ha fatto breccia nel cuore dell’occidente cristiano? Infinite, e tutte ossessivamente intente a variare sul proprio, leopardiano, pensiero dominante: l’esclusività di un rapporto che, annullando il tempo, cancella i confini di un mondo ostile. E’ su questa gamma chiusa di colori morali che svisa The Powerbook, spettacolo di alta confezione che Deborah Warner ha tratto dal romanzo di Jeanette Winterson e Romaeuropa Festival ha paracadutato al Teatro Argentina. Che sia la mail a rimpiazzare il “libro galeotto”, e l’omosessualità a sostituire l’eterosessualità (rifacendole inesorabilmente il verso), il prodotto non cambia: die wahre liebe è e rimane una feroce esaltazione dell’immaginario, e il trio Winterson-Warner-Shaw (straordinaria attrice, quest’ultima) ha buon gioco nel dimostrare che, passando dall’aristocrazia cortese alla borghesia glamour e cosmopolita, la sua struttura psicologica resiste, anzi si riproduce. La struttura, sovente il linguaggio – iperbolico e stuccato come in certi romanzi della Duras – ma, purtroppo o per fortuna, non il destino. Privato del veleno della morte, l’esclusivismo della passione si riduce a quello che è in Powerbook: un elegante gioco per ricche signore, arabescato di citazioni (Lancilloto e Ginevra, Paolo e Francesca) sospese tra l’ironia e il cattivo gusto, che in ultimo è costretto a denunciare la propria ambiguità, proponendo un furbesco “finale aperto”. Troppo pesante il (vecchio) libro, troppo leggera la (nuova) icona. Sfrondato dagli umori britannici e dalla sua sapienza plastica, posto che si abbia l’ingenuità o lo sfrontatezza di tradurlo dalla haute couture al pret à porter, optando per il lieto fine, lo spettacolo della Warner riappare - smagliante versione lesbo di C’è posta per te.

The Powerbook
Di Jeanette Winterson
Regia di Deborah Warner
Con Fiona Shaw
Al Teatro Argentina di Roma per Romaeuropa Festival

Questo articolo è uscito sul Diario della settimana da ieri in edicola



Powered by Amisnet.org