Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


L'Italia risponde "Signorsì"

DA RAQQA CON FURORE

Italiani a Farah: assistere o combattere?

UN VICERE’ AMERICANO A KABUL

La nuova guerra afgana

Surge americano

STRAGE AL FUNERALE

Kabul, strage senza fine

KABUL IL GIORNO DOPO

Strage a Kabul senza padrini

SUMMIT A BRUXELLES PER DONALD TRUMP

Contro il “surge” afgano di Donald Trump

Surge afgano

SEGRETI E FAVOLE DELLA MOAB

Una bomba per Mosca

Contro il “surge” afgano di Donald Trump

Le associazioni prendono posizione alla vigilia del summit Nato del 25 maggio dove è previsto l'annuncio di nuove forze militari in Afghanistan

Lettera22

Martedi' 23 Maggio 2017

Cosa risponderà il governo italiano alla nuova chiamata alle armi che l’Amministrazione Trump proporrà il 25 maggio alla riunione Nato di Bruxelles cui è atteso anche il neo presidente americano? Se lo chiedono le organizzazioni della società civile italiana per le quali la guerra nel Paese asiatico è sempre stata al centro del loro lavoro. La Tavola della pace, reduce dal meeting che a Roma ha concluso tre anni di lavoro con le scuole italiane sul tema della guerra, ricorda che non è di bombe che il paese ha bisogno e che persino il papa, nel ricevere gli studenti il 6 maggio scorso, ha condannato l’ordigno da 11 tonnellate sganciato sul suolo afgano il 13 aprile da un raid americano. La preoccupazione per il nuovo “surge” militare ventilato da Trump (più soldati, più bombardamenti), cui Londra e Copenaghen han già detto si, è condivisa anche da “Afgana”, associazione di sostegno alla società civile afgana, che puntualizza come l’Italia abbia in Afghanistan oltre mille soldati. Le associazioni chiedono che ogni decisione sia presa in sede parlamentare e che Roma studi una nuova strategia che anziché aumentare la spesa militare indirizzi l’impegno italiano verso la cooperazione civile.



Powered by Amisnet.org