Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


Condanna a 5 anni per l'erede Samsung

Trump pronto ad armare Seul e Tokyo

VISITA A HANAWON, DOVE SI RIEDUCANO I NORDCOREANI 24/8/2013

IL SALTO NEL VUOTO DI RHO MOO-HYUN 24/5/09

COREA DEL SUD, LA BRUTTA STORIA DI YONGSAN 15/02/09

LEE MYUNG-BAK, DEMOCRAZIA IN STILE IMPERIALE 15/02/09

COREA DEL SUD:SCIOPERI A CATENA 17/06/08

SEOUL:RIVOLTA CONTRO LA CARNE USA,IL GOVERNO CEDE 11/06/08

COREA DEL SUD, LA VITTORIA AI CONSERVATORI 19/12/07

ELEZIONI LOCALI IN COREA DEL SUD 1/6/06

BASI O RISO? LA TERRA CONTESA DI PYONGTAEK 15/09/05

A GUARDIA DI SEOUL: LE BASI USA A SUD DEL 38° PARALLELO 15/09/05

LA VITTORIA DEI PROGRESSISTI 17/4/04

IN COREA DEL SUD VINCE IL PARTITO DELLA "SUNSHINE POLICY" 20/12

Trump pronto ad armare Seul e Tokyo

Il presidente sudcoreano Moon smette i panni della colomba, ma non chiude totalmente la porte del dialogo con Pyongyang

Andrea Pira

Martedi' 6 Settembre 2016
La diplomazia secondo Donald Trump continua a passare per i messaggi su Twitter. Ed è in 140 caratteri che, sull’onda delle tensioni nella penisola coreana dopo il sesto test atomico condotto dal regime di Pyongyang, il tycoon ha annunciato di voler consentire a Corea del Sud e Giappone l’acquisto di ulteriore equipaggiamento militare statunitense, altamente sofisticato. Il cinguettio presidenziale ha quindi confermato quanto fatto sapere già nella notte di lunedì, quando la Casa Bianca spiegava di aver garantito al presidente sudcoreano Moon Jae-in l’opportunità di acquistare armi per “molti miliardi di dollari”.

Una notizia capace di mettere in fibrillazione l’industria bellica a stelle e strisce, tanto più che da Seul fanno sapere di aver trovato un’intesa con Washington per aumentare e capacità di carico dei missili balistici in dotazione ai sudcoreani, così da poter rispondere con più efficienza qualora la crisi nella penisola dovesse precipitare in un conflitto aperto.

Secondo indiscrezioni riportate dall’Asia Business Daily, basate però su fonti anonime, i nordcoreani potrebbero condurre presto un nuovo test balistico intercontinentale. Ci sarebbero state infatti manovre per spostare un missile verso la costa occidentale. E nel mentre Kim Jong Un promette nuovi “pacchi regalo” per ritorsione contro ulteriori sanzioni.

L’accordo bilaterale con gli Stati Uniti del 1979, rivisto nel 2012, consente ai sudcoreani di sviluppare missili con una gittata di 800 chilometri e un carico esplosivo di 500 chili. A quanto si apprende, per il momento Seul è intenzionata a rivedere soltanto la potenza, portandola fino a due tonnellate, così da poter colpire anche le strutture militari sotterranee del regime.

La gittata, ammette un funzionario della Casa Blu citato dallo JoongAng Ilbo, è infatti sufficiente a colpire ovunque al Nord. Di contro aumentarla incrinerebbe i rapporti con giapponesi e cinesi.

Stando a quando riferisce il Korea Herald, i militari sudcoreani starebbero inoltre lavorando alla nascita di un’unita speciale per colpire direttamente la leadership del Nord, incluso Kim. Come riferito dal ministro della Difesa Song Young-moon ai parlamentari c’è anche una data: il 1 dicembre. Per allora la struttura speciale, inclusa nell’ambito del piano di rappresaglia in caso di attacco del Nord, dovrebbe poter essere operativa.

Moon Jae-in sembra quindi aver dismesso i panni della colomba. Un atteggiamento emerso dopo una serie di colloqui telefonici con Trump, Vladimir Putin, Shinzo Abe e Angela Merkel. Rientra in questa nuova prospettiva l’esortazione a tagliare le forniture di carburante al regime, come forma di ritorsione.

Il momento, è stato costretto ad ammetter, non è certo il migliore per tentare la via del dialogo con Kim Jong Un e i suoi generali. Questo però non vuol dire respingere qualsiasi forma di dialogo, ha chiarito con messaggio all’agenzia russa Tass. “La situazione è frustrante e difficile, ma il governo continua a perseguire una politica che, con pazienza e nel lungo periodo, porti pace e prosperità nella penisola”, ha aggiunto il presidente prima di partecipare all’Eastern Economic Forum di Vladivostock, “ non vogliamo far cadere il regime o cercare una riunificazione inglobando il Nord. Vogliamo costruire una sorta di comunità economica che possa contribuire allo sviluppo dell’estremo oriente russo”.

Anche nelle sale operative delle grandi banche d’investimento la prospettiva di un conflitto aperto è presa con le pinze. In un report sui rischi nell’area dell’Asia e del Pacifico, gli analisti di Ubs Wealth Management giudicano bassa l’ipotesi di una guerra e lo fanno per almeno due ragioni. La prima è l’effetto deterrente che sia gli Usa sia i nordcoreani possono mettere sul tavolo, il secondo è il ruolo di mediazione della Cina. Su queste basi ritengono sia più probabile il secondo dei tre scenari da loro presi in considerazione ossia un’ulteriore esasperazione della situazione, per via dell’inasprimento delle sanzioni contro il regime, destinata però a scemare abbastanza presto. Perdono invece terreno la prospettiva di un mantenimento dello status quo o di un conflitto militare lampo.



Scritto per il manifesto



Powered by Amisnet.org