Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


L'Onu sui Rohingya: una catastrofe. Ma il CdS frena

Apartheid: una nuova parola per definire i rohingya

CRIMINE BIRMANO

Rohingya, melina a Palazzo di Vetro

ROHINGYA: "UN ICEBERG DI BUGIE"

Rohingya, stop agli aiuti

ROHINGYA, 400 MORTI E 40MILA SFOLLATI

DRAMMA ROHINGYA (scheda)

Espulsione con profitto

ROHINGYA, FUGA SENZA FINE

Fuoco birmano sui "bengalesi" del Rakhine

"I rohingya possono tornare"

MYANMAR, LA VOCE DEL PAPA

UN PRESIDENTE "CIVILE" PER IL MYANMAR

MYANMAR, IL TEMPO DEL NEGOZIATO

Fuoco birmano sui "bengalesi" del Rakhine

Nuovi incidenti nello Stato occidentale del paese della Nobel Suu Kyi. Stretta tra riforme e potere militare. Oltre 80 morti

Emanuele Giordana

Domenica 27 Agosto 2017

Nelle prime ore della giornata di ieri un attacco congiunto su una trentina di obiettivi militari nella Birmania occidentale ha scatenato l’ennesima ondata di violenza nello Stato del Rakhine. La regione è sede anche della minoranza musulmana dei Rohingya nel Paese a maggioranza buddista dove la Lega per la democrazia di Aung San Suu Kyi è al governo ma sotto la spada di Damocle di un ancora forte potere militare. L’attacco coordinato è avvenuto nelle aree di Maungdaw, Buthidaung e Rathedaung dopo un’escalation di violenze seguite, nelle ultime settimane, a un ennesimo invio di soldati nella regione che avrebbe spinto alla fuga verso il Bangladesh migliaia di Rohingya, andati a ingrossare le fila di una massa di profughi che da ottobre scorso conta nel Paese vicino già 80mila nuovi rifugiati. Nello stesso periodo di sarebbero verificate nel Rakihine violenze anche contro monaci buddisti, molti dei quali poi evacuati.

Gli scontri di ieri, rivendicati da una sigla nazionalista rohingya - Arakan Rohingya Salvation Army (Arsa) che ha dato notizia delle azioni via twitter – si sarebbero conclusi con un bilancio – secondo fonti governative - di oltre 80 morti: dieci poliziotti, un soldato, undici agenti della sicurezza, un ufficiale dell’immigrazione e 59 sospetti militanti dei circa 150 che, dalla una del mattino, avrebbero scatenato l’attacco. Le Nazioni Unite hanno chiesto alle parti di astenersi da nuove violenze, ormai cicliche nello Stato di Rakhine.

L’azione dell’Arsa è stata messa in relazione alla pubblicazione delle raccomandazioni che l’ex segretario Onu Kofi Annan ha consegnato al governo birmano poche ora prima dei raid anche se – sebbene molto probabilmente il rapporto di Annan venga ritenuto dall’Arsa troppo moderato – l’attacco fa pensare a un’azione preordinata e preparata da tempo, forse proprio a partire dalle violenze scatenate col nuovo “surge” dell’esercito nel Rakhine nelle ultime settimane. Così sembrerebbe di capire anche dal tenore delle dichiarazioni di Arsa secondo cui si sarebbe trattato di un’ “azione difensiva”. La signora Suu Kyi ha condannato le azioni della guerriglia e il suo ufficio ha rilasciato una dichiarazione nella quale si citano estremisti “bengalesi”, il termine con cui i Rohingya – senza cittadinanza né diritti in Myanmar e considerati immigrati illegali – vengono normalmente chiamati. Proprio il documento di Annan, morbido probabilmente per evitare a Suu Kyi uno scontro coi militari, chiede comunque che ai Rohingya siano riconosciuti i diritti che sono loro negati dalla legge del 1982 sulla cittadinanza, di cui il rapporto chiede una revisione: si tratta di raccomandazioni che un comitato ministeriale ad hoc ha ora il compito di studiare e mettere in pratica secondo quanto promesso dalla Nobel. A dimostrazione di quanto sia delicata la situazione in cui si trova, il capo delle Forze armate Min Aung Hlaing ha messo in questione l'imparzialità del rapporto e lo ha accusato di una ricostruzione inaccurata.


anche su il manifesto



Powered by Amisnet.org