Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


JIHAD 2.0

ISIS: IL NEGOZIATO NON È TABÚ

IL JIHADISTA DIETRO AGLI ATTACCHI DI PARIGI

LO STATO ISLAMICO IN EUROPA

SE L'ISIS CAMBIA STRATEGIA

L'IMAM DI AL QAEDA E CHARLIE HEBDO

CHARLIE HEBDO: LA PISTA DI AL QAEDA

PARIGI, L'UMP DI SARKOZY CERCA LA RIMONTA 11/05/11

FRANCIA, L'ESTREMA DESTRA DI MARINE LE PEN CHE PIACE AGLI OPERAI 28/4/11

PARIGI, PROVE DI NUOVO CORSO IN NORD AFRICA 20/4/11

NUOVO INCIDENTE A TRICASTIN, ANZI NO 30/7/08

OPERAI LEGGERMENTE RADIOATTIVI 23/7/2008

I PASSI FALSI DI KOUCHNER 15/06/07

SARKO' VS SEGO', L'OPINIONE DI MARC AUGE' 4/5/07

IMPUNITE', UNE LETTRE OUVERTE AUX CANDIDATES PRESIDENTIELLE 27/3/07

L'ESTATE DI FUOCO DELLA CORSICA 3/8/03

Decisamente persa, per ora, la partita corsa. Che promette un agosto caldo

E.G.

Domenica 3 Agosto 2003
« Soutien à les victimes de la repressions !». « Basta l'inghjustizia culuniale! ». In francese o in corso, sono le parole d’ordine degli indipendentisti. Per i quali l’estate è la vetrina migliore, un momento in cui la Corsica è visitata da frotte di turisti. Ma quest’anno il tono è sembrato più duro del solito per chi si è trovato, a metà luglio, per le strade di Ajaccio messe a ferro e fuoco da centinaia di manifestanti che gridavano : « Abbiamo tutti ospitato Colonna ». In Corsica la temperatura resta elevata. E non solo per gli incendi che, anche quest’anno, tingono di rosso la macchia della perla insulare mediterranea. Gli indipendentisti hanno messo a segno attentati dinamitardi in Francia con diversi feriti, mentre nelle piazze dell’isola si è scatenato il putiferio. E la gendarmerie prende nota delle esplosioni che, anche quest’anno, hanno colpito le case di villeggiatura degli stranieri.
La protesta si è fatta violenta proprio dopo l’arresto dell’indipendentista Yvan Colonna, presunto omicida del prefetto Claude Erignac e arrivata a poche ore dal referendum, voluto da Parigi agli inizi del mese scorso, sull’autonomia. Bocciato per un pugno di voti, sufficienti però a trasformare in imbarazzo la sicurezza del ministro degli Interni Nicolas Sarkozy e dello stesso presidente Chirac che, nel suo rituale discorso alla nazione il 14 luglio, ha preferito dribblare l’argomento Corsica. Colonna è stato arrestato dopo quattro anni di macchia proprio mentre otto suoi compaesani venivano condannati a pene severe per aver partecipato all’attentato che risale al ‘98. Così, arresto processo e referendum si sono trasformati in una miscela esplosiva : e la consultazione è stata seguito da una serie di attentati, iniziati dalle case al mare degli « stranieri » sino alle bombe di Nizza del 20 luglio, firmate dal Fronte nazionale di liberazione corso che Sarkozy non ha esitato a definire « deriva mafiosa ». Ad alimentare la tensione ci ha poi pensato la riforma delle pensioni, vinta sul continente dal governo Raffarin. Ma non in Corsica, dove la media dei pensionati e dei funzionari pubblici è più alta che nel resto della Francia.



Powered by Amisnet.org