Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


L'Italia risponde "Signorsì"

Il rifugio sicuro della guerra permanente

AFGHANISTAN, GUERRA INFINITA

TALEBANI A KABUL

Icc, Usa e talebani alla sbarra

Il piano Trump per l'Afghanistan? Più soldati e più vittime

VECCHIA RETORICA NEL NUOVO PIANO AFGANO

DA RAQQA CON FURORE

Italiani a Farah: assistere o combattere?

UN VICERE’ AMERICANO A KABUL

La nuova guerra afgana

Surge americano

STRAGE AL FUNERALE

Kabul, strage senza fine

KABUL IL GIORNO DOPO

KUNDUZ MFS: NON E' STATO UN INCIDENTE

Parla il direttore generale per l'Italia: «La struttura è stata colpita in modo reiterato per più di mezzora. L'aereo colpiva, spariva e ritornava a bombardare»

Emanuele Giordana

Domenica 4 Ottobre 2015


«Danni collaterali? Inaccettabile, semplicemente inaccettabile. Incidente? Non è stato un incidente: l'ospedale è stato colpito ripetutamente per più di mezzora». Non è una reazione rabbiosa quella di Gabriele Eminente, direttore generale di Msf Italia. Al telefono da Ferrara. dove partecipa con la sua organizzazione al Festival di Internazionale, risponde con una freddezza e un distacco che non lasciano spazio a commenti o arzigogoli. Msf ha iniziato a lavorare in Afghanistan nel 1980 e lo fa a Kunduz, Kabul, Lashkar Gah, Khost; riceve esclusivamente fondi privati e non accetta finanziamenti dai governi. Ci tiene ai principi «E c'è un principio umanitario chiarissimo e condiviso per cui non solo le strutture sanitarie non dovrebbero essere oggetto di attacco ma anzi andrebbero protette»


Anche se ci sono dei feriti dalla parte del torto?


Noi non facciamo distinzioni, non le abbiamo mai fatte. Chiunque ha bisogno di cure viene curato


L'ospedale adesso è distrutto


E devo purtroppo confermare che, a ora (le 20 di ieri ndr), ci sono 12 vittime tra il personale e 7 tra i pazienti, tra cui 3 bambini. I feriti sono 37, 19 dei quali fanno parte del nostro staff. 5 casi sono critici. Abbiamo dovuto trasferirli tutti a Pol-iCharki, a due ore di macchina da Kunduz


Come spiega che l'errore di cui parla la Nato sia durato tanto


Questo è davvero il punto che va assolutamente chiarito. E non si può parlare di “incidente”: tutti sapevano le nostre coordinate che erano state reiterate all'inizio della battaglia. L'ultima comunicazione è del 29 settembre. Questa per noi è una prassi: tutti devono sapere dove operiamo e cosa facciamo. Sia per potersi curare, sia perché – sapendo dove sono le nostre strutture – si eviti di colpirle. Tutti sapevano non solo dell'ospedale ma anche delle residenze, degli uffici e della nostra unità di stabilizzazione a Chardara (Nord di Kunduz ndr)


Però i raid vi hanno colpito. E per oltre mezz'ora...


Purtroppo non è la prima volta che accade: è successo in Sud Sudan, in Ucraina, in Repubblica Centroafricana. Proprio per questo comunichiamo sempre a a tutti la nostra posizione


L'ipotesi di un atto deliberato?


E' quel che andrà chiarito nel dettaglio perché siamo stati colpiti più volte e per oltre mezz'ora dopo che avevamo avvisato l'autorità militare che eravamo stati bombardati a partire dalle due di venerdi notte. Gravissimo. Chiediamo un'indagine approfondita e trasparente proprio perché l'ospedale è stato colpito più volte in modo reiterato ma non gli edifici vicini. L'aereo colpiva, spariva e ritornava a bombardare


La Nato non vi ha fatto una comunicazione diretta? Si è limitata al comunicato dove si parla di errore e di danni collaterali?


Per quel che mi risulta non c'è stata nessuna comunicazione diretta che vada oltre quel comunicato


L'ospedale era sovraffollato...


Dai 90 che abbiamo normalmente, eravamo arrivati a 110 posti letto in totale, utilizzando corridoi e persino uffici. Al momento c'erano 105 pazienti e 80 membri dello staff


Un rapporto di quasi uno a uno?


L'ospedale è una struttura chirurgico ortopedica specializzata: un centro complesso che si è trovato nella settimana scorsa sotto forte pressione anche perché le altre strutture sanitarie cittadine erano collassate. E il nostro ospedale è diventato l'unico punto di riferimento


Quanta gente avete curato?


Da lunedi scorso quasi quattrocento persone. Vorrei segnalare che tra questi c'erano molti bambini. Voglio dire che noi non facciamo distinzioni nelle cure ma che è indubbio che la maggior parte dei nostri pazienti sono civili


Abbiamo letto di 89 pazienti arrivati in gravi condizioni 44 dei quali sono morti al loro arrivo al centro



La maggioranza dei pazienti aveva subito ferite da arma da fuoco: gravi lesioni addominali, degli arti, della testa. Poi bisogna mettere in conto la distanza: quando il conflitto è divampato è diventato difficile raggiungere l'ospedale se si proveniva da un'altra zona della città. Pazienti che avevano bisogno di cure immediate hanno magari dovuto aspettare ore prima di poter raggiungere la struttura


su il manifesto



Powered by Amisnet.org