Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


UMANITARI CON UN OCCHIO AL MERCATO

COOPERAZIONE, LUCI E OMBRE SECONDO IL CINI

LEGGE SULLA COOPERAZIONE: UN DDL DA MIGLIORARE

ONG ITALIANE: ALLARGARE L'ORIZZONTE 24/7/13

MSF: LE CRISI UMANITARIE DIMENTICATE DAI MEDIA 15/05/12

FIDUCIA A RICCARDI DALLE ONG 1/3/12

TRE GIORNI DI FORUM INTERNAZIONALE SULLA COOPERAZIONE DECENTRATA 15/6/2011

SOCIETA' CIVILE IN AFGHANISTAN, PRESENTAZIONE A ROMA IL 23/2/11

EMERGENZA SICCITA' IN SOMALIA, L'APPELLO DI INTERSOS 14/02/2011

AFGHANISTAN, FIELDS (SIGAR) LASCIA 12/1/11

OBIETTIVI DEL MILLENNIO: LE ONG SI MOBILITANO SUL WEB 9/04/10

IL TIMONE DELLE ONG ITALIANE A FRANCESCO PETRELLI 16/3/10

LA RISPOSTA DI AGIRE ALL'EMERGENZA DI HAITI 24/02/10

CI RISIAMO, PC VS MAE, IL CASO DI HAITI 4/2/10

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE: NUOVI INGREDIENTI, NUOVI PROTAGONISTI 5/12/09

PASSI AVANTI ALLA UE PER IL COMMERCIO EQUO SOLIDALE 8/7/06

Una risoluzione appena apparovata dall'Europarlamento invita la Commissione Europea a procedere con una politica di riconoscimento istituzionale e di supporto pubblico al Fair Trade

Lettera22

Sabato 8 Luglio 2006

La Relazione sul Commercio Equo e Solidale recentemente discussa alla Commissione Sviluppo dell'UE è stata approvata a grande maggioranza all'Europarlamento di Strasburgo. La relazione ha visto in questi mesi il forte contributo delle reti internazionali del commercio equo e risente delle sue sollecitazioni. Lo rende noto l'Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale (Agices)che a questa rete internazionale aderisce e partecipa.
Secondo Agices si tratta di una risoluzione importante perché permette di porre nuovamente al centro della discussione politica della Commissione la necessità di una revisione nei termini di maggiore equità e giustizia le dinamiche del Commercio Internazionale a partire da un settore in netta espansione. La risoluzione invita la Commissione Europea a procedere con una politica di riconoscimento istituzionale e di supporto pubblico al Fair Trade.
"E' uUn passo importante perchè coerente con la politica di advocacy che Agices sta sviluppando anche in Italia" ha dichiarato in una nota Grazia Rita Pignatelli, presidente di Agices. "L'obiettivo è quello di accreditare sempre più un settore che oltre ad essere economico è anche un fenomeno sociale", come ha indicato una recente ricerca presentata a Milano meno di un mese fa.
Le vendite dei prodotti del Commercio Equo infatti sono cresciute nei paesi dell'Unione di oltre il 20% dal 2000. E l'Unione Europea risulta essere il più ampio mercato per i prodotti del Fair Trade, raccogliendo per il 60-70% delle vendite mondiali, cosa che le permetterebbe di assumere un ruolo guida nel sostenere il commercio equo. Un ruolo che le organizzazioni del Commercio equo non hanno voluto mettere in secondo piano.



Powered by Amisnet.org