Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


Presidio contro la guerra a Milano

VIGILIA DIFFICILE PER IL WARGAME DELLA NATO

A TRIESTE DIVISI DA UNA DATA, 1 MAGGIO O 12 GIUGNO?

21 OKTOOBAR, I MISTERI DI MOGADISCIO

CASO BOSIO, LA FARNESINA LO SOSPENDE 8/4/14

MADEINITALY/RANAPLAZA, IL SENATO CHIEDE CONTO 4/4/14

CARO SINDACO TI SCRIVO. I DUBBI SULLA NUOVA MOSCHEA DI MILANO 17/2/14

AL VIA IL "SISTEMA PAESE IN MOVIMENTO" 17/11/13

LA GRANDE MUTAZIONE. AL VIA IL QUINTO SALONE DELL'EDITORIA SOCIALE 31/10/13

ALLA SAPIENZA ASPETTANDO IL 19 OTTOBRE 16/10/13

AMNESTY: DIRITTI AL CENTRO DEL DIBATTITO PARLAMENTARE, MA TRA VECCHI VIZI E TABÙ 27/9/13

MANCONI SUL GIALLO DEL CABLO SHALABAYEVA 21/7/13

ITALIA/KAZAKISTAN, ASPETTANDO ALMA 14/7/13

KAZAKISTAN, MARCIA INDIETRO DEL GOVERNO 13/7/13

ESPULSIONE O RENDITION? LA TRAMA OSCURA DIETRO LA STORIA DI ALMA 11/7/13

QUANTO COSTA LA MISSIONE IN AFGHANISTAN 11/5/06

Contribuire alle forze Isaf costa all'Italia circa 300 milioni di euro l'anno contro i circa 100-120 milioni di tutte le altre spedizioni fuori dai nostri confini. E' una cifra superiore, in un anno, a quella spesa, in quattro, con attività di cooperazione. Un elemento da tenere in considerazione in un futuro dibattito parlamentare prima del rifinanziamento di giugno. Che il senatore Martone invita a fare senza aspettare troppo. Le regole d'ingaggio e il contenuto della missione - dice - sono cambiate in corso d'opera (nella foto tratta dal sito della Difesa, nostri soldati a Kabul)

Emanuele Giordana

Giovedi' 11 Maggio 2006


Grandi polemiche e spesso una gran confusione sul loro ruolo hanno in più di un’occasione accompagnato le nostre missioni all’estero, definite per decreto “di pace e di aiuto umanitario”. Anche la nostra partecipazione all’International Security Assistance Force (Isaf) a “Enduring Freedom e alle missioni Active Endeavour e Resolute Behaviour a essa collegate” resta una nebulosa su cui il nuovo governo, così come su Antica o Nuova Babilonia, sarà chiamato a rispondere. Tanto per cominciare, quanto costa la missione che vede impegnati in Afghanistan 1850 militari? Molto, oltre 320 milioni di euro all’anno. E se non è la “voragine” mesopotamica, come la recente inchiesta dell’Espresso ha appena definito l’Iraq, è di gran lunga la più costosa delle nostra numerose missioni all’estero. Se per la proroga sino al 30 giugno 2006 della “partecipazione di personale militare alla missione dell'Unione europea in Bosnia-Erzegovina” denominata Althea, la spesa sarà di poco superiore ai 21.285.597, come si legge nella Finanziaria di quest’anno, per l’Afghanistan ce ne vorranno otto volte di più. Escludendo l’Iraq, l’Afghanistan da solo assorbe assai più della metà del totale delle spese per le nostre missioni fuori dal suolo patrio. Oltre 160 milioni di euro per sei mesi contro i circa 120 di tutte le altre. Ed è, come spiega sempre oggi in dettaglio l'articolo di Gabriele Carchella, anche un terzo in più di quanto, in quattro anni, abbiamo speso in cooperazione.

Il finanziamento del luglio 2005

E’ una storia che pesa sul bilancio dal 2002. Il penultimo finanziamento fu deciso nel luglio del 2005, quando il parlamento convertì in legge il decreto di giugno con le disposizioni urgenti per la partecipazione italiana a missioni internazionali. Vi si leggeva che è il decreto assicura “… la partecipazione italiana alle missioni internazionali di pace e di aiuto umanitario…” autorizzando, fino alla fine del 2005, la spesa di 16.235.103 di euro per la partecipazione alla missione multinazionale Enduring Freedom, (contrastare il terrorismo in Afghanistan e favorire la stabilizzazione del Paese) e alle missioni Active Endeavour e Resolute Behaviour (svolte da unità navali con compiti di vigilanza, rispettivamente, nel Mediterraneo orientale e nel Mare Arabico). La parte del leone toccava all’Isaf con una spesa di 138.262.283 milioni di euro mentre tutte la altre missioni all’estero, dalla Bosnia al Congo, ne ricevevano 126.285.892. Euro più euro meno, e senza contare l’Iraq, le nostra missioni all’estero costano, nel complesso, 600 milioni di euro l’anno. L’Afghanistan ne assorbe la metà.

L’ultimo finanziamento

L’arida contabilità dei nostri militari all’estero ci porta alla Legge 23 febbraio 2006, n. 51, ossia la conversione in legge “con modificazioni” della Finanziaria del dicembre 2005 e meglio nota come maxiemendamento. Il governo, allora in affanno tra conti e campagna elettorale ormai già iniziata, pose la fiducia e approvò infine la legge in febbraio coi soli voti della maggioranza. “Un fatto – ricorda il senatore Francesco Martone – che, tra l’altro, impedì una discussione parlamentare aperta sulla nostra missione in Afghanistan”. Essendo l’Iraq, madre di tutte le missioni, sempre il primo pensiero, l’Afghanistan ha finto per passare un po’ in seconda linea. Fino ai primi morti alcuni giorni fa (non i primi in assoluto ma i primi per un’azione di guerra, seguita comunque a una catena di attentati). La legge autorizza fino al 30 giugno 2006 la spesa di 13.437.521 di euro per la proroga di Enduring Freedom, Active Endeavour, Resolute Behaviour e quella di 148.935.976 per la partecipazione all’Isaf. Più altri 3.349.403 per le piccole spese. In totale 165.722.851 per sei mesi.

Spese aggiuntive

Per la missione in Afghanistan è previsto anche un sostanzioso argent de poche a disposizione dei comandanti dei contingenti militari. E’ il piccolo capitolo delle spese aggiuntive, una sorta di cassa rapida a disposizione degli ufficiali di rango per “sopperire – si legge nella Finanziaria 2006 - a esigenze di prima necessità della popolazione locale, compreso il ripristino dei servizi essenziali, nell'ambito delle missioni Isaf, Joint Enterprise e Alhtea” (quest’ultima riguarda la Bosnia). La formula è abbastanza vaga ma in sostanza riguarda “…casi di necessità e urgenza… interventi urgenti… acquisti e lavori da eseguire in economia, anche in deroga alle disposizioni di contabilità generale dello Stato”. Per l’Isaf lo stanziamento è di 2.800.000 euro. Una cifra relativamente piccola ma che, in vecchie lire, fa pur sempre oltre 5 miliardi. Sia Isaf che Althea hanno poi una voce aggiuntiva. La spesa che riguarda l’invio di un funzionario diplomatico per l'espletamento dell'incarico di consigliere del comandante della missione. Nel caso dell’Afghanistan è un assegno da poco meno di 100mila euro l’anno. Per la precisione 49.354 euro sino al 30 giugno 2006.

In parlamento “è mancata la discussione”

Secondo Martone la mancata discussione della missione fece passare sotto silenzio che un po’ di cose erano cambiate: “Ci sono almeno tre punti in sospeso – commenta il senatore – e riguardano il cambiamento delle regole d’ingaggio in corso d’opera, il dibattito in sede europea e la dislocazione fisica della missione che di fatto è uscita da Kabul ed Herat. La discussione sulla fusione di fatto tra Enduring Freedom e Isaf non è mai stata considerata, mentre sollevava polemiche in Francia e Germania. Senza contare la questione dell’invio di forze di combattimento britanniche nel Sud o, per un altro verso, e questione che ci riguarda molto da vicino, la sostituzione dei nostri caccia F16 con sei AMX che, in teoria, dovrebbero servire a sorvolare i campi di papavero. Di fatto potrebbero essere mezzi dissuasivi o di supporto tattico”. Martone insomma sottolinea come tutto ciò richieda, d’accordo o meno che si sia sulla missione, una discussione sui contenuti cui il parlamento non può sottrarsi. La scadenza, inevitabilmente, è l’inizio dell’estate quando si dovrà decidere il rifinanziamento delle spese. Che dovrà fare i conti anche col capitolo indennità sugli stipendi (giustamente riconosciuta a chi rischia la pelle all’estero), un’altra voce che, seppur indirettamente, gonfia la spesa totale delle nostre scelte di politica estera e va a incidere su altre voci del bilancio dello stato.

Questo articolo è uscito oggi anche su il manifesto



Powered by Amisnet.org