Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


L'Italia risponde "Signorsì"

Il rifugio sicuro della guerra permanente

AFGHANISTAN, GUERRA INFINITA

TALEBANI A KABUL

Icc, Usa e talebani alla sbarra

Il piano Trump per l'Afghanistan? Più soldati e più vittime

VECCHIA RETORICA NEL NUOVO PIANO AFGANO

DA RAQQA CON FURORE

Italiani a Farah: assistere o combattere?

UN VICERE’ AMERICANO A KABUL

La nuova guerra afgana

Surge americano

STRAGE AL FUNERALE

Kabul, strage senza fine

KABUL IL GIORNO DOPO

Afghanistan, l'altro fronte

Mentre si discute della Siria e della Libia

Emanuele Giordana

Mercoledi' 3 Febbraio 2016

La “Voce del califfato”, neonata emittente di Daesh nel Paese dell'Hindukush, sarebbe stata distrutta da un raid aereo americano. La notizia, che cita fonti militari statunitensi e locali, la rilancia la Bbc ma il condizionale resta d'obbligo. E' ormai da settimane che infuria la polemica sulla radio clandestina che trasmetteva dalla provincia di Nagharar (alla frontiera col Pakistan) da metà dicembre. La stampa afgana non sembra considerarla una notizia degna della prima pagina e per ora non ci sono prove definitive che Daesh sia stato almeno zittito. Quel che merita un posto importante nella gerarchia delle notizie è invece la decisione di Kabul di aderire alla Global Coalition against Daesh che ha già messo insieme una sessantina di Paesi. La preoccupazione di un'espansione delle mire califfali su quel che Daesh chiama già Vilayet Khorasan, “provincia” dai contorni incerti ma che comprende certamente Afghanistan e Pakistan, è forte nonostante i problemi che la leadership di Raqqa incontra fra talebani afgani e pachistani. Non di meno, alcune frange dei due disomogenei movimenti (le varie fazioni afgane e il Therek Taleban Pakistan o Ttp) hanno aderito al progetto insinuando nella guerra infinita un nuovo elemento di disturbo. Altri elementi confondono un quadro sempre più violento e dove si muovono ormai una miriade di protagonisti con agende diverse: un altro fronte oltre a quello mediorientale e libico.

Conviene partire dall'ultima iniziativa volta a creare le premesse di un negoziato con la guerriglia almeno in Afghanistan (in Pakistan i negoziati col Ttp sono morti un anno e mezzo fa e da allora si è optato per la sola soluzione militare). La prende Islamabad in luglio, convocando un incontro in Pakistan dove partecipano guerriglia e governo di Kabul. Ma negli stessi giorni si diffonde la notizia della morte di mullah Omar – seguita da polemiche e scissioni interne – e subito dopo parte una stagione di attentati stragisti che risvegliano sentimenti anti pachsitani mai sopiti in Afghanistan e seppelliscono il primo serio tentativo negoziale. Islamabad ci riprova in gennaio, mettendo in piedi con Kabul, Pechino e Washington, una “quadrilaterale” che ha il compito di scrivere una road map negoziale. Nei giorni scorsi infine, Pugwash – organismo internazionale di mediazione di conflitti – organizza la seconda conferenza sull'Afghanistan cui invita i talebani. Questi si presentano con una lista di precondizioni. Molte sono inaccettabili ma è un altro passo avanti. L'altro ieri però, l'ennesimo attentato nella capitale ammazza una ventina di civili e fa il paio con un eccidio di giornalisti afgani che si consuma alla fine di gennaio sempre a Kabul. Nuovi macigni sul processo negoziale non ancora iniziato e tutte azioni rivendicate dai talebani anche se solo quella contro la televisione Tolo appare sul sito ufficiale della cosiddetta shura di Quetta che fa capo a mullah Mansur il nuovo leader (contestato) dei talebani.

Che sia difficile trattare sotto una salva di bombe e attentati che per di più colpiscono inesorabilmente i civili è piuttosto chiaro. Cosa vuole allora la guerriglia? Chi rema contro? Chi mette in crisi i tentativi di Islamabad di uscire dal ghetto di Paese paria, sempre accusato di dare rifugio al jihadismo globale e, soprattutto, ai talebani afgani?
La domanda resta senza risposta anche se si può azzardare qualche chiave di lettura. Islamabad sembra seriamente intenzionata a far pressione sui talebani che in parte controlla. Ma non può farlo su tutto il movimento. Accanto a Mansur, che pare attento alle richiesta pachistane, c'è Siraj Haqqani, un qaedista da sempre contrario alla mediazione. Intanto dalla scena negoziale sono sorprendentemente spariti i sauditi (attualmente in rotta con Islamabad), che nelle vicende afgano pachistane hanno sempre giocato un ruolo primario. C'è un nuovo balletto delle ombre ai piedi dell'Hindukush. Non estraneo forse al Grande Gioco in corso in Medio oriente.

anche su il manifesto



Powered by Amisnet.org