Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


Presidio contro la guerra a Milano

VIGILIA DIFFICILE PER IL WARGAME DELLA NATO

A TRIESTE DIVISI DA UNA DATA, 1 MAGGIO O 12 GIUGNO?

21 OKTOOBAR, I MISTERI DI MOGADISCIO

CASO BOSIO, LA FARNESINA LO SOSPENDE 8/4/14

MADEINITALY/RANAPLAZA, IL SENATO CHIEDE CONTO 4/4/14

CARO SINDACO TI SCRIVO. I DUBBI SULLA NUOVA MOSCHEA DI MILANO 17/2/14

AL VIA IL "SISTEMA PAESE IN MOVIMENTO" 17/11/13

LA GRANDE MUTAZIONE. AL VIA IL QUINTO SALONE DELL'EDITORIA SOCIALE 31/10/13

ALLA SAPIENZA ASPETTANDO IL 19 OTTOBRE 16/10/13

AMNESTY: DIRITTI AL CENTRO DEL DIBATTITO PARLAMENTARE, MA TRA VECCHI VIZI E TABÙ 27/9/13

MANCONI SUL GIALLO DEL CABLO SHALABAYEVA 21/7/13

ITALIA/KAZAKISTAN, ASPETTANDO ALMA 14/7/13

KAZAKISTAN, MARCIA INDIETRO DEL GOVERNO 13/7/13

ESPULSIONE O RENDITION? LA TRAMA OSCURA DIETRO LA STORIA DI ALMA 11/7/13

ANCORA LA POLIZIA DA AMISNET. QUESTA VOLTA PER PERQUISIRE 7/10/03

La Digos copia tutta la memoria dell'Agenzia dopo una perquisizione iniziata stamane. Amis potrebbe conoscere l'identità di chi ha creato il sito web dell'associazione Action. Un sito che però non esisite

* * *

Martedi' 7 Ottobre 2003

Alle 14,40 di oggi si è chiusa la perquisizione degli studi di AMISnet (iniziata alle 10,00) da parte della Digos di Roma. Sono stati portati via tutti i documenti relativi al lavoro di Action, associazione che promuove occupazioni di stabili nella capitale. In un primo momento si era ventilata l'ipotesi di mettere i sigilli all'agenzia, considerato il lungo lavoro di ricerca che ulteriori due agenti della polizia postale sono stati chiamati a fare ("radiografia" completa degli otto computer dell'Agenzia). Dopo alcune telefonate con i dirigenti della Digos e con il sostituto procuratore Pierluigi Cipolla (che ha ordinato le perquisizioni), gli agenti si sono però accontentati della copia di una cartella contenente il materiale in questione.
La perquisizione è collegata all'indagine che la procura romana sta conducendo su Action e nell’ordinanza, la perquisizione è stata giustificata dalla procura al fine di "...rinvenire documenti relativi alla costituzione e struttura della associazione Action (agenzia comunitaria diritti)...alla identità dei fondatori...ai programmi illeciti della medesima....tutte cose pertinenti al reato di cui all'art.416 cp per aver costituito e partecipato ad Action, associazione finalizzata...alla commissione di delitti contro il patrimonio immobiliare...”. La perquisizione ad AMISnet è dunque motivata perchè: “...presso la AMISnet si rinvenga la documentazione afferente all'attivazione del sito internet di Action...necessaria per conoscere l'identità...di chi ha chiesto e ottenuto l'attivazione ritenuto che il fondato motivo scaturisce dalle indagini finora svolte".
Il sito di Action in realtà non è però mai esistito. Ciò che era in linea nel sito di AMISnet, spiegano all’Agenzia multimediale romana, erano invece documenti di Action pubblicati come documentazione del lavoro del gruppo nella capitale così come sono state pubblicate notizie e documenti di altri organismi non solo cittadini o italiani. Dunque solo lavoro giornalistico.
La notizia crea un certo stupore dal momento che la perquisizione sembra originata da un fatto che non sussiste e, soprattutto, che è stata indirizzata verso un’agenzia che svolge eminentemente lavoro giornalistico come è facile evincere dal sito amisnet.org.



Powered by Amisnet.org