Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


Gli sculaccioni dello zio Sam

L'ECO INTERNAZIONALE DEL MINISTRO TERZI 16/3/13

INDISCRETO: LA NATO O FINMECCANICA? 8/12/12

DI PAOLA E IL VETO DI LA RUSSA 26/11/11

IL MINISTRO IN MIMETICA E LA FONDAZIONE CUTULI 8/4/2011

UN CONSIGLIERE MILITARE PER FRATTINI 11/2/11

L'UOMO CHE RIDEVA TROPPO E IL CIRCOLO DELLA CACCIA 9/3/10

AFGHANISTAN, LA UE SILURA IL CANDIDATO ITALIANO 23/2/10

GLI IMBARAZZI DI EIKENBERRY 22/11/09

VERSO L'INCORONAZIONE DI KARZAI 6/11/09

FARNESINA, PIANI ALTI SENZA FIRMA 8/10/09

E SE AUNG SAN SUU KYI CHIEDESSE IL VISTO ALL'ITALIA? 15/5/09

PEACEKEEPING, LA MATEMATICA DI SILVIO E QUELLA DI GEORGE 13/6/08

ESTERI/IL VALZER DEI SOTTOSEGRETARI 1/5/08

SE IL BUON ESEMPIO NON E' PIU' UNA VIRTU' 9/4/08

Gli sculaccioni dello zio Sam

A. B.

Domenica 22 Novembre 2015


Ci è andato giù pesante l'ambasciatore americano in Portogallo. In una fase molto delicata della politica del paese lusitano, al limite della crisi istituzionale, con il governo di centrodestra di Passos Coelho sfiduciato dal Parlamento e il presidente della Repubblica Cavaco Silva che non vuole dare l'incarico ai socialisti perché formerebbero una maggioranza di sinistra (che pur avrebbe una larga maggioranza in Parlamento), Mr Robert Sherman, diplomatico di area democratica accreditato a Lisbona dal novembre 2014, finanziatore di Obama e famoso avvocato penalista, in un'intervista radiofonica trasmessa venerdì scorso a Radio Renascença ha detto che “quando ci sono i comunisti e il Blocco di sinistra che manifestano contra la manovra NATO Trident Juncture, condannano le azioni NATO e dei suoi partner in un momento in cui pensiamo che proprio la NATO sia molto necessaria al mondo, questo per gli Stati Uniti è un fattore di grande preoccupazione perché mette in dubbio se il Portogallo sarà ancora un membro disponibile delle alleanze necessarie per sradicare il terrorismo.” E per esser più chiaro ha aggiunto che la diplomazia americana è in costante contatto sia con i dirigenti socialisti che con quelli di PSD-CSD (centrodestra).

Ossia, anche se ha sentito il bisogno di precisare che il suo governo “non vuole definire una posizione politica su cosa deve o non deve succedere in Portogallo, dato che ciò spetta al popolo portoghese in un processo democratico”, è difficile credere che la sua uscita non rappresenti una fortissima pressione sul Partito socialista di António Costa perché accetti di formare un governo di coalizione con le destre. E ha aggiunto una frase interessante. “Mio padre quando stavo crescendo mi diceva sempre: dimmi con chi vai e ti dirò chi sei. Ma il Partito socialista sta facendo ora un'alleanza amichevole con due partiti anti-NATO.” Se non è ingerenza politica questa, che cos'è? Insomma, se non fanno i bravi quei birichini del PSP (e i portoghesi che dopo anni di disastrosa austerity hanno incautamente votato per i partiti di sinistra), lo Zio Sam potrebbe somministrare sonori sculaccioni.



Powered by Amisnet.org