Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


PAURA DELLA BOMBA: IL CONFLITTO MAI RISOLTO TRA INDIA E PAKISTAN

Se un'otarda cambia la geopolitica

India Pakistan, attentato al dialogo

DAESH ALLA CONQUISTA DEL KHORASAN

Razzisti in nome di Allah

Daesh, un progetto sul pianeta

TERREMOTO SENZA FRONTIERE

Migranti. Nulla di fatto a Bangkok

FOSSE COMUNI NEI CAMPI DEI MIGRANTI

ACCORDO SUI MIGRANTI NEL SUDEST ASIATICO

A Oriente del Califfo: l'Asia nella strategia di Daesh

GIORNATA NERA PER INDIA E PAKISTAN

VIAGGIO ALL'EDEN 10 / LA FINE DELL'AVVENTURA 13/9/13

VIAGGIO ALL'EDEN 9/ FINALMENTE KATHMANDU 9/9/13

VIAGGIO ALL'EDEN 8/ MADRE INDIA 2 / 8/9/13

Razzisti in nome di Allah

Stando a un rapporto d'intelligence cui avrebbero contribuito ricercatori di diversi Paesi e citato in questi giorni diffusamente dalla stampa indiana, Daesh considera la non provenienza da un Paese arabo lo spartiacque per dividere i combattenti del califfato in musulmani di serie A e B

Sabato 28 Novembre 2015

Uno degli elementi di forza dell'espansione islamica in Asia è sempre stata la percezione, per i nuovi adepti alla parola del profeta, di poter godere di pari diritti davanti a Dio e davanti ai tribunali. Uno status che non era garantito in territori come l'India o l'Indonesia, dominati dalla regola delle caste. L'uguaglianza era invece una garanzia del Corano al convertito al di là della comunità di provenienza, della lingua, del colore della pelle. E' dunque abbastanza bizzarro che i puristi di Daesh applichino al contrario questa regola su cui si fonda uno dei capisaldi della diffusione dell'islam. Stando a un rapporto d'intelligence cui avrebbero contribuito ricercatori di diversi Paesi e citato in questi giorni diffusamente dalla stampa indiana, Daesh agirebbe proprio in direzione opposta: considerando la non provenienza da un Paese arabo – o di antica assimilazione araba – lo spartiacque per dividere i combattenti del califfato in musulmani di serie A e B.

Rientrerebbero nella categoria B soprattutto indiani e pachistani ma anche cinesi, indonesiani e africani. Chissà, ma il rapporto non sembra dirlo, se ciò vale anche per il Caucaso e i combattenti che provengono dall'Asia centrale e che di solito sono ritenuti ottimi guerriglieri. I "soldati" dell'Asia meridionale e orientale sarebbero comunque i meno affidabili: a loro non solo non sarebbero riservato il rango di “ufficiali” o la possibilità di entrare nella “military police” di Daesh (riservata a tunisini, palestinesi, sauditi, iracheni e siriani), ma vivrebbero in baracche meno accoglienti, non sarebbero ben armati, godrebbero di un salario inferiore e verrebbero addirittura utilizzati come carne da macello: spediti sulla linea del fronte, davanti ai guerriglieri etnicamente puri, a far da kamikaze senza saperlo, su jeep imbottite di esplosivo che saltano dopo che l'inconsapevole autista ha ottemperato al comando di comporre un certo numero al cellulare...

Sebbene sia sempre meglio essere diffidenti anche su questi rapporti di intelligence più o meno segreti, la cosa sarebbe suffragata da almeno tre elementi. Uno quantitativo, uno culturale e uno ideologico religioso. Per quel che riguarda gli indiani, ad esempio, il loro numero tra i foreign fighter sarebbe abbastanza ridotto: solo ventitré. Ma di questi ne sarebbero già morti sei, ossia uno ogni quattro, che è molto. L'altro elemento – come molti altri mediati dalla terra dei Saud, vedi alla voce decapitazione – riguarda il trattamento che in Arabia saudita o nel Golfo viene riservato a indiani, pachistani, bangladesi o indonesiani: camerieri e muratori senza diritti, relegati nelle periferie delle città e pagati una miseria. Decapitati o frustati se incorrono in qualche supposta malefatta. Questi musulmani di serie B, evidentemente ritenuti oltre che meno abili guerrieri anche meno affidabili sul piano della fedeltà, sarebbero sotto stretta sorveglianza da parte della polizia di Daesh.

Infine c'è anche un problema dottrinario: Daesh abbraccia la scuola giuridica (madhaab) hanbalita, una delle quattro seguite dai musulmani in tema di giurisprudenza coranica (fiqh). Centroasiatici, afgani, pachistani, indiani e bangladesi seguono soprattutto quella hanafita (la più antica e diffusa) vista con diffidenza da wahabiti e salafiti, per non parlare di quella shafita (diffusa in Indonesia, India, Africa orientale). Si ritorna dunque alla penisola arabica dove la scuola hanbalita - fu fondata a Bagdad da Ahmad ibn Hanbal - si è poi confinata. Ribadisce la supremazia dei testi sacri sul ragionamento personale, rifiuta l’analogia come fonte del diritto ed è la base giuridica dei movimenti wahabiti e salafiti.



Powered by Amisnet.org