Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


L'Italia risponde "Signorsì"

Il piano Trump per l'Afghanistan? Più soldati e più vittime

VECCHIA RETORICA NEL NUOVO PIANO AFGANO

DA RAQQA CON FURORE

Italiani a Farah: assistere o combattere?

UN VICERE’ AMERICANO A KABUL

La nuova guerra afgana

Surge americano

STRAGE AL FUNERALE

Kabul, strage senza fine

KABUL IL GIORNO DOPO

Strage a Kabul senza padrini

SUMMIT A BRUXELLES PER DONALD TRUMP

Contro il “surge” afgano di Donald Trump

Surge afgano

L'Italia risponde "Signorsì"

Le nostre forze armate avrebbero preparato un piano per incrementare il contingente in Afghanistan con altri cento soldati, che si aggiungeranno ai 950 già schierati. E il parlamento ancora non lo sa

Giuliano Battiston, Emanuele Giordana

Mercoledi' 20 Giugno 2018
Sull’Afghanistan, la politica abdica. E i militari decidono. Vale per gli Stati uniti, dove il presidente Donald Trump ha delegato al segretario alla Difesa James Mattis la decisione sul numero di soldati da inviare nel Paese centro-asiatico. E vale per l’Italia, dove il Parlamento diventa un ufficio che certifica decisioni già prese: carta, timbro, protocollo archiviato.

Con un articolo su Repubblica di sabato 17 giugno, veniamo a sapere che «il vertice delle forze armate ha preparato un piano per incrementare il contingente afghano con altri cento soldati, che si aggiungeranno ai 950 già schierati nella base di Herat».
La decisione sarà poi «valutata dal ministro Pinotti e dal premier Paolo Gentiloni che, in caso di approvazione, dovranno comunicarlo alle Camere. Non è escluso il coinvolgimento delle commissioni parlamentari…».

La piramide è rovesciata. Non è la politica – come frutto di una consultazione collettiva – a indicare il «che fare» alle forze armate, ma sono le forze armate a segnare la rotta. Sempre più inerziale.
L’aumento dei soldati italiani impegnati in Afghanistan riflette la tradizionale subalternità atlantica: se gli Usa chiamano, l’Italia risponde sull’attenti, rivendicando semmai un posto al sole («l’Italia aspira a occupare alcune poltrone chiave» della Nato, leggiamo).

E rimanda al riequilibrio tra i poteri istituzionali, con la politica estera schiacciata sulla «difesa» e lo svuotamento del Parlamento come luogo di conflitto politico e, poi, deliberazione.
Ma la guerra in Afghanistan è una guerra innanzitutto politica. Talmente politica che ministri e primi ministri ne stanno alla larga. Sanno che è persa, ma non hanno il coraggio di ammetterlo.

La soluzione, allora, è semplice: discuterne il meno possibile, lasciando carta bianca – e responsabilità – ai militari. Abituati a dire sì.
Il «sì» italiano seguirebbe quello di altri paesi che, come Regno unito e Danimarca, hanno già promesso alla Nato il loro appoggio al surge americano, anche quello per ora affidato solo a indiscrezioni di stampa, salvo il fatto che Trump ha dato l’autorità al capo del pentagono James Mattis di decidere come e quanti soldati americani andranno a ingrossare le fila degli 8.400 militari stellestrisce che già operano in Afghanistan.

Stando a Mattis i dettagli saranno chiariti definitamente a metà luglio.
Il dibattito intanto infuria. E mentre sui giornali ci si chiede a cosa serva il nuovo surge americano in un paese dove la missione militare non sta ottenendo risultati, il massimo teorico del surge, il generale in pensione David Petraeus, non solo ha dato il suo appoggio all’invio di nuovi soldati ma ha chiarito, in un’intervista, alcuni dei dettagli che probabilmente Mattis si prepara e mettere nero su bianco: non solo, dice l’ex teorico del surge in Iraq e Afghanistan, 3 o 5mila soldati sono un numero «sostenibile», ma gli Stati uniti devono «sciogliere le restrizioni ancora in piedi nell’uso della forza aerea in sostegno ai nostri partner locali».

Più bombe dunque e non solo più soldati e senza i laccioli che adesso, almeno teoricamente, impongono all’Air Force di avvisare e concordare con Kabul i suoi raid che hanno comunque già conosciuto un surge da due anni a questa parte come si evince dall’aumento delle vittime civili dovute ad azioni dal cielo.
Il Pentagono avrebbe finalmente mano libera e non dovrebbe più aspettare ordini dal presidente per azioni che normalmente richiedono l’approvazione della Casa bianca.
Se infine non dovesse render più conto nemmeno a Kabul, quello militare diventerebbe uno strapotere che ha già comunque dato un segno nell’aprile scorso col lancio della cosiddetta «Madre di tutte le bombe», un ordigno da 11 tonnellate di esplosivo sganciato nella zona di confine col Pakistan.

anche su il manifesto



Powered by Amisnet.org