Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


BANGKOK, IL PRIMO ARRESTO

THAILANDIA, BOMBE SENZA NOME E COSTITUZIONE

Terrorismo senza volto a Bangkok

DAESH E IL PAESE DEI THAI

DIETRO LE QUINTE DI UN GOLPE REGALE 26/5/14

SI INFIAMMA IL SUD DELLA THAILANDIA 14/2/13

SE VINCE SHINAWATRA 5/7/11

A BANGKOK SI SPARA: COLPITO IL GEN.KHATTIYA 14/5/10

THAILANDIA, I ROSSI SFIDANO LO STATO D'EMERGENZA 10/4/10

THAKSIN E BERLUSCONI, CHI IMITA CHI 9/4/10

THAILANDIA: LA GARA DI NERVI TRA ABHISIT E CAMICIE ROSSE

SPLATTER BANGKOK 17/3/10

THAILANDIA, LE PERFORMANCE DI PIAZZA DEI ROSSI PRO-THAKSIN 16/3/10

THAILANDIA, ROSSI PRO-THAKSIN IN PIAZZA 20/9/09

NUOVE VIOLENZE IN THAILANDIA 9/6/2009

BANGKOK, IL PRIMO ARRESTO

Lo straniero, forse di lingua turca e catturato nei sobborghi della capitale, avrebbe avuto un passaporto turco contraffatto

Em. Gio.

Domenica 30 Agosto 2015

«Abbiamo arrestato una persona». Il colpo di scena va in onda a Bangkok ieri pomeriggio. E' il vice capo della polizia nazionale, generale Chaktip Chaijinda, che fa l'annuncio alla radio. «Abbiamo trovato componenti di materiale per fabbricare bombe nel suo appartamento – dice in diretta - e sono fiducioso del fatto che sia probabilmente coinvolto nell'attentato». Un colpo al cerchio, dunque, ma uno anche alla botte della prudenza, in linea con la condotta cauta che polizia, esercito e governo hanno finora tenuto. Non di meno, è questione di poche ore, la faccia del mostro è già in prima pagina anche se è solo un sospettato e anche se non sembra sia lo stesso uomo che le telecamere a circuito chiuso hanno ripreso quel 17 agosto, quando un uomo in t-shirt gialla lascia in un tempietto della capitale una borsa piena di esplosivo che fa strage (i fotogrammi dell'episodio si possono vedere sul sito della Bbc http://www.bbc.com/news/world-asia-34002904) .

Per ora dunque c'è soltanto uno “straniero” che, nelle immagini diffuse, porta una t-shirt gialla come quella dello stragista. Pare che abbia un passaporto turco contraffatto e che forse sia di lingua turca. Pare che non sia l'unico sospetto ma per adesso è l'unico in stato di arresto. La polizia cerca almeno una decina di persone e ha chiesto aiuto all'Interpol anche se Bangkok si è sempre affrettata a escludere un complotto internazionale. Le piste sono tante: musulmani del Sud – sempre in rotta di collisione col governo della maggioranza buddista – o gli uiguri dello Xinjiang cinese, che i secessionisti chiamano Turkestan. Il mese scorso Bangkok ne ha espulsi un centinaio che erano entrati illegalmente e rispedirli in Cina non è un atto che è stato apprezzato da chi viene perseguitato da Pechino. Ma nessuna pista ha portato a un risultato anche se adesso – se è vero che il sospettato è tra i colpevoli – i tasselli cominciano a segnare i margini di un puzzle complicato. Quel che è certo è che il regime ha voluto subito escludere un colpo di mano degli oppositori, cacciati dal golpe un anno fa e che fanno capo alla famiglia dei due ex premier Shinawatra (fratello e sorella).

La tesi sempre ribadita è quella di un attentato all'economia del Paese che ha nel turismo una delle voci più importanti (circa 20 milioni di ingressi l'anno) ma per il resto, anche grazie a un'informazione tenuta rigidamente sotto controllo, nessuna indicazione particolare. Nel Paese dov'è tornato il pugno di ferro dei militari (300mila soldati, 200mila riservisti e una spesa per la Difesa all'1,6% del Pil) è meglio commentare poco. Per adesso bisogna accontentarsi del primo apparente successo.

Il golpe militare è del maggio scorso quando, dopo che la Corte costituzionale ha dichiarato non valide le elezioni, col consenso della corona, il generale Prayuth Chan-ocha diventa premier e mette mano a una nuova Costituzione, presentata nei giorni scorsi. In marzo la legge marziale viene sospesa e in maggio si prefigura per il 2016 un referendum sulla nuova Carta. Il 17 agosto la bomba a Bangkok che uccide venti persone.

anche su il manifesto



Powered by Amisnet.org