Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


L'Italia risponde "Signorsì"

Il rifugio sicuro della guerra permanente

AFGHANISTAN, GUERRA INFINITA

TALEBANI A KABUL

Icc, Usa e talebani alla sbarra

Il piano Trump per l'Afghanistan? Più soldati e più vittime

VECCHIA RETORICA NEL NUOVO PIANO AFGANO

DA RAQQA CON FURORE

Italiani a Farah: assistere o combattere?

UN VICERE’ AMERICANO A KABUL

La nuova guerra afgana

Surge americano

STRAGE AL FUNERALE

Kabul, strage senza fine

KABUL IL GIORNO DOPO

KUNDUZ, L'INDAGINE CHE NON C'E'

Ancora niente di fatto per l'inchiesta interna della Difesa americana sul raid del 3 ottobre in Afghanistan. 300mila firme per Msf che chiede una commissione indipendente

Em. Gio.

Domenica 25 Ottobre 2015

Mentre il bilancio del raid del 3 ottobre che ha devastato l'ospedale di Msf a Kunduz in Afghanistan è salito a 25 vittime, il Pentagono ha fatto sapere che il rapporto interno della Difesa americana (un'altra inchiesta viene condotta dalla Nato e un'altra ancora dal governo di Kabul) non è ancora pronto. Nel giustificare il ritardo, il segretario alla Difesa Ashton Carter ha detto che il Pentagono vuole un lavoro «fatto bene», in linea con l'assunzione di responsabilità e trasparenza nei confronti delle vittime. Il rapporto, o quantomeno le prime risultanze dell'indagine, erano attese entro questa settimana, a quasi un mese ormai da quello che Washington e la Nato hanno definito un «tragico incidente» e Msf una patente «violazione del diritto internazionale umanitario». In altre parole un crimine di guerra.

I parenti delle vittime (staff e pazienti) intanto aumentano e molto probabilmente aumenteranno ancora perché i Medici senza frontiere stanno lavorando al riconoscimento di altri sette cadaveri tuttora irriconoscibili, trovati tra le macerie dell'ospedale bombardato dall'aereo da combattimento americano AC-130 che, all'alba del 3 ottobre, ha ripetutamente colpito il centro medico (il Lockheed AC-130 è quadrimotore a turboelica impiegato come cannoniera volante per attacchi sul terreno). Mentre Msf continua a chiedere un'inchiesta indipendente, il ritardo nell'indagine interna non fa intanto che aumentare l'irritazione dopo che, alcuni giorni fa – col compito di raccogliere prove sui fatti – veicoli blindati con a bordo militari americani e afgani sono penetrati nell'ospedale (dove tra l'altro si trovavano alcuni responsabili di Msf), forzandone il portone e distruggendo presumibilmente parte delle evidenze che i soldati avrebbero dovuto indagare.

La petizione lanciata da Medici senza frontiere a metà ottobre sul web per ottenere un'inchiesta indipendente (attraverso la piattaforma Change.org) ha già superato le 300mila firme ma l'organizzazione medica vuole arrivare a 500mila: chiede al presidente statunitense Barack Obama di consentire un'indagine autonoma e neutrale da parte della Commissione d’inchiesta umanitaria internazionale (Ihffc), l’unico organo permanente specificamente istituito per indagare le violazioni del Diritto internazionale umanitario. Ihffc si è detta disponibile ma sta aspettando luce verde sia dagli Stati Uniti sia dal governo afgano.


ANCHE SU il manifesto



Powered by Amisnet.org