Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet

ECONOMIA

Il lato oscuro del Made in Italy

Impresa sociale, difficile dire se il profitto ha i giorni contati, ma c'è chi i conti comincia a farli

L'Italia rispetta le regole Ue sul debito

Com'è duro questo cuoio

Ripartire dal territorio

SERGE LATOUCHE: CONTRO LO "SVILUPPISMO"

PER UN'ECONOMIA DELLA SUFFICENZA 26/05/12

WTO, L'"ALBA" CHE GUASTA LA FESTA 16/12/11

VERSO IL G8: AGRICOLTURA E CLIMA , QUANDO L’INAZIONE UCCIDE 21/05/09

G8, L'ECONOMIA DOMINA LA GIORNATA FINALE 10/07/08

G8, CLIMA E PETROLIO AL CENTRO DEL SECONDO GIORNO 09/07/08

G8, PRIMA FUMATA NERA 08/07/08

LA SCOMMESSA VINCENTE DI BANCA ETICA 03/10/07

Com'è duro questo cuoio

Un indagine che è stata resa pubblica oggi dal Centro Nuovo Modello di Sviluppo e dalla Campagna Abiti Puliti, che analizza l’attività di concia della pelle rivela una realtà di precariato, di contratti da 4 ore, nero, ricatto della manodopera straniera, rischi di sicurezza e salute. Italia o Bangladesh? No, dietro l'angolo: nel distretto di Santa Croce sull’Arno in Toscana

Emanuele Giordana

Mercoledi' 16 Dicembre 2015

A settembre, diciotto organizzazioni impegnate nella tutela dei diritti hanno lanciato la Campagna “Change Your Shoes” (Cambia le scarpe) con l'obiettivo di chiarire cosa c'è dietro il mondo delle calzature che ogni mattina ci mettiamo ai piedi. Scoprendo la scarsa trasparenza sui prodotti con cui camminiamo e che sono un tassello chiave della globalizzazione. Ma la campagna ha fatto - è il caso di dirlo - un passo in più, con una ricerca che va alle origini della lavorazione delle scarpe. In Italia.

“Una dura storia di cuoio” è l'indagine che è stata resa pubblica oggi dal Centro Nuovo Modello di Sviluppo e dalla Campagna Abiti Puliti (che i lettori conoscono sia per “Change Your Shoes” sia per la lunga battaglia a favore delle vittime del Rana Plaza di Dacca): è una ricerca che analizza l’attività di concia della pelle. Il risultato è la scoperta di una realtà di precariato, di contratti da 4 ore, nero, ricatto della manodopera straniera, rischi di sicurezza e salute, in un clima in cui – denunciano gli attivisti - lavoratori e lavoratrici hanno paura a parlarne per non perdere il posto di lavoro. Italia o Bangladesh? No, dietro l'angolo: nel distretto di Santa Croce sull’Arno in Toscana, tra Pisa e Firenze, uno dei tre poli produttivi per eccellenza (con l’88,6% di tutta la produzione italiana) con Arzignano in Veneto e Solofra in Campania.

L’industria conciaria italiana è dominata da piccole imprese (ma molte di loro si sono internazionalizzate, dalla Serbia al Vietnam) alla ricerca di pelli a basso costo da ricollocare sul mercato mondiale. Un mercato complesso – in stretta relazione con quello della carne bovina - ma dove l'Italia è ben posizionata: i maggiori esportatori di pelli semilavorate sono Brasile, Usa e Ue. «La Ue – spiega il rapporto - importa quasi il doppio di quanto esporta... il maggior protagonista è l’Italia, con il 76% delle importazioni europee, che importa principalmente dal Brasile e dagli Usa... Il distretto di Santa Croce - 240 concerie affiancate da oltre 500 laboratori terzisti - contribuisce al 70% di tutto il cuoio per suole prodotto in Europa e al 98% di quello prodotto in Italia». Solo in rarissimi casi, le concerie appartengono a grandi imprese internazionali: sono altrimenti medio piccole, spesso a conduzione famigliare. Il distretto impiega 12.700 persone, tra lavoratori alle dirette dipendenze delle imprese e assunti da agenzie interinali. I primi, racconta il dossier, rappresentano il 72% del totale, i secondi il 28%. «È nelle officine dei terzisti che si concentra il lavoro interinale... dove si registrano le situazioni di maggior sfruttamento lavorativo».

Nel 2012 i lavoratori interinali nel distretto di Santa Croce erano 1.733 ma due anni dopo erano raddoppiati: 3.451. Il lavoro è cresciuto dunque ma in forma sempre più precaria se nel 2014 hanno trovato lavoro 4.650 nuovi addetti, ma solo 1.199 alle dipendenze delle aziende produttrici. I contratti di lavoro interinale sono di vario tipo: persino da 4 ore: «Un lavoratore viene assunto alle 8 e a mezzogiorno si ritrova già senza lavoro». Le leggi han dato una mano alle imprese però le infrazioni non mancano: a Santa Croce è «abituale lavorare ben oltre le ore di straordinario consentite, facendo ampio ricorso al pagamento al nero. Dal 1° gennaio 2011 al 31 dicembre 2014, nel distretto sono state ispezionate 185 aziende (concerie e terzisti) per un totale di 1.024 lavoratori. Di questi, 70% erano di nazionalità italiana e 30% immigrati. Complessivamente sono state trovate irregolarità riguardanti 217 lavoratori fra cui 116 totalmente in nero. Il 43% dei lavoratori in nero erano immigrati».

Ancora una volta il prezzo più alto lo pagano gli stranieri: i contratti interinali del 2014 sono fatti a loro per oltre la metà (e negli ultimi dieci anni gli stranieri residenti nei Comuni del distretto sono triplicati, passando da 5.060 a 14.248). La crisi ha indebolito ulteriormente la loro posizione. C'è chi si ribella: Amadou, senegalese, si rifiuta di «fare cose che non fanno gli italiani». Ma Mario, operaio italiano interinale, ammette che «i senegalesi sono impiegati soprattutto dove si lavora in condizioni igieniche non ottimali: sul bagnato, con il rumore, in operazioni faticose». A far da teste di cuoio.

anche su il manifesto



Powered by Amisnet.org