Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


L'Italia risponde "Signorsì"

Il rifugio sicuro della guerra permanente

AFGHANISTAN, GUERRA INFINITA

TALEBANI A KABUL

Icc, Usa e talebani alla sbarra

Il piano Trump per l'Afghanistan? Più soldati e più vittime

VECCHIA RETORICA NEL NUOVO PIANO AFGANO

DA RAQQA CON FURORE

Italiani a Farah: assistere o combattere?

UN VICERE’ AMERICANO A KABUL

La nuova guerra afgana

Surge americano

STRAGE AL FUNERALE

Kabul, strage senza fine

KABUL IL GIORNO DOPO

LA GUERRA A KUNDUZ. E A KABUL

Si combatte ancora dopo l'offensiva di mercoledi notte per riprendere la città. Ma la vicenda innesca anche una battaglia di parole nella capitale. Intanto si continua a combattere

Em. Gio.

Venerdi' 2 Ottobre 2015

La prima offensiva dell'esercito afgano e delle forze speciali con l'appoggio degli americani per strappare Kunduz ai talebani è stata lanciata mercoledi notte alle 11 e ieri, in parte, è stato ripreso il controllo della città. Ma la battaglia va avanti. Va avanti a Kunduz, in varie zone limitrofe e lungo la grande strada Baghlan Kunduz che è il tratto stradale più importante di tutto il Nord dell'Afghanistan, mentre in centro i talebani tentano di riconquistare le posizioni perdute nella notte. La battaglia infuria sul terreno ma anche nelle aule del parlamento dove piovono accuse e minacce che imbarazzo il governo e che mettono sotto i riflettori il governatore della città, Omar Safai (all'estero al momento dell'attacco), accusato dallo speaker del Parlamento Abdul Rauf di inesperienza e irresponsabilità: un colpo duro per il presidente Ashraf Ghani, cui spetta la nomina dei governatori delle province.

A ormai cinque giorni dalla clamorosa sortita talebana, l'Afghanistan fa i conti con la prima vera dimostrazione di forza della guerriglia che è segnata da almeno tre elementi: una sfida che viene per la prima volta da Nord e non da Sud; una mossa che rivela o tende a dimostrare che, nonostante la querelle interna seguita alla morte di mullah Omar, i talebani sono forti e compatti; infine una dimostrazione sul terreno alle cellule di Daesh in rapida ascesa nel Paese e che accusano i talebani di non essere stati capaci di costruire, come in Siria o in Iraq, aree controllate dalla guerriglia dove si viva islamicamente sotto un'amministrazione alternativa a crociati e governi corrotti.

Se la città fa i conti coi bombardamenti e la resistenza talebana è difficile da sradicare, la tensione della guerra al Nord si riflette intanto su Kabul. Mentre il presidente Ghani promette una rapida riconquista e istituisce tre commissione per individuare le responsabilità della caduta della città e individuare “spie”, il suo vice Abdullah chiede che le truppe occidentali continuino a sostenere un Paese che, ai suoi occhi, da solo non può farcela. Un appello condito da accuse feroci al Pakistan, reo di continuare l'appoggio alla guerriglia: un Paese cui invece Ghani aveva teso inizialmente la mano. Le accuse al Pakistan arrivano anche dal ministro della Difesa, Bismillah Khan Mohammadi, e dal vice comandante dell'esercito nazionale, Murad Ali Murad, secondo cui il piano di attacco a Kunduz è stato pianificato dall'Isi, i servizi segreti di Islamabad. La guerra al Nord spacca dunque il cuore politico del Paese e rimarca la differenza di vedute all'interno dell'amministrazione. Seppellendo per ora ogni spiraglio negoziale tra governo e guerriglia.


anche su il manifesto oggi in edicola



Powered by Amisnet.org