Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


BANGLADESH, CACCIA AGLI ISLAMISTI

PAROLARI: DAESH RIVENDICA

In Bangladesh l'ombra di Daesh

La morte di Tavella e i progetti di Daesh in Bangladesh

RANA PLAZA UN ANNO DOPO 24/4/14

RANA PLAZA UN ANNO DOPO, LE SIGLE DA CONOSCERE 23/4/14

ASPETTANDO BENETTON 3/4/14

IO, SHILA BEGUM, NON VOGLIO BENEFICIENZA 3/4/14

TESSILE, UN FILO ROSSO SANGUE 3/4/14

BANGLADESH, C'E' UNA MACCHIA SULLA TSHIRT 26/2/14

BANGLADESH/ LA PROTESTA PER IL SALARIO MINIMO 15/11/13

BANGLADESH, L'ULTIMA PAROLA DELLA CORTE SUPREMA 18/9/13

RANA PLAZA: CHI VUOLE E CHI NO RISARCIRE LE VITTIME 11/9/13

VERSO UN FONDO PER LE VITTIME DEL RANA PLAZA 24/7/13

CHI SI E CHI NO A UN MESE DAL RANA PLAZA 25/5/13

In Bangladesh l'ombra di Daesh

Terzo attentato contro uno straniero fortunatamente andato a vuoto: nel mirino il missionario italiano Piero Parolari, ferito alla testa e ora in cura a Dacca. Una nuova azione degli islamisti vicini la califfato?

Emanuele Giordana

Giovedi' 19 Novembre 2015

E' andato a vuoto il tentativo di omicidio in Bangladesh ai danni del missionario italiano Piero Parolari, ferito mentre era in bicicletta a Dinajpur, 350 chilometri a Nord di Dacca dove svolge, oltre al servizio pastorale, anche l'attività di medico nell'ospedale della missione locale e come volontario al Dinajpur Medical College Hospital. Tre uomini in moto gli avrebbero sparato ma nessun proiettile è andato a segno anche se Parolari ha ferite alla testa. Ora è ricoverato a Dacca e se la caverà. E' andata molto peggio ad altri due stranieri uccisi meno di due mesi fa e la cui morte è stata rivendicata da Daesh: il cooperante Cesare Tavella, ucciso nella capitale il 29 settembre, e Kunio Hoshi, giapponese, ammazzato a Rangpur il 3 ottobre Il 5 invece, un prete battista bengalese, Luke Sarkar, era riuscito a fuggire dopo essere stato accoltellato da uomini entrati nella sua chiesa a Pabna.

Per ora una rivendicazione non c'è e il governo del Bangladesh ha sempre negato che Daesh esista nel Paese anche se è nota l'attività di un'organizzazione in particolare (di sei messe al bando): Ansarullah Bangla Team, un gruppo di ispirazione qaedista nato diversi anni fa, poi sparito ma ora riaffacciatosi sulla scena. Le sue rivendicazioni per ora sono tre: l'uccisione dei due stranieri e un attacco simultaneo contro templi sciiti a Dacca. Inoltre, poco prima dell'attentato a Tavella, Abt aveva pubblicato una lista di blogger e attivisti minacciandoli di morte (bangladesi espatriati e non e altri nel mondo). Abt potrebbe essere responsabile delle uccisioni di diversi blogger per le quali sono stati eseguiti molti arresti e processi. Ma spesso i legami sono confusi: Al-Qaeda nel subcontinente indiano (Aqis) ne ha rivendicati e la polizia ha arrestato, sempre per la vicenda blogger o editori laici, persone legate al Jamaat-e-Islami, la maggior organizzazione islamista del Paese la cui costola giovanile studentesca, Chatra Shibir, non sarebbe estranea alle attività dell'Abt.

Blogger, editori, attivisti sono nel mirino degli islamisti anche per le vicende che riguardano le condanne a morte di islamisti che si macchiarono di crimini durante la guerra per la separazione dal Pakistan negli anni Settanta. Un capitolo difficile del Bangladesh con continue condanne a morte per i fatti dell'epoca che hanno provocato reazioni e su cui gli islamisti pensano di far leva.


vai a...



Powered by Amisnet.org