Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


Presidio contro la guerra a Milano

VIGILIA DIFFICILE PER IL WARGAME DELLA NATO

A TRIESTE DIVISI DA UNA DATA, 1 MAGGIO O 12 GIUGNO?

21 OKTOOBAR, I MISTERI DI MOGADISCIO

CASO BOSIO, LA FARNESINA LO SOSPENDE 8/4/14

MADEINITALY/RANAPLAZA, IL SENATO CHIEDE CONTO 4/4/14

CARO SINDACO TI SCRIVO. I DUBBI SULLA NUOVA MOSCHEA DI MILANO 17/2/14

AL VIA IL "SISTEMA PAESE IN MOVIMENTO" 17/11/13

LA GRANDE MUTAZIONE. AL VIA IL QUINTO SALONE DELL'EDITORIA SOCIALE 31/10/13

ALLA SAPIENZA ASPETTANDO IL 19 OTTOBRE 16/10/13

AMNESTY: DIRITTI AL CENTRO DEL DIBATTITO PARLAMENTARE, MA TRA VECCHI VIZI E TABÙ 27/9/13

MANCONI SUL GIALLO DEL CABLO SHALABAYEVA 21/7/13

ITALIA/KAZAKISTAN, ASPETTANDO ALMA 14/7/13

KAZAKISTAN, MARCIA INDIETRO DEL GOVERNO 13/7/13

ESPULSIONE O RENDITION? LA TRAMA OSCURA DIETRO LA STORIA DI ALMA 11/7/13

STRANI COMPAGNI DI VIAGGIO: INTERROGAZIONE PARLAMENTARE 25/11/04

Sulla notizi dello strano volo di 32 israeliani non meno identificati concesso dall'Italia per lasciare la Costa d'Avorio

Giovedi' 25 Novembre 2004
Senato della Repubblica

INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE IN COMMISSIONE ESTERI

Sen. Francesco Martone

Al Ministro degli Esteri
Al Ministro della Difesa


Premesso che,

venti giorni fa l'aeronautica ivoriana ha iniziato a bombardare alcune cittadine nella regione controllata dalla guerriglia e che a quelle incursioni ha messo fine l'aviazione francese ;

in seguito alla morte di nove militari transalpini del contingente di pace, periti sotto i bombardamenti aerei ivoriani, le forze armate francesi hanno distrutto tutta la forza aerea nazionale del paese africano ;

sono seguite violenze e saccheggi anti-francesi nella capitale Abidjan, nonchè manifestazioni di sostegno al Presidente in carica Gbagbo, al punto che l'aggravarsi della situazione ha indotto diversi governi stranieri a rimpatriare i propri connazionali ;

secondo fonti locali i soldati del contingente francese avrebbero colpito in maniera indiscriminata la popolazione civile ed i dimostranti, facendo numerose vittime,

con voli speciali organizzati dalla Farnesina sono stati portati in salvo 154 italiani; altri 103 sono rientrati con voli organizzati da altri Paesi, soprattutto dalla Francia;

l'Italia si è occupata di rimpatriare anche 276 stranieri, tra cui 32 cittadini israeliani ;

la presenza di israeliani in Costa d'Avorio sarebbe confermata da alcune fonti giornalistiche italiane e straniere tra cui il quotidiano "Il Manifesto", che nella sua edizione del 24 novembre 2004, riporta l'informazione secondo la  quale la sede diplomatica italiana ad Abidjan avrebbe consentito la rapida fuga dalla Costa d'Avorio di 32 israeliani in difficoltà, inclusi in una lista ufficiale della locale ambasciata d'Israele.

Nella lista dei 32 rimpatriati israeliani figurerebbero, secondo fonti di stampa  francesi riportate nel medesimo articolo (il quotidiano Le Monde e la rete televisiva TF1), consiglieri militari, contrattisti privati, mercenari;

stando all'articolo de "il Manifesto" il nostro ministero degli esteri avrebbe esercitato una forte pressione nei confronti dell'ambasciata italiana ad Abidjan affinchè venissero attuati con assoluta priorità gli imbarchi aerei dei suddetti cittadini israeliani;

il giornalista, riportando anche una nota del giornale parigino "Le Monde", ha rilevato la presenza di 46 "cooperants" militari israeliani, i quali avrebbero diretto due droni (aerei senza pilota) forniti da Israele all'esercito ivoriano, in grado di disegnare le mappe delle postazioni dell'esercito francese in Costa d'Avorio;

tali perlustrazioni e mappature avrebbero consentito alle forze aeree ivoriane incursioni sulle postazioni francesi e la conseguente uccisione di 9 militari d'oltralpe e di un americano;

inoltre, secondo fonti britanniche citate in un articolo della rivista Diario del 25 novembre 2004, "negli ultimi tempi piloti  bielorussi e un mercenario sudafricano stavano addestrando le forze armate ivoriane. Sappiamo che alcuni addetti militari israeliani hanno fornito al governo equipaggiamento di ascolto radio e aerei spia per individuare postazioni ribelli. A proposito lo sa che gli israeliani sono stati evacuati in fretta e furia da un aereo del governo italiano con l'aiuto dei vostri paracadutisti? Roma ha fatto molte pressioni affinche si desse priorità proprio a loro";


le pressioni della diplomazia israeliana, prosegue "Il Manifesto", sono state così forti da far ritenere che, allorchè due C-130J si apprestavano ad evacuare 123 italiani e 94 cittadini di varia nazionalità, gli israeliani "scomodi" avessero già lasciato il paese;

per sapere

Se i fatti riportati  dal quotidiano "il Manifesto", confermati da altri mezzi di informazione europea e  da "Il Riformista" del 18 novembre 2004, siano a conoscenza degli organi italiani competenti;

quanti cittadini italiani sono stati rimpatriati su voli stranieri e quanti su aerei nazionali, nonchè quanti cittadini stranieri e di quale nazionalità siano rientrati dalla Costa d'Avorio a bordo di aerei italiani;  

in particolare se, durante il rimpatrio di civili dalla Costa d'Avorio sia stata data priorità, rispetto a cittadini italiani, a persone presenti in quei territori in qualità di consiglieri militari o contrattisti privati in zona di guerra;  

se l'aver dato priorità a persone coinvolte in operazioni di carattere militare per favorire azioni contro un Paese dell'Unione europea non costituisca una alterazione dei rapporti tra Stati membri dell'Unione e una presa di posizione a favore dell'attuale governo ivoriano.

Se risulti  vero quanto riportato dal settimanale "Diario" riguardo  un intervento delle nostre forze aeree con l'ausilio di paracadutisti italiani atto alla evacuazione urgente di personale israeliano coinvolto in vicende militari mirate contro un paese dell'Unione Europea impegnato in missione su mandato ONU.



Powered by Amisnet.org